mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaKonrad Mizzi dietro il progetto di un parco eolico in Montenegro

Konrad Mizzi dietro il progetto di un parco eolico in Montenegro

Una revisione dell’affare del parco eolico del Montenegro è stata finalmente pubblicata a seguito di una libertà di informazione da parte di Times of Malta.

La revisione interna di Enemalta, condotta dallo studio legale Mamo TCV, illustra nei dettagli come l’ex ministro Konrad Mizzi fosse l’uomo dietro il progetto intrapreso da Enemalta. Ecco alcuni dei risultati principali del rapporto:

1. Il progetto di Konrad

L’ex ministro dell’energia Konrad Mizzi è la persona che ha “presentato” il progetto del Montenegro a Enemalta.

Mizzi era un amico intimo e un socio dell’uomo d’affari della centrale elettrica Yorgen Fenech, che si è occupato dell’affare del parco eolico attraverso una rete di società offshore.

Il rapporto ha lodato Enemalta per non aver implementato il progetto “alla cieca”, anche se dietro c’era il padrone politico della società statale, Mizzi.

Former Energy Minister Konrad Mizzi was behind the project. Photo: Matthew Mirabelli.
L’ex ministro dell’Energia Konrad Mizzi era dietro al progetto. Foto: Matteo Mirabelli.

Ciò è dimostrato dai rapporti di due diligence e dall’assunzione di Ganado Advocates come consulente per il progetto, si legge nel rapporto. Lo stesso rapporto, tuttavia, critica anche la gestione del progetto da parte del consiglio di amministrazione di Enemalta.

Mizzi era del gruppo parlamentare laburista dopo che Times of Malta e Reuters avevano rivelato la mano nascosta della Fenech nell’affare.

Fenech ha ottenuto un profitto di 4,6 milioni di euro dall’affare, grazie al pagamento da parte di Enemalta di 10,3 milioni di euro per le azioni del parco eolico, settimane dopo che il socio di Fenech, Turab Musayev, le aveva acquistate per 2,9 milioni di euro, tramite una società chiamata Cifidex.

Sia Fenech che Musayev erano direttori di Electrogas, il consorzio che si era aggiudicato un lucroso contratto di fornitura di energia elettrica da parte di Enemalta.

Un’e-mail trapelata dai consulenti finanziari di Mizzi ha rivelato i piani della Fenech’s 17 Black per pagare al ministro dell’Energia e all’ex capo dello staff dell‘OPM Keith Schembri 2 milioni di euro all’anno.

Times of Malta e Reuters hanno rivelato che una seconda società menzionata nella stessa e-mail, era collegata al consulente cinese Chen Cheng, che aveva presentato il progetto del parco eolico al consiglio di amministrazione di Enemalta nel dicembre 2014.

Tutti i soggetti coinvolti negano qualsiasi illecito.

The planned money flows.
I flussi di denaro previsti.

2. Consiglio di amministrazione (in)competente?

Nonostante il rapporto elogi il consiglio di amministrazione per non aver attuato il progetto “alla cieca”, il rapporto afferma che non tutti i membri del consiglio di amministrazione “potrebbero aver posseduto il grado di competenza ed esperienza a tutto tondo che ci si aspetterebbe tipicamente da un amministratore competente ed esperto”.

All’epoca, il consiglio era guidato da Kevin Chircop, che in precedenza aveva agito come consulente di Mizzi.

Tra gli altri membri del consiglio di amministrazione figuravano l’ex capo di Infrastructure Malta Fredrick Azzopardi, l’ex parlamentare laburista Salvu Sant, gli ingegneri Jonathan Scerri, Savour Zammit e Steve Agius.

L’avvocato personale di Mizzi, Aron Mifsud Bonnici, ha svolto il ruolo di segretario del consiglio.

Enemalta's board was chaired by Kevin Chircop, a former adviser to Konrad Mizzi.
Il consiglio di amministrazione di Enemalta era presieduto da Kevin Chircop, ex consigliere di Konrad Mizzi.

Per quanto riguarda l’indipendenza del consiglio di amministrazione, il rapporto osserva che, come spesso accade nelle imprese statali, molti dei membri del consiglio sono di nomina politica.

Secondo il rapporto, ciò può portare a una mancanza di indipendenza (o alla percezione della stessa) da parte di chi è stato nominato.

Mamo TCV ha dichiarato di non essere in grado di reperire alcun verbale che dimostri che il consiglio di amministrazione ha discusso del fatto che la Cifidex ha acquistato il progetto per 2,9 milioni di euro, tre volte il prezzo pagato da Enemalta.

Il rapporto afferma che “ci si sarebbe aspettati” che Enemalta avrebbe discusso la questione, che era stata pubblicamente annunciata in un comunicato stampa dai precedenti proprietari del parco eolico Fersa.

Cifidex did not even own the wind farm shares at the time Enemalta started negotiating with it.
La Cifidex non possedeva nemmeno le quote del parco eolico quando Enemalta ha iniziato a negoziare con lei.

“Questo è sorprendente, perché avrebbe dovuto essere considerato uno sviluppo fondamentale e quindi indicare una debolezza per quanto riguarda l’effettiva supervisione del progetto da parte del consiglio di amministrazione“, si legge nel rapporto.

Quando Enemalta ha accettato di acquistare le azioni dalla Cifidex, quest’ultima non aveva ancora completato l’acquisto delle azioni dalla Fersa.

3. La segretezza della Cifidex

Enemalta “sembra” essere stata all’oscuro di chi fosse il proprietario finale della Cifidex.

