Paul Pace chiede un’indagine sulla fuga di notizie del Times of Malta

Il presidente dell’Unione maltese delle ostetriche e degli infermieri ha chiesto un’indagine su come siano trapelate al Times of Malta informazioni personali relative all’azione disciplinare che stava affrontando per abuso di fondi pubblici.

Vuole anche che si indaghi su come le informazioni personali trovate nel suo fascicolo personale siano finite nelle mani dell’opinionista politico del Partito Laburista Manuel Cuschieri.

pace avrebbe dovuto affrontare una commissione disciplinare della Commissione per i Servizi Pubblici dopo che un’indagine aveva concluso che egli si era appropriato di fondi pubblici richiedendo il pagamento di lavori presumibilmente non eseguiti, anche quando si trovava all’estero.

La commissione d’inchiesta era stata istituita ad aprile dopo che Cuschieri aveva affermato di aver richiesto diverse ore di straordinario sul posto di lavoro all’ospedale Mount Carmel quando in realtĂ  era in vacanza in Egitto.

Cuschieri aveva fatto queste affermazioni per la prima volta nel suo programma Linja Diretta su Smash TV e aveva minacciato di parlare ancora della questione se non fosse stata indagata.

Le accuse erano emerse nello stesso periodo in cui il MUMN era ai ferri corti con il Ministero della Salute per le condizioni di lavoro degli infermieri.

Solo due giorni prima del programma radiofonico di Cuschieri, Pace aveva fatto visita ai centri sanitari e al Gozo General Hospital.

Le direttive facevano parte di un’ampia azione sindacale che il sindacato aveva lanciato a marzo, sostenendo che non c’erano soldi per gli infermieri mentre le trattative per un nuovo contratto collettivo erano in fase di stallo.

In una protesta giudiziaria depositata in tribunale, l’avvocato di Pace, Chris Cilia, ha affermato che le informazioni trapelate a Cuschieri e al Times of Malta erano riservate e sono state trasmesse illegalmente a terzi non autorizzati da un dipendente pubblico che ha avuto accesso ai dati personali del suo cliente e alla documentazione in possesso del Dipartimento della Salute, in violazione del codice etico della Legge sulla Pubblica Amministrazione e di altre leggi che regolano la protezione dei dati e le normative GDPR.

La protesta è stata presentata contro il segretario permanente del Ministero della Salute, l’amministratore delegato del Mount Carmel Hospital e responsabile del trattamento dei dati Stephanie Xuereb, l’amministratore delegato del Mater Dei Hospital Celia Falzon e il responsabile del trattamento dei dati Joseph Debono. Egli ha affermato che le informazioni sono state divulgate in violazione della Legge sulla Pubblica Amministrazione e dei Regolamenti disciplinari del Servizio Pubblico.

Il procedimento disciplinare contro di lui è stato divulgato al Times of Malta da qualcuno che “evidentemente era in possesso di tutte le informazioni relative a quel procedimento”, ha dichiarato Pace, ritenendo che questo fosse un atto di disprezzo nei confronti della commissione disciplinare che era stata nominata per esaminare il caso.

Nella sua protesta, Pace si è riservato il diritto di intentare un’azione legale per la violazione della protezione dei dati e di presentare una denuncia formale al Commissario per l’Informazione e la Protezione dei Dati.