domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaIl Ministro delle Finanze esclude i tagli fiscali richiesti dalle associazioni imprenditoriali

Il Ministro delle Finanze esclude i tagli fiscali richiesti dalle associazioni imprenditoriali

Il Ministro delle Finanze Clyde Caruana.

Nella giornata di ieri, il Ministro delle Finanze Clyde Caruana ha escluso i tagli fiscali richiesti da alcune associazioni imprenditoriali per ammortizzare il colpo dell’inflazione.

Il ministro ha sottolineato i 350 milioni di euro di sussidi concessi dal governo per l’energia elettrica e il carburante, e ha ricordato le nuove regole di bilancio dell’UE che impongono agli Stati membri di ridurre il deficit all’1,5% del PIL.

Parlando in parlamento durante l’apertura del dibattito su un disegno di legge per l’attuazione delle misure di bilancio, ha fatto notare che l’Associazione degli esercizi di ristorazione ha chiesto una riduzione dell’IVA. Anche la Camera delle PMI (ex GRTU), che ha chiesto l’abbassamento dell’IVA al 15% per far fronte all’inflazione, ha riferito che le imprese stanno affrontando un aumento dei costi e problemi di assunzione.

Caruana ha dichiarato di non avere nulla contro le imprese e la loro crescita. Se fosse stato così, il governo non avrebbe concesso i generosi sussidi per l’elettricità e il carburante che nessun altro governo sta concedendo.

Ma queste associazioni devono riflettere a fondo sul calo di redditività che i loro membri hanno dichiarato di subire.

Malta è un piccolo Paese con un mercato ristretto che sta risentendo della diminuzione dei margini di guadagno a causa della continua crescita della concorrenza in alcuni settori, come quello della ristorazione.

Accettare le concessioni richieste da queste associazioni servirebbe solo a invitare altri operatori a entrare nel mercato e questi tornerebbero presto a chiederne altre.

Si tratta di un circolo vizioso, perché le persone guardano verso l’interno e non verso l’esterno, ha detto il ministro. È tempo che i principali imprenditori maltesi siano all’altezza della situazione e spingano la comunità imprenditoriale a guardare verso l’esterno”.

Le associazioni, ha osservato, hanno anche lamentato problemi nel reclutamento di lavoratori e nell’assunzione di manodopera straniera. I lavoratori stranieri sono importanti per l’economia e alcuni settori soffrirebbero senza di loro, ha detto Caruana.

Se le imprese continueranno a espandersi verso l’interno in attività ad alta intensità di manodopera, avranno bisogno di un numero ancora maggiore di lavoratori che, a loro volta, avranno bisogno di luoghi di soggiorno e di infrastrutture adeguate, che il governo deve fornire. E con l’aumento della domanda di questi lavoratori, aumentavano anche i costi.

Non era quindi una soluzione rivolgersi al governo, chiedendogli concessioni che avrebbero ridotto le sue entrate. Il governo non può permettersi di ridurre le proprie entrate mentre deve far crescere le infrastrutture e i servizi correlati.

Caruana ha esortato le imprese a guardare oltre le coste maltesi e a cercare la crescita pur richiedendo meno lavoratori.

Il ministro ha ribadito di non essere contrario alla crescita delle imprese e di riconoscere i problemi che alcuni settori economici stanno affrontando, ma la soluzione non è che il governo riduca l’IVA o i dazi sulle importazioni.

Il governo si è impegnato a non aumentare le tasse, ma non può ridurle, ad eccezione dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, che è un impegno elettorale.

Monito del ministro sull’UE

Caruana ha anche esortato il Paese a osservare e discutere gli sviluppi dell’Unione Europea, in particolare le implicazioni per Malta dell’espansione verso est.

L’UE, ha detto, sta iniziando a muoversi sulla strada che sostituirà l’attuale processo decisionale con uno basato sulla maggioranza qualificata, con le dimensioni della popolazione come fattore.

Questo, ha avvertito, porterebbe a una situazione, menzionata da Alfred Sant prima del referendum sull’UE, in cui Malta perderebbe la sua voce e la sua sovranità.

Caruana ha sottolineato che non sta sostenendo l’uscita di Malta dall’UE. Ma il Paese deve stare attento a come un cambiamento di queste regole potrebbe influenzarlo in futuro.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...