Secondo il rapporto, se l’Enemalta avesse saputo che la Cifidex era di proprietà di Musayev, che aveva fatto parte dell’offerta vincente di Electrogas, il consiglio di amministrazione avrebbe potuto “mettere in discussione il progetto e i legami tra i due”.

“Il semplice fatto che il consiglio di amministrazione non fosse a conoscenza del conflitto di interessi o dei potenziali conflitti di interesse che sarebbero potuti sorgere in seguito alla divulgazione della presunta identità [del proprietario della Cifidex], evidenzia l’importanza e le conseguenze del mancato svolgimento di un adeguato esercizio di due diligence”, si legge nel rapporto.

Enemalta 'appears' to have not known Cifidex was owned by ex-Electrogas director Turab Musayev.
Pare che Enemalta non sapesse che Cifidex fosse di proprietà dell’ex direttore di Electrogas Turab Musayev.

Inoltre, da una semplice prospettiva commerciale, le parti preferiscono sapere con chi hanno a che fare, ha aggiunto Mamo TCV.

Mamo TCV ha dichiarato che si sarebbe aspettata “procedure di due diligence più rigorose” da parte di Enemalta nei confronti di Cifidex, per consentirle di individuare eventuali conflitti di interesse e altre questioni rilevanti.

Ha inoltre sottolineato come l’accordo con Cifidex escluda qualsiasi “presunto pagamento eccessivo” per il trasferimento di azioni. Mamo TCV ha osservato di non aver mai riscontrato una clausola simile in un contratto.

4. Prezzo “errato”

Un mistero prevalente nel rapporto è il motivo per cui il prezzo di acquisto del progetto “non corretto” è stato indicato nei documenti ufficiali in Montenegro.

Sebbene Enemalta abbia pagato 10,3 milioni di euro per le azioni del progetto, il prezzo dichiarato in Montenegro era di 3,5 milioni di euro.

Enemalta ha acquistato le azioni da una società anonima di comodo chiamata Cifidex, controllata dall’ex direttore di Electrogas e socio di Fenech Turab Musayev.

The share purchase agreement incorrectly listed the wind farm price as €3.5 million, rather than the €10.3 million paid by Enemalta.
Il contratto di acquisto delle azioni riportava erroneamente il prezzo del parco eolico a 3,5 milioni di euro, invece dei 10,3 milioni di euro pagati da Enemalta.

Un intermediario, Stefano Panniello, è stato utilizzato da Musayev per trattare con Enemalta le condizioni di acquisto.

Sembra che Mamo TCV abbia ricevuto la soffiata mentre cercava di stabilire perché sui documenti ufficiali fosse indicato un prezzo errato.

Enemalta ha dichiarato allo studio legale che la questione è stata trattata dai suoi legali, mentre Ganado Advocates ha detto che la questione è stata gestita dagli avvocati in Montenegro.

Gli avvocati montenegrini, Schoenherr Attorneys, hanno dichiarato a Mamo TCV di non ritenere che la “sottodichiarazione” del prezzo di acquisto abbia avuto un impatto su Enemalta.

Tuttavia, “non ricordano” perché il prezzo sia stato dichiarato in modo insufficiente.

5. E-mail cancellate

Il rapporto redatto da Mamo TCV si limitava alle informazioni fornitegli da Enemalta e ad alcune interviste effettuate.

Sebbene il Ministro dell’Energia Miriam Dalli abbia assicurato al Parlamento che Enemalta ha collaborato alla revisione, il rapporto rivela come Mamo TCV abbia avuto informazioni limitate su cui lavorare.

Le e-mail dei membri del consiglio di amministrazione di Enemalta non erano disponibili, poiché ai singoli membri del consiglio non era stato assegnato un indirizzo e-mail ufficiale.

Miriam Dalli worked as a 'consultant' to Konrad Mizzi when he was Energy Minister.
Miriam Dalli ha lavorato come “consulente” di Konrad Mizzi quando era ministro dell’Energia.

Enemalta ha dichiarato a Mamo TCV che l’accesso agli indirizzi e-mail personali “non sarebbe stato possibile”.

Inoltre, Enemalta ha detto a Mamo TCV che era sua prassi che il contenuto delle caselle di posta elettronica venisse “scartato” dopo sei mesi dall’uscita di un dipendente.

Lo studio legale non è stato nemmeno in grado di effettuare ricerche elettroniche sui computer di Enemalta.

6. Scarsità di politiche

La revisione ha esaminato le strutture di corporate governance di Enemalta per stabilire se il progetto si attenesse a qualche politica interna rilevante.

Mamo TCV ha concluso che Enemalta non dispone di politiche, procedure e/o linee guida particolari per la conduzione di investimenti come il parco eolico del Montenegro.

“Ne consegue quindi che Mamo TCV non è in grado di esprimersi sul fatto che le politiche e le procedure interne di Enemalta relative a qualsiasi particolare processo di investimento fossero di uno standard particolare, né, naturalmente, se ci sia stata aderenza a particolari politiche, procedure e/o linee guida rispetto al progetto“, si legge nel rapporto.

Enemalta has since established an anti-money laundering policy.
Da allora Enemalta ha stabilito una politica antiriciclaggio.

A seguito della revisione, Enemalta ha dichiarato di non aver messo in atto le politiche pertinenti, compresa una politica antiriciclaggio.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Nessun governo, opposizione o ONG può chiedermi di dimettermi: Edward Scicluna

Foto di Edward Scicluna fuori dal tribunale: Chris Sant FournierMercoledì Edward Scicluna ha dichiarato che né il governo, né l'opposizione, né una ONG possono...