martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaIl consiglio di uno sceneggiatore pluripremiato al settore cinematografico di Malta: "vendete...

Il consiglio di uno sceneggiatore pluripremiato al settore cinematografico di Malta: “vendete all’estero”

John Yorke è un maestro della narrazione e presto sarà a Malta per condividere le sue esperienze con l’Associazione dei produttori maltesi. Foto: John Yorke Story.

Per John Yorke, sceneggiatore vincitore di un BAFTA e di un Golden Globe, se Malta vuole fare sul serio con la propria industria cinematografica, deve puntare all’estero.

“La domanda per qualsiasi governo che voglia espandere la propria industria cinematografica è come finanziare il racconto delle proprie storie”, ha detto.

“Se volete raccontare storie su Malta, dovete chiedervi a chi venderle, e il vostro budget sarà limitato a meno che non riusciate a raggiungere un pubblico più ampio. Quindi, bisogna vendere all’estero”

Incoraggiando Malta a sfruttare le sue piccole dimensioni a proprio vantaggio, il pluripremiato scrittore e produttore ha indicato l’Irlanda come un buon esempio di come i Paesi più piccoli possano avere successo nell’industria cinematografica, notando che la sua scena cinematografica locale sta ora vincendo “regolarmente” gli Oscar.

“Hanno investito molto nelle infrastrutture di produzione e nelle voci locali e hanno storie che hanno un’angolazione locale specifica e che viaggiano bene”, ha spiegato. “Si tratta di avere persone che hanno la visione e la lungimiranza di vedere quali sono queste storie”

Yorke ha parlato con Times of Malta dalla sua casa di Londra prima di recarsi nel Paese alla fine del mese, dove si rivolgerà ai membri dell’Associazione dei Produttori di Malta (MPA).

Durante il suo soggiorno a Malta, Yorke terrà un discorso programmatico e terrà dei workshop nell’ambito dell’evento Future Visions dell’associazione.

“Le vostre location e le strutture tecniche sono fantastiche, ma credo che loro [l’MPA] si aspettino che io parli del motivo per cui Malta sta raccontando le storie degli altri in questo momento”, ha detto Yorke a proposito della sua imminente visita.

Ma questo non sarà il primo viaggio di Yorke a Malta, che ha visitato per la prima volta nel 1976 con sua madre, che aveva stretto amicizia con la moglie dell’ultimo capitano della Royal Navy di stanza a Malta.

Descrivendo il Paese come “affascinante”, Yorke ritiene che la complessa storia di Malta, intrecciata con le storie di altre nazioni, rappresenti un’opportunità e una sfida.

“Penso che questo [rapporto con altri Paesi] faccia qualcosa per un luogo. Ma allo stesso tempo, quando questi poteri se ne vanno, un Paese deve trovare le proprie storie”, ha detto.

E raccontare storie è qualcosa di cui Yorke è esperto, in quanto ex responsabile di Channel4 Drama, controllore della BBC Drama Production e amministratore delegato della Company Pictures, che ha prodotto serie di successo come The White Queen e Shameless.

Durante il periodo trascorso alla BBC, ha diretto la soap televisiva di punta Eastenders, un progetto che ha descritto come uno dei suoi preferiti e “come portare un vaso di Ming sul pavimento” cercando di non farlo cadere.

“Non c’è niente di meglio che dirigere uno show che sembra essere guardato da tutti nel paese… una cultura condivisa è davvero importante”, ha detto.

Dopo anni di film, Yorke ora si concentra maggiormente sulla commissione di nuove opere e sulla formazione della prossima generazione di registi ed è stato invitato dall’MPA a condividere le sue conoscenze con la scena locale.

Che consiglio darebbe ai registi maltesi che cercano di raggiungere un nuovo pubblico?

“Cominciate sempre con l’individuare le storie che volete raccontare: cosa c’è nella vostra vita che pensate sia universale”, ha detto. “Si tratta di capire chi è il vostro pubblico. E la stragrande maggioranza delle persone tende a guardare film con persone simili a loro”

E questo è un settore che secondo Yorke è maturo per crescere a Malta, un Paese sostenuto da una “straordinaria industria cinematografica che serve molti altri Paesi nel mondo”

Screenwriter John Yorke. Photo: Stephen Parker.Lo sceneggiatore John Yorke. Foto: Stephen Parker.

La buona reputazione di Malta

Descrivendo l’opinione internazionale del settore cinematografico di Malta come “molto alta”, il guru dell’industria ha paragonato il suo fascino a quello della Hollywood degli anni ’20, benedetta dal sole tutto l’anno e da siti versatili per le riprese.

Ricordando che era solito girare regolarmente in Nuova Zelanda, soprattutto per le riprese che ricreavano il Regno Unito, Yorke ha spiegato che i registi cercano luoghi “che possano offrire diverse opzioni, e Malta sembra davvero farlo”

Ma quanta parte della popolarità di Malta come location per le riprese è dovuta ai suoi luoghi e alle sue strutture, e quanta è dovuta allo sconto che offre ai registi, come hanno detto gli addetti ai lavori?

Ammettendo che gli sconti sono una “parte importante” di ciò che attrae i registi in un Paese, Yorke ha spiegato che è normale che gli operatori del settore condividano le conoscenze su dove realizzare i film “nel modo più efficace e più economico”.

Pur sottolineando che non si tratta di un fenomeno specifico di Malta, in quanto anche altri Paesi come l’Irlanda e l’Inghilterra offrono “condizioni davvero interessanti” ai registi, Yorke ha riconosciuto che lo sconto del Paese è ben noto a livello internazionale.

Ma Yorke pensa anche che la popolarità di Malta sia in parte dovuta all’enorme crescita a livello internazionale delle riprese in location e in luoghi esotici, indicando progetti come Game of Thrones per aver aumentato il profilo dell’isola.

Imparare il mestiere

Yorke ha affinato le sue capacità lavorando alla BBC, posizione che ha ottenuto dopo aver scritto una lettera all’azienda poco dopo la laurea, in cui diceva che avrebbe fatto qualsiasi lavoro se gli avessero dato una possibilità.

Ma con la concorrenza per i posti di lavoro a livelli record, Yorke riconosce che queste opportunità sono molto più difficili da trovare al giorno d’oggi: “È pazzesco quanto fosse facile ottenere un lavoro a quei tempi”.

Quindi, che consiglio darebbe ai giovani sceneggiatori che vogliono sviluppare le loro capacità?

“Potrebbe sembrare un modo brutale di pensare, ma chiedetevi come fare per migliorare l’attività di qualcuno in modo da permettergli di fare più profitti di prima”, ha detto.

Sottolineando l’importanza della dedizione alla propria carriera, Yorke ha detto di essersi sempre tenuto aggiornato sulle nuove produzioni teatrali e di aver trascorso ore a studiare i programmi televisivi per capire cosa rendesse speciali quelli di successo: un processo che consiglierebbe vivamente agli scrittori più giovani.

“Lavorate più duramente di chiunque altro. Dovete essere migliori di tutti gli altri e dovete avere una valutazione critica di ciò che funziona e di ciò che vende”, ha sottolineato.

“La narrazione è la radice di ogni potere, e il potere deriva dalla capacità di comunicare efficacemente”.

John Yorke parteciperà all’evento Future Visions di MPA alla fine del mese. Per iscriversi, cliccare su .

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Taiwan colpita da numerose scosse di terremoto, la più forte di magnitudo 6,3

Questa immagine pubblicata dalla Central News Agency (CNA) di Taiwan il 22 aprile 2024 mostra rocce cadute sull'autostrada Suhua a Hualien. Foto: AFPLa capitale...