giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaIl governo si rifiuta di condividere i risultati in merito al caso...

Il governo si rifiuta di condividere i risultati in merito al caso di amputazione della gamba di un bambino

Dopo quattro giorni di osservazione, Zayn Seguna (nella foto), di sette mesi, è stato portato nel Regno Unito per un trattamento d’emergenza e i medici hanno dovuto amputargli la parte inferiore della gamba. FOTO: MATTHEW MIRABELLI (PRINCIPALE)/ 7NEWS (A LATO)

Il governo ha rifiutato una richiesta di informazioni del Times of Malta in merito a un’indagine su un presunto incidente all’ospedale Mater Dei che ha reso necessaria l’amputazione della gamba di un bambino all’estero.

Nel novembre 2022, Zayn Seguna, di sette mesi, è stato ricoverato al Mater Dei dopo aver sviluppato una bronchiolite durante un viaggio di famiglia a Malta per visitare i parenti.

Purtroppo i problemi del piccolo Seguna non finirono qui. La sua famiglia ha affermato che, mentre lo curavano, i medici hanno danneggiato un’arteria causando la formazione di un coagulo di sangue.

Il coagulo e la conseguente restrizione del flusso sanguigno hanno causato il rigonfiamento della gamba sinistra di Zayn, con conseguenti danni significativi ai muscoli e ai tessuti, secondo la madre del bambino, che ha poi dichiarato ai media australiani che i medici maltesi che avevano operato suo figlio avevano “distrutto la sua vita”.

Dopo quattro giorni di osservazione, si è deciso di inviare il piccolo Seguna nel Regno Unito per un trattamento d’emergenza, dove i medici sono stati costretti ad amputargli la metà inferiore della gamba.

La famiglia del bambino ha in seguito accusato i medici della Mater Dei di negligenza e ha presentato una denuncia formale contro l’ospedale.

Rispondendo alle domande dello scorso anno, un portavoce del ministero della Salute ha dichiarato che era stata aperta un’indagine interna che era in corso.

Contattato nuovamente all’inizio di quest’anno per domande sull’indagine e sui suoi risultati, il ministero ha affermato che “Mater Dei ha intrapreso le azioni necessarie e attuato le raccomandazioni dopo la conclusione di una revisione interna”, ma non ha fornito altri dettagli.

Times of Malta ha quindi presentato una richiesta di libertà di informazione (FOI) al ministero della Salute chiedendo una copia dei risultati e delle raccomandazioni della revisione.

La richiesta è stata rifiutata: il responsabile medico del ministero Walter Busuttil  ha dichiarato che i risultati sono “considerati un documento esente”. Secondo Busuttil, la revisione era esente dal processo FOI perché beneficiava del “privilegio professionale”, un concetto legale che protegge la comunicazione tra alcuni professionisti e i loro clienti dalla divulgazione, in quanto gli avvocati che agiscono per la Mater Dei avevano compilato il rapporto.

Il Chief Medical Officer ha anche affermato che i risultati della revisione dell’ospedale erano esenti dal processo FOI perché la loro pubblicazione avrebbe potuto influenzare qualsiasi processo o udienza disciplinare in corso.

Fonti vicine al Consiglio medico (MCM) hanno detto che era in corso un’indagine, ma che era stata “sospesa in attesa dell’esito delle decisioni del tribunale e degli appelli”.

Al momento della pubblicazione, tuttavia, Times of Malta non è riuscito a trovare informazioni su alcuna causa civile intentata dalla famiglia del ragazzo in Australia o a Malta e, quando è stata contattata, la polizia ha detto di non aver indagato sull’incidente.

Le fonti hanno anche detto che, “dato il caso costituzionale, il MCM ha sospeso anche questi casi”, in riferimento alla causa intentata alla Corte costituzionale dal medico e deputato nazionalista Stephen Spiteri.

Spiteri aveva sostenuto con successo che il Consiglio aveva violato i suoi diritti fondamentali quando lo aveva indagato per aver presumibilmente firmato certificati medici senza aver visitato i pazienti; la Corte costituzionale aveva poi annullato il procedimento del Consiglio.

Il Times of Malta intende fare ricorso contro la decisione del FOI.

L’anno scorso, Times of Malta ha vinto una causa davanti all’IDPC, l’organo di controllo per la libertà d’informazione, dopo che la società energetica di proprietà dello Stato aveva sostenuto che un rapporto interno sull’affare del parco eolico in Montenegro era legalmente privilegiato. In seguito le è stato ordinato di consegnare il rapporto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...