mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaRecuperati reperti di un naufragio di 2000 anni fa e affreschi murali

Recuperati reperti di un naufragio di 2000 anni fa e affreschi murali

La torre più antica di Gozo sarà aperta al pubblico per la prima volta come museo interattivo dopo un importante progetto di conservazione che l’ha riportata al suo antico splendore.

La Torre di Xlendi aprirà le sue porte al pubblico questa settimana, rivelando i risultati di un progetto triennale da 355.000 euro guidato dal consiglio di Munxar, durante il quale gli addetti al restauro hanno scoperto, tra le altre cose, affreschi murali secolari non documentati.

Per la prima volta saranno esposti all’interno della torre i manufatti in ceramica recuperati da un relitto punico incastonato nei fondali di Xlendi.

Gli oggetti, rinvenuti a pochi metri dalla torre, sono stati recuperati da sommozzatori britannici all’inizio degli anni Sessanta e fanno parte di un relitto di almeno 2.000 anni fa.

Per la prima volta, inoltre, la torre è stata alimentata con energia elettrica, dopo essere stata dotata di pannelli solari e batterie che le consentiranno di essere autosufficiente.

Tenere lontani i pirati

La torre di Xlendi è arroccata sul bordo della punta estrema della baia e sorveglia la costa sud-occidentale di Gozo. Fu costruita come torre di avvistamento nel 1650 dai Cavalieri di Malta come parte dei loro sforzi per prevenire gli attacchi dei pirati e dei soldati dell’Impero Ottomano. Pochi decenni prima, l’isola era stata vittima di un assedio mortale che aveva spazzato via quasi completamente la popolazione.

Nel periodo di massimo splendore, le sentinelle impiegate dai cavalieri stazionavano sulla torre per osservare i movimenti apparentemente pericolosi all’orizzonte.

L’architetto e docente universitario Hermann Bonnici, che ha supervisionato i lavori di restauro e ha svolto ricerche sulla storia della torre, ha raccontato che i cavalieri si preoccupavano principalmente di difendere La Valletta e il Grand Harbour, ma presto si resero conto che dovevano trovare il modo di difendere anche le coste esposte dell’isola.

“Per questo motivo costruirono le torri di guardia più grandi, ma poi si resero conto che sarebbe stato logisticamente difficile presidiarle tutte, così passarono alla costruzione di torri più piccole per fungere da avamposti di guardia, come quella di Xlendi.”

Ma quando i cavalieri lasciarono Malta e le minacce di assedio dal mare diminuirono, la torre divenne superflua e cadde vittima del suo stesso assedio contro le onde salate del mare aperto.

Gli effetti negativi sull’edificio storico sono stati aggravati da decenni di incuria e da un restauro scadente.

Gli inglesi non si preoccuparono più di tanto di utilizzare o salvaguardare le torri e pensarono addirittura di demolirle. E negli anni ’50 la torre si era drasticamente deteriorataBonnicci

Quando nel 2020 sono iniziati i lavori di restauro, gli operai hanno scoperto che lo strato esterno di pietra di una delle facciate della torre era completamente crollato, costringendoli a recuperare tutte le pietre che potevano salvare e a ricostruire la facciata pietra per pietra.

La torre ha due piani, un tetto e una terrazza. La porta principale accoglie i visitatori all’interno dell’ultimo piano, da dove una scala conduce ad altre due stanze del piano terra sottostante. Un’altra scala conduce al tetto e a un pozzo progettato per immagazzinare l’acqua piovana.

A differenza delle altre torri sparse lungo le coste maltesi, quella di Xlendi ha una terrazza sul retro, che ha subito anch’essa danni ingenti, ha detto Bonnici che, insieme ai suoi colleghi dell’Istituto Internazionale di Studi Barocchi, coordina una serie di corsi di arte e architettura barocca, storia e restauro.

Scoperta di affreschi

Durante i lavori sono stati rinvenuti, nascosti sotto uno strato di vernice, affreschi murali precedentemente non documentati.

I dipinti sono relativamente semplici ma risalgono a centinaia di anni fa e mostrano un crocifisso, quello che sembra un altare, un paesaggio di un villaggio rurale e altre tracce di un motivo decorativo.

“È stato del tutto inaspettato. Siamo stati colti di sorpresa perché nessuno ne conosceva l’esistenza”, ha detto il sindaco di Munxar Damien Spiteri.

“La scoperta ci ha spinto a prendere una direzione leggermente diversa nel progetto: innanzitutto acquisire ulteriori fondi per restaurare gli affreschi e poi incorporarli in un museo interattivo per aiutare i visitatori a comprendere la ricca storia di Xlendi”.

Il museo conterrà anche reperti in ceramica provenienti da un relitto punico che si ritiene risalga ad almeno 2.000 anni fa e che si trova a pochi metri dalla torre.

I manufatti, che fanno parte di una collezione di Heritage Malta e che l’agenzia ha prestato al Consiglio, erano una volta tra le numerose anfore trovate nel naufragio. I manufatti e le mostre che li accompagnano gettano una luce significativa sul tipo di attività commerciale e sulle rotte commerciali di Xlendi, che risalgono a 2.000 anni prima di Cristo.

“I manufatti lasceranno i visitatori a bocca aperta per l’impatto e l’importanza che questa piccola baia ha avuto nel corso dei millenni“, ha detto Spiteri.

I lavori di restauro della torre sono stati in parte finanziati dai fondi dell’UE, dal Consiglio di Munxar e dal Segretariato parlamentare per il governo locale.

La torre sarà inaugurata giovedì e il pubblico potrà visitarla per la prima volta durante le due giornate di apertura del 17 e 18 giugno.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Blog in diretta: Fearne, Scicluna in tribunale nel secondo giorno del caso dello scandalo ospedaliero

Ospedale St. Luke. Due ex ministri e tre segretari permanenti dovranno affrontare le accuse relative allo scandalo degli ospedali mercoledì, quando il tribunale di...