venerdì, Giugno 14, 2024
HomeMaltaIl ministro della Giustizia critica l'"ordine di imbavagliamento" richiesto dall'AG nel caso...

Il ministro della Giustizia critica l'”ordine di imbavagliamento” richiesto dall’AG nel caso Vitals

Il ministro della Giustizia Jonathan Attard.

Il ministro della Giustizia Jonathan Attard e l’ex primo ministro Joseph Muscat hanno criticato separatamente la richiesta del procuratore generale di non permettere agli accusati del caso Vitals di commentare il procedimento.

Il magistrato Rachel Montebello ha ordinato all’ex primo ministro e ai suoi co-accusati, tra cui l’ex capo di gabinetto Keith Schembri e l’ex ministro della Sanità Konrad Mizzi, di non fare commenti pubblici su testimonianze o prove del procedimento.

Parlando a One Radio, Attard ha criticato la decisione, affermando che era sproporzionata.

“La richiesta dell’accusa di quello che è stato pubblicamente descritto (da Muscat) come un ordine di bavaglio applicabile solo agli imputati è stata, a mio avviso, sproporzionata”, ha dichiarato il ministro, “soprattutto nel contesto di un’inchiesta giudiziaria caratterizzata da fughe strategiche (di informazioni) che più di un giudice ha deplorato”

Attard ha spiegato che quanto richiesto – che tutto ciò che viene detto sul caso deve essere nell’interesse della corretta amministrazione della giustizia – era ciò che si aspettavano tutti coloro che credono nei principi fondamentali della giustizia.

Ma vale la pena ricordare che le sedute si tengono in pubblica udienza. Il contesto di questo caso era caratterizzato da continui commenti politici che, in molti casi, ignoravano la presunzione di innocenza e costituivano insulti all’imputato.

Il gruppo per lo Stato di diritto Repubblika era stato tra quelli che avevano rilasciato dichiarazioni che criticavano i tribunali, interferendo quindi nell’amministrazione della giustizia.

Attard ha detto di riconoscere che l’accusa non vuole un processo mediatico, a cui hanno fatto ricorso alcune organizzazioni e l’opposizione, ma ritiene che l’accusa debba anche garantire che la fonte delle fughe di notizie che hanno minato la corretta amministrazione della giustizia sia adeguatamente indagata, in modo da salvaguardare l’indipendenza del processo giudiziario.

Muscat si chiede come il procuratore generale di un Paese dell’UE possa cercare di negare a qualcuno la libertà di parola

In un video postato su Facebook mercoledì, Muscat ha detto che avrebbe voluto commentare ciò che era avvenuto e ciò che non era avvenuto martedì, ma il tribunale gli ha vietato di parlare della questione.

“Rispetto la decisione del tribunale, ma ho molte idee su come il procuratore generale di un Paese dell’UE possa chiedere che a qualcuno venga negata la libertà di espressione”, ha dichiarato, aggiungendo che non avrebbe commentato ulteriormente a causa della decisione del tribunale.

Ha dichiarato che nei prossimi giorni e settimane annuncerà i prossimi passi da compiere nel contesto della democrazia e dello Stato di diritto.

In precedenza Muscat ha ringraziato le “centinaia di persone” che gli hanno dimostrato il loro sostegno in vari modi, compreso il raduno “civile e sereno” di martedì a La Valletta. Questo dimostra, ha detto, che il Paese ha raggiunto un livello di maturità tale da permettere a tutti di far sentire la propria voce in modo civile, senza incidenti e con rispetto reciproco.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE