sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltanon lo accetteremo" Gli studenti di giurisprudenza criticano il premier che critica...

non lo accetteremo” Gli studenti di giurisprudenza criticano il premier che critica la magistratura

Studenti riuniti in protesta davanti ai tribunali in difesa della magistratura. Foto: Chris Sant Fournier

Il Primo Ministro ha la responsabilità di non mettere la magistratura contro il pubblico con le sue dichiarazioni, hanno detto gli studenti di legge in una manifestazione fuori dai tribunali martedì.

Le dichiarazioni di Robert Abela indicano chiaramente che il governo ritiene che l’istituzione giudiziaria sia contro il popolo, ha dichiarato il presidente della Għaqda Studenti tal-Liġi (GħSL) Andrew Drago.

Photo: Chris Sant FournierFoto: Chris Sant Fournier

Drago si è rivolto a una folla di studenti, politici e attivisti che hanno protestato davanti al tribunale di La Valletta per gli attacchi alla magistratura in seguito alla pubblicazione del libro.

Diversi studenti, soprattutto del corso di legge, e altre persone hanno manifestato martedì sera per esprimere la loro rabbia per le dichiarazioni di Abela e per mostrare la loro solidarietà con la magistratura.

Molti di loro avevano cartelli con scritto “Nessuno è al di sopra della legge” e “Studenti per la giustizia”.

Photo: Chris Sant FournierFoto: Chris Sant Fournier

Anche diversi politici hanno manifestato a sostegno, tra cui il leader del PN Bernard Grech, l’eurodeputato David Casa e la deputata del PN Eve Borg Bonello, anch’essa studentessa di legge.

Erano presenti anche il candidato indipendente al Parlamento europeo Arnold Cassola e Robert Aquilina, membro del gruppo Repubblika per lo Stato di diritto.

Lunedì Abela ha tenuto una conferenza per confermare che i pubblici ministeri hanno archiviato le accuse contro il suo predecessore Joseph Muscat e altri.

I suoi commenti gli sono valsi il rimprovero delle ONG, che hanno affermato che i suoi commenti erano, in particolare, rivolti al magistrato Gabriella Vella, che ha supervisionato l’inchiesta giudiziaria sulla vendita degli ospedali a Vitals.

Martedì scorso, il Times of Malta ha confermato che Muscat, il suo capo di gabinetto Keith Schembri, l’ex ministro Konrad Mizzi e altri 19 individui e società saranno processati per altri reati gravi.

Andrew Drago. Photo: Chris Sant FournierAndrew Drago. Foto: Chris Sant Fournier

Parlando fuori dal tribunale, accanto a una grande foto di Daphne Caruana Galizia, Drago ha detto che quando Abela parla durante una conferenza stampa, non parla come avvocato o per se stesso, ma come rappresentante del governo.

“La posizione assunta ieri dal Primo Ministro è stata chiara: queste istituzioni (i tribunali) stanno lavorando contro il pubblico”, ha detto.

“Noi, come GħSL, non lo accetteremo. Se Abela non si fida dei magistrati, perché non si rivolge alla Commissione per l’amministrazione della giustizia? Sappiamo perché le sue ragioni per indebolire il magistrato inquirente sono irragionevoli e non si basano su nulla che non sia un vantaggio politico”.

Ha invitato gli studenti a non permettere al governo di toccare i tribunali.

“Crediamo troppo nello Stato di diritto e noi studenti non vi permetteremo di toccare questa istituzione”, ha concluso Drago.

“Il mio appello al governo è che deve rendersi conto di essere lo Stato e di doverci difendere, non di essere un partito politico”.

Laura Chetcuti Dimech. Photo: Chris Sant FournierLaura Chetcuti Dimech. Foto: Chris Sant Fournier

Uno studente cita la tesi di Abela sul fatto che la magistratura sia libera da pressioni politiche

La studentessa e vicepresidente del GħSL Laura Chetcuti Dimech ha criticato i commenti e gli attacchi di Abela alla magistratura, soprattutto dopo che la sua tesi di laurea riflette sull’interferenza giudiziaria.

un giudice deve essere libero da pressioni politiche o di altro tipo”, ha letto Chetcuti Dimech, citando la tesi di laurea maltese di Abela del 2002 intitolata “Judicial Accountability and Impeachment”.

Photo: Chris Sant FournierFoto: Chris Sant Fournier

“Se volete leggerla, questa tesi è stata scritta da Robert Abela”, ha detto, mentre la folla esplodeva in applausi e acclamazioni.

Abela ha ripetutamente sostenuto che, per legge, Vella avrebbe dovuto concludere la sua inchiesta entro 60 giorni e che il periodo di quattro anni che le è servito per completare il lavoro su Vitals era “esagerato”.

Ma Chetcuti Dimech ha detto che le inchieste richiedono più tempo per essere concluse a causa degli altri lavori che un magistrato deve seguire e a causa del limitato pool di esperti giudiziari disponibili, il che significa che la compilazione dei rapporti viene ritardata.

Alla protesta sono intervenuti anche il presidente del KSU Luke Bonanno, il responsabile politico del GħSL Michael Spiteri e la responsabile nazionale di Kunsill Nazzjonali taż-Żghażagħ Sarah Xuereb.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE