sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaRiusciranno Fearne e Scicluna a mantenere le loro cariche europee?

Riusciranno Fearne e Scicluna a mantenere le loro cariche europee?

Il futuro politico di Chris Fearne e di Edward Scicluna è in bilico. Foto d’archivio: Matteo Mirabelli / Marco Zammit Cordina

Il futuro politico del candidato alla carica di commissario europeo, Chris Fearne, e del governatore della banca centrale, Edward Scicluna, è appeso a un filo, dopo che lunedì gli sono state notificate delle accuse penali, sulla scia dell’inchiesta Vitals. Devono affrontare le accuse di frode, appropriazione indebita e lucro fraudolento, in relazione all’affare degli ospedali.

Fearne, vice primo ministro di Malta e ministro dei Fondi europei, è stato designato a succedere a Helena Dalli come prossimo commissario europeo di Malta.

Nel frattempo, Scicluna, ex ministro delle Finanze, è alla guida della banca centrale maltese dall’inizio del 2021, il che gli conferisce automaticamente un seggio nel consiglio direttivo della Banca centrale europea, insieme ai governatori delle banche centrali di tutta Europa.

Ma i tumultuosi eventi dell’ultima settimana potrebbero cambiare tutto questo, nonostante le rassicurazioni di Robert Abela in senso contrario.

Edward Scicluna

Il fatto che Scicluna sieda nel Consiglio direttivo della BCE significa che ha “una responsabilità speciale nel mantenere l’integrità e la reputazione del Sistema europeo di banche centrali (SEBC) e della Banca centrale europea (BCE)”, secondo il codice di condotta della BCE.

Il codice di condotta non fa alcun riferimento a ciò che dovrebbe accadere ai membri che devono affrontare accuse penali, sebbene il fatto di avere un’accusa che pende sulla sua testa possa sembrare in contrasto con la responsabilità speciale di Scicluna di sostenere la reputazione dell’istituzione.

Ma, con grande imbarazzo della BCE, Scicluna non sarebbe l’unico membro del suo consiglio direttivo a trovarsi in guai giudiziari.

Peter Kazimir, governatore della banca centrale slovacca, ha giurato di rimanere in carica quando, nel 2021, è stato accusato di corruzione e concussione. Le accuse riguardavano presunti reati commessi quando Kazimir era ministro delle Finanze del Paese. Kazimir nega di aver commesso qualsiasi illecito.

A distanza di tre anni, Kazimir rimane a capo della banca centrale slovacca e ha mantenuto il suo posto nel consiglio direttivo della BCE, nonostante sia attualmente sotto processo e rischi una potenziale condanna a cinque anni di carcere.

Con gli sviluppi di questa settimana, due dei 26 membri del consiglio direttivo della BCE stanno combattendo contro le accuse penali.

La storia di Kazimir non ha nulla da invidiare a quella del capo della banca centrale lettone, Ilmārs Rimšēvičs, che nel 2018 è stato sorpreso mentre cercava di sollecitare una tangente di 250.000 euro.
Rimšēvičs è stato interdetto dal governo lettone, lasciando di fatto il Paese senza un rappresentante nel consiglio direttivo della BCE, in una mossa che è stata poi ritenuta illegittima dalla Corte di giustizia europea.

La felicità di Rimšēvičs è stata di breve durata. Alla fine dello scorso anno, è stato giudicato colpevole di corruzione dai tribunali lettoni e condannato a una pena detentiva di sei anni.

Le domande inviate alla Banca centrale di Malta, per sapere se Scicluna intende dimettersi dal suo incarico, sono rimaste senza risposta al momento della pubblicazione.

Nel frattempo, il deputato nazionalista David Casa ha chiesto ieri le dimissioni di Scicluna, affermando che la sua permanenza in carica “danneggerà irreparabilmente la reputazione del nostro Paese in quanto centro finanziario”.

Chris Fearne

Analogamente a Scicluna, l’eventuale incarico di Fearne come commissario europeo lo vincolerebbe al codice di condotta della Commissione.

Il codice non prevede la possibilità di incriminazione, ma i membri sono tenuti a evitare di agire in un modo “che influisca negativamente sulla percezione pubblica della loro indipendenza, della loro integrità o della dignità della loro carica”.

La nomina di Fearne avrebbe l’ulteriore complicazione di dover essere approvata dai capi di governo dell’UE in seno al Consiglio europeo, prima di essere sottoposta a un esame da parte di una commissione del Parlamento europeo responsabile del suo portafoglio e, successivamente, dal Parlamento europeo stesso.

Le prospettive che un candidato con accuse penali superi questi ostacoli sembrano essere scarse.

La candidata della Francia durante l’attuale legislatura, Sylvie Goulard, è stata respinta da una commissione del Parlamento europeo, anche a causa del sospetto che abbia usato in modo improprio i fondi dell’UE, utilizzando assistenti parlamentari per il suo lavoro politico interno.

Sebbene all’epoca non fosse sottoposta ad accuse formali, le accuse sono state sufficienti al Parlamento europeo per respingere la candidatura di Goulard citando preoccupazioni di carattere etico, con il Partito Popolare Europeo che si è mostrato particolarmente critico.

Goulard fu in seguito sottoposta a un’indagine formale, ma alla fine il caso fu archiviato. A quel punto, era troppo tardi per Goulard, il cui posto è stato preso dal commissario europeo per il Mercato interno Thierry Breton.

Come Goulard, la candidata rumena Rovana Plumb è stata respinta da una commissione del Parlamento europeo per una serie di prestiti problematici, che hanno sollevato sospetti di corruzione.

Plumb non aveva dichiarato due prestiti per un importo di quasi 1 milione di euro, il che ha indotto gli eurodeputati a mettere in dubbio la sua idoneità al ruolo.

Allo stesso tempo, anche il candidato ungherese Laszlo Trocsanyi è stato respinto a causa di dubbi su contratti vinti da uno studio legale, da lui co-fondato, tra le altre cose.

Sebbene si ritenga che Fearne abbia raccolto un ampio rispetto, in particolare per la sua gestione della pandemia, la storia suggerisce che si troverebbe ad affrontare una battaglia per ottenere la conferma della sua nomina mentre è sotto l’ accusa di un procedimento penale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE