venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaLa Film Commission è stata giudicata colpevole di violazione dei dati

La Film Commission è stata giudicata colpevole di violazione dei dati

Il Commissario per il Cinema Johann Grech

La Malta Film Commission è stata ritenuta colpevole di aver divulgato i dati personali dei lavoratori del settore cinematografico a una società terza per analizzare le condizioni di lavoro nell’industria cinematografica.

Il Commissario per l’Informazione e la Protezione dei Dati Ian Deguara è stato invitato a indagare sulla questione dal regista Matthew Maggi, che ha presentato una denuncia a gennaio dopo aver ricevuto una chiamata da Malta Survey per analizzare le condizioni di lavoro dei lavoratori del cinema.

Maggi ha affermato che è inaccettabile che il rappresentante di Malta Survey non abbia rivelato come la società abbia ottenuto i suoi dati di contatto e lo scopo dell’indagine. Ha anche chiesto chi avesse accesso alle risposte dei lavoratori del cinema, ma le sue domande sono rimaste senza risposta.

Dopo aver chiamato altri rappresentanti di Malta Survey, Maggi ha scoperto che il sondaggio era stato avviato dalla Malta Film Commission, anche se gli hanno comunicato di non esserne a conoscenza.

Maggi ha detto che l’unica volta che i lavoratori del settore cinematografico hanno autorizzato la condivisione dei loro dati di contatto è stato per i potenziali datori di lavoro che accedevano al database delle troupe della MFC a scopo di reclutamento.

L’MFC ha negato qualsiasi divulgazione non autorizzata di dati personali e ha affermato che le affermazioni di Maggi sulla violazione dei regolamenti sono “infondate e non vere”.

Per quanto riguarda l’affermazione di Maggi, secondo cui non avrebbe mai autorizzato la divulgazione dei suoi dati di contatto, l’MFC ha dichiarato che il suo profilo sulla “Opportunity for All Directory” è pubblico e la sua politica sulla privacy afferma che tali informazioni possono essere divulgate a terzi.

L’MFC ha anche fornito una copia dell’accordo stipulato con Malta Survey.

Contraddicendo le affermazioni di MFC, Maggi ha detto che il sito web “Opportunity for All” non è accessibile al pubblico, ma è riservato ai datori di lavoro e agli individui registrati.

“Siccome, purtroppo, il settore è costruito sulla necessità di sforzarsi di mantenere un atteggiamento positivo, uno ci penserebbe due volte prima di esprimere onestamente gli aspetti negativi del proprio lavoro”, cita Maggi.

“Purtroppo, l’inserimento nella lista nera può danneggiare gravemente la reputazione e il reddito di una persona. Succede in molti casi, soprattutto nell’industria cinematografica”.

Il commissario ha chiesto all’MFC di chiarire come Malta Survey abbia avuto accesso ai profili degli utenti sulla “Opportunity for All Directory” se non erano registrati.

L’MFC ha chiarito di aver estratto l’elenco dal sito web e di averlo trasferito a Malta Survey come foglio Excel.

Deguara ha concluso che MFC non ha formalizzato un rapporto con Malta Survey attraverso un contratto, con conseguente violazione dell’articolo 28(3) del regolamento.

Il commissario ha notificato a MFC una nota di biasimo e ha avvertito che, in caso di violazione analoga, sarebbero stati presi provvedimenti.

Maggi ha dichiarato di essere deluso dalla sentenza: “Ci vuole più di un avvertimento perché la Film Commission smetta di operare in modo così sommario, ma credo che ormai l’abbiamo imparato. Questo è solo il modo in cui il commissario cerca di implementare le condizioni di lavoro.

“Un avvertimento non è sufficiente; non si fermerà. Avrebbero dovuto multarlo. È una questione molto seria, si tratta di dettagli personali dei lavoratori”.

Nel 2023, i produttori hanno dichiarato a Times of Malta di non essere stati consultati in merito a una proposta di condizioni minime di lavoro inviata alle troupe cinematografiche dal Film Commissioner Johann Grech.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE