giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaLa polizia racconta i passi compiuti dai sospetti prima e dopo la...

La polizia racconta i passi compiuti dai sospetti prima e dopo la rapina di Għargħur

I movimenti di due sospetti sono stati tracciati prima e dopo una rapina. Foto: Times of Malta

Due uomini che avrebbero fatto incetta di contanti durante una rapina a mano armata in un ufficio di Għargħur il mese scorso, sono stati messi in custodia cautelare dopo l’udienza di mercoledì.

Marin Minev, 33 anni, disoccupato, e Miroslav Mihalev, meccanico di 34 anni, entrambi cittadini bulgari, si sono dichiarati non colpevoli del violento furto avvenuto il 22 marzo in un ufficio di Triq Stiefnu Zerafa.

L’ispettore Christina Delia ha dichiarato alla corte che verso le 10 del mattino del giorno del crimine, due uomini che indossavano caschi antiproiettile hanno fatto irruzione nei locali, hanno ordinato a una persona presente di consegnare il denaro e sono fuggiti con una somma di denaro indeterminata.

Sulla base dei filmati delle telecamere a circuito chiuso presenti sul luogo della rapina e delle informazioni raccolte dalle presunte vittime e da altri testimoni che si trovavano nelle vicinanze al momento dell’accaduto, gli investigatori hanno seguito le tracce di un particolare veicolo.

È stato raccontato che subito dopo la rapina è stato udito un rumore di giri e si è vista una moto con due motociclisti che si allontanava.

Attraverso le telecamere di sorveglianza, la polizia ha seguito quel veicolo fino a Qormi, fino a Triq it-Tensila, dove viveva Mihalev.

I filmati registrati prima della rapina mostrano i sospetti guidare lungo Naxxar Road e poi verso Gharghur.

Hanno parcheggiato la moto in una stradina tra due showroom di Mosta, poi hanno attraversato la strada e sono entrati nel supermercato Pama, dove l’addetto alla sicurezza alla porta ha ordinato a uno degli uomini di abbassarsi il cappuccio della felpa.

L’uomo è stato identificato come Minev, che aveva un tatuaggio caratteristico.

Il suo compagno non indossava né casco né felpa. È stato facilmente identificato come Mihalev, che era stato arrestato per un altro incidente alcuni mesi prima.

Gli uomini hanno comprato una bomboletta di vernice spray e sono tornati alla moto.

Mihalev ha spruzzato il casco e la moto con uno spray nero, coprendo adesivi e altri segni distintivi.

Queste prove hanno fatto scattare i mandati di arresto contro i due sospetti, che sono stati presi in custodia martedì mattina presto, quando la polizia ha chiamato a casa loro.

Mercoledì i due uomini sono stati accompagnati in tribunale, con l’accusa di furto aggravato, possesso di un’arma al momento della rapina e danneggiamento intenzionale di proprietà di terzi.

Minev è stato accusato separatamente di recidiva.

Mihalev è stato accusato separatamente di aver commesso i reati durante il periodo operativo di una sospensione della pena emessa lo scorso dicembre.

Assistiti da un interprete bulgaro, entrambi si sono dichiarati non colpevoli. I loro avvocati hanno chiesto la libertà provvisoria.

L’avvocato Franco Debono ha chiesto se fosse stata aperta un’inchiesta giudiziaria.

La procura ha confermato che l’inchiesta è stata avviata subito dopo la rapina e le indagini sono ancora in corso.

Alla domanda se le presunte vittime avessero già testimoniato davanti al magistrato inquirente, l’accusa non ha potuto confermarlo.

La richiesta di libertà provvisoria è stata respinta perché il procedimento è ancora in una fase iniziale e le indagini sono in corso, anche perché una terza persona è stata menzionata dagli indagati durante l’interrogatorio.

La moglie e il compagno del co-accusato sono stati chiamati a testimoniare, entrambi confermando che, se fosse stata concessa la libertà provvisoria, ogni accusato avrebbe vissuto nella casa di famiglia.

Dopo aver ascoltato le loro brevi testimonianze e le dichiarazioni delle parti, il magistrato Yana Micallef Stafrace ha rifiutato la cauzione e ha rinviato entrambi gli uomini in custodia.

L’avvocato dell’AG Brandon Bonnici e gli ispettori Christine Delia e Joseph Mallia hanno svolto l’azione penale.

Gli avvocati Franco Debono, Marion Camilleri e Adreana Zammit hanno assistito Minev.

L’avvocato Adriano Spiteri era il consulente legale di Mihalev.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Saqqajja

Un motociclista è rimasto gravemente ferito mercoledì in un incidente a Saqqajja. La polizia ha dichiarato che l'incidente, avvenuto alle 15.15 di mercoledì al largo...