martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaMuscat deve ricevere parti dell'inchiesta Vitals, il giudice decide, mentre l'ex premier...

Muscat deve ricevere parti dell’inchiesta Vitals, il giudice decide, mentre l’ex premier salta il tribunale

Joseph Muscat (a sinistra il 30 aprile) afferma che un magistrato che indaga sull’affare degli ospedali Vitals è prevenuto nei suoi confronti. Foto: Matteo Mirabelli/Mark Zammit Cordina

Aggiornamento delle 18.30

Le sezioni dell’inchiesta giudiziaria su Vitals che riguardano Joseph Muscat devono essere messe a sua disposizione, come ha stabilito giovedì un tribunale.

Il giudice Giovanni Grixti ha ordinato al Procuratore Generale di presentare tutti i documenti dell’inchiesta sull’ex primo ministro, dal momento in cui il suo nome è emerso nel caso fino alla fine dell’indagine, affermando di non poter giungere a una conclusione accurata senza vederli.

Il giudice ha preso questa decisione nell’ambito di una causa che Muscat ha presentato sostenendo che i suoi diritti sono stati violati permettendo a un particolare magistrato di indagare su di lui.

Muscat, l’ex ministro Konrad Mizzi e l’ex capo di gabinetto Keith Schembri sono tra i soggetti archiviati in seguito alle raccomandazioni dell’inchiesta sull’accordo di privatizzazione di tre ospedali statali, che è stato oggetto di scandalo.

Il giudice ha dichiarato che i documenti dell’inchiesta ordinati giovedì devono essere conservati dal tribunale e resi disponibili solo alle parti in causa.

Muscat avrà accesso solo alle parti dell’inchiesta che lo riguardano, ha detto il giudice. Tutte le altre sezioni dell’indagine rimarranno al Procuratore Generale, a meno che le future udienze del caso presiedute dal giudice Grixti non le richiedano.

Se l’Avvocatura di Stato intende appellarsi a questa decisione, ha solo quattro giorni di tempo per farlo, poiché il giudice ha ridotto il consueto limite di 10 giorni per garantire che gli avvocati di Muscat ricevano i documenti prima che inizi il processo penale basato su di essi.

Le accuse penali sono state formulate all’inizio di questa settimana. Esse sostengono che Muscat abbia ricevuto tangenti e abbia fatto commercio di influenze in relazione all’accordo di privatizzazione con Vitals Global Healthcare [poi Steward].

Il successo di giovedì di Muscat nell’ottenere parti dell’inchiesta penale potrebbe spingere il Procuratore Generale a presentare l’intero rapporto, poiché altri imputati che affrontano accuse penali a seguito dell’inchiesta saranno tentati di presentare i propri procedimenti giudiziari per ottenere l’accesso.

A tutti gli imputati è garantito l’accesso all’inchiesta una volta chiamati in giudizio davanti a un tribunale penale, ma non si sa ancora quando avverranno le udienze.

Joseph Muscat non è in tribunale

L’ex primo ministro non era presente in tribunale per la sessione di giovedì, ma poiché il caso non riguardava le accuse penali, non era tenuto a partecipare.

Al contrario, Muscat è apparso sull’emittente televisiva locale F Living poco dopo l’udienza in tribunale per dire che avrebbe concentrato le sue energie nel fare causa a coloro che l’avevano scatenata.

L’udienza di giovedì ha riguardato il tentativo di Muscat di fermare l’indagine che ha portato alle accuse penali che lui insiste siano inventate. L’inchiesta, condotta dal magistrato Gabriella Vella, si è conclusa 10 giorni fa.

Giovedì, il giudice Grixti ha osservato che, essendo l’inchiesta ormai conclusa, un’altra delle richieste di Muscat non poteva essere accolta.

L’ex primo ministro aveva chiesto la sospensione dell’inchiesta fino a quando il tribunale non si fosse pronunciato sulle sue obiezioni contro il magistrato. Ma giovedì il giudice ha dichiarato che, essendo l’inchiesta conclusa, la richiesta di Muscat di sospenderla non era più pertinente.

Obiezione di Muscat al magistrato

Tuttavia, l’obiettivo legale più ampio di Muscat – quello di convincere la corte che i suoi diritti sono stati violati dall’indagine del magistrato Vella – continuerà.

Il giudice ha detto che gli avvocati di Muscat potranno presentare le loro prove a partire dalla prossima udienza, una volta ricevuti i documenti dell’inchiesta che lo riguardano.

Muscat ha condotto una battaglia legale lunga un anno contro l’indagine del magistrato Vella, che a suo dire è di parte e fa parte di un’inchiesta. Ha affermato che le informazioni sull’indagine sono state sistematicamente divulgate e che il magistrato non lo ha convocato per testimoniare fino a quando lui non si è opposto.

Il caso continua il 25 giugno.

Gli avvocati Vincent Galea e Charlon Gouder hanno rappresentato Muscat.

Gli avvocati James d’Agostino e Isaac Zammit hanno rappresentato l’ufficio e il Procuratore generale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...