sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaI residenti di Żurrieq chiedono modifiche ai piani locali

I residenti di Żurrieq chiedono modifiche ai piani locali

Alcuni dei residenti che hanno manifestato sabato.

I residenti e gli agricoltori di Żurrieq vogliono che il governo modifichi i piani locali per la regione, dopo che un costruttore ha presentato un progetto per trasformare 11.000 metri quadrati di terreno vergine in condomini.

Guidati da Għaqda Residenti taż-Żurrieq, i residenti hanno tenuto una conferenza stampa sabato presso il sito del progetto di sviluppo.

Hanno notato che il governo ha promesso di modificare i piani locali di Marsascala, Qala e recentemente Bulebel, ma non ha fatto una promessa simile per Żurrieq.

Venerdì, il terreno in questione sarà sviluppato solo per “usi sociali e comunitari”. Non è stato specificato il significato di questo termine.

I residenti si sono riuniti per esprimere la loro preoccupazione per la richiesta presentata da Francis Spiteri, della Tal-Karmnu Construction Company, di costruire una strada nell’area di Tal-Bebbux che aprirà la zona allo sviluppo. L’area in questione è stata aggiunta alla zona di sviluppo nel 2006, quando sono stati modificati i piani locali.

Più di 1.000 obiezioni contro i piani sono state presentate all’Autorità di pianificazione, tra cui una da parte del consiglio locale della città.

I residenti affermano che l’impegno del governo è un passo incoraggiante, ma non li tranquillizza.

“La leadership del Paese deve capire che i residenti di tutta Malta sono stufi della distruzione dell’ambiente in nome della speculazione”, ha dichiarato sabato il residente Jan Camilleri, “La nostra lotta non è di parte ed è simile a quella dei residenti di tutta Malta”.

Ha detto che così come il governo sta investendo milioni per riacquistare i club bandistici locali, dovrebbe anche “riacquistare terreni destinati allo sviluppo per il godimento del pubblico”.

A questo sentimento ha fatto eco Annalisa Schembri, un’agricoltrice il cui campo si trova nella zona di sviluppo proposta.

“Siamo stanchi di sentirci ripetere che i piani locali non possono essere cambiati. Gli errori delle amministrazioni precedenti non possono essere riparati dall’inattività di questo governo. Il governo ha l’obbligo di rivedere i piani e di dimostrare la propria responsabilità politica nel fare ciò che è giusto per il benessere delle comunità, non per quello degli sviluppatori”, ha detto.

Demonstrators at the site that is poised to be developed.Dimostranti presso il sito che sta per essere sviluppato.

Schembri ha invitato il Primo Ministro a trascorrere una giornata con loro “per capire le sfide che dobbiamo affrontare e la distruzione che sta sponsorizzando”.

Il collega agricoltore Robert Bondin Carter ha criticato la segretezza che circonda la richiesta, in lavorazione da due anni senza che agli agricoltori sia stato detto nulla: “Che ne è dei nostri diritti umani? E la nostra salute mentale? Durante la pandemia, ci si aspettava che gli agricoltori andassero a lavorare per garantire la fornitura di cibo. Ora siamo tornati a essere ignorati e maltrattati”.

Matthew Borg, del Għaqda Residenti taż-Å»urrieq, ha osservato che l’offerta di rizonazione rientra nel piano di razionalizzazione della PA.

“Si tratta in realtà di un piano di speculazione, in cui i proprietari terrieri, che hanno acquistato i terreni a basso costo, vengono incoraggiati a realizzare enormi profitti sulle spalle del benessere delle comunità”, ha dichiarato.

Borg ha ringraziato il consiglio locale per essersi opposto al progetto e ha chiesto