Il ladro di Floriana in carcere per due anni

Foto: Matteo Mirabelli

Un ladro che ha ammesso di aver rubato in un residence di Floriana il mese scorso è stato incarcerato per due anni.

Hamdi Habib Mohammed Shedi, un migrante tunisino di 38 anni che viveva all’Hal Far Tent Village, √® stato arrestato dopo essere stato individuato come il sospettato del furto.

Secondo le riprese delle telecamere a circuito chiuso, Hamdi Habib Mohammed Shedi è stato ripreso mentre usciva dalla residenza di Market Street attraverso una finestra e il suo volto era chiaramente identificabile.

La notte del 23 maggio è stato denunciato il furto di un computer portatile e di una somma di denaro contante superiore a 1.000 euro.

Marted√¨ Shedi √® stato accompagnato in tribunale in stato di arresto e accusato di furto aggravato. Assistito da un interprete di lingua araba, l’imputato ha fatto un’ammissione.

La corte, presieduta dal magistrato Yana Micallef Stafrace, gli ha concesso del tempo per ripensarci, mettendo in guardia l’imputato sulle implicazioni di tale dichiarazione di colpevolezza, che potrebbero comportare una detenzione effettiva.

Dopo il dovuto ripensamento, l’imputato ha confermato la sua ammissione.

Alla luce di tale ammissione e del fatto che era accusato di recidiva, il tribunale ha condannato l’imputato a una pena detentiva effettiva di due anni.

Mentre l’imputato era in custodia cautelare, il suo avvocato di fiducia, Adriano Spiteri, ha presentato appello.

L’avvocato dell’AG Tilden Tabone, insieme agli ispettori Daryl Borg e Jeffrey Rizzo, ha svolto l’azione penale.