venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaL'unità dei ranger lancia l'allarme sui lavori illegali a Mellieħa

L’unità dei ranger lancia l’allarme sui lavori illegali a Mellieħa

Il luogo di una nuova illegalità che si sta sviluppando ad Armier, secondo l’unità dei ranger. Foto: MRU

L’abusivismo edilizio è proseguito senza sosta la scorsa settimana, quando l’Unità Ranger di Malta ha individuato due siti di lavori edilizi illegali vicini tra loro a Mellieħa.

L’unità ha dichiarato di aver individuato degli operai che caricavano attrezzi su un veicolo da costruzione presso una casa galleggiante trasformata in villa che ha accumulato multe giornaliere dopo che l’anno scorso era stato notificato un avviso di esecuzione dell’Autorità di pianificazione (PA).

Il giorno successivo, i ranger hanno segnalato alle autorità la presenza di lavori di scavo illegali per l’ampliamento di un’altra rimessa per barche nelle vicinanze, e i funzionari della PA e dell’Autorità per l’Ambiente e le Risorse (ERA) hanno bloccato i lavori poco dopo.

Entrambi i siti si trovano nella baia di Armier, vicino alla storica Torri l-Abjad (Torre Bianca) e all’interno di un’area Natura 2000, una rete di aree naturali protette in tutta l’UE in cui lo sviluppo è strettamente controllato.

Rangers said individuals were seen entering and exiting the boathouse-turned-villa with power tools. Photo: MRUI ranger hanno dichiarato di essere stati visti entrare e uscire dalla rimessa trasformata in villa con attrezzi elettrici. Foto: MRU

Nel sottolineare che i due incidenti sono esempi di impunità e di abuso ambientale dilagante, l’unità ha messo in dubbio l’efficacia degli avvisi di esecuzione e ha chiesto alle autorità di smettere di sanzionare gli abusi edilizi.

Confrontando le foto aeree di un sito scattate nel 2012, nel 2018 e quest’anno, in un post su Facebook l’Unità Ranger di Malta (MRU) ha mostrato come un’ex rimessa per barche “di basso profilo” sotto Torri l-Abjad sia stata trasformata in una villa tentacolare negli ultimi dieci anni.

L’MRU ha raccontato che, mentre erano di pattuglia, i ranger hanno notato diverse persone che caricavano attrezzi su un camion da costruzione e hanno avvisato le autorità, mentre gli agenti della PA sono arrivati poco dopo e hanno documentato l’incidente per aggiungere un “caso crescente” contro l’occupante.

Il sito era stato oggetto di un avviso di divieto di accesso nel 2011, poi ritirato, mentre l’anno scorso è stato emesso un nuovo avviso di divieto di accesso, che da allora ha accumulato multe giornaliere.

Secondo la PA, il contravventore, Naser Alshalsh, aveva costruito senza autorizzazione una “rimessa per barche, un parapetto, muri di cinta, una tettoia in legno e una recinzione in legno con cancello”.

Commentando il provvedimento, l’MRU ha affermato che l’avviso “chiaramente non è un deterrente” per coloro che compiono “atti criminali di occupazione del suolo pubblico e di costruzione illegale”.

Nel frattempo, un giorno dopo, i ranger hanno chiamato gli ufficiali dell’ERA e della PA in un sito vicino dopo aver osservato dei lavori di scavo nel sito di diverse case per barche più a monte della costa.

L’unità ha dichiarato che i lavori sono stati interrotti e le indagini sono in corso, con un avviso di esecuzione al sito.

Parlando con Times of Malta, un portavoce dell’MRU ha dichiarato che le costruzioni illegali avvengono “spesso” nei siti Natura 2000 e ha chiesto un’azione più severa nei confronti di chi infrange la legge.

“Una volta individuata l’illegalità, il sito dovrebbe essere bloccato per il trasgressore, il che significa che non dovrebbe avere accesso alla sua costruzione illegale”, ha detto il portavoce.

How one of the sites has grown over the years. Photo: MRUCome è cresciuto uno dei siti nel corso degli anni. Foto: MRU

Sottolineando che alcuni costruivano consapevolmente strutture illegali presumendo che avrebbero potuto “goderne per alcuni anni, anche se potenzialmente dovevano abbatterle”, la portavoce ha fatto notare che alcuni avvisi di accertamento non includevano nemmeno una multa giornaliera e ha chiesto un maggiore coordinamento tra le autorità.

“Chiediamo anche che l’ERA e l’AP lavorino fianco a fianco. Quando si tratta di un sito Natura 2000, dovrebbe sempre esserci un’entità ambientale coinvolta oltre all’Autorità di Protezione Ambientale per spingere affinché l’illegalità venga rimossa immediatamente”, ha detto.

“Questi siti sono di importanza nazionale per il nostro Paese”.

L’Unità dei Ranger di Malta è diventata una parte fondamentale della difesa in prima linea del Paese contro i crimini ambientali, affrontando qualsiasi cosa, dalla caccia illegale alle costruzioni non autorizzate, fino ai falò fuori controllo.

Pur non avendo il potere di far rispettare i regolamenti, essi consigliano, educano e informano il pubblico su come godere e proteggere gli spazi esterni.

La maggior parte dei ranger sono volontari.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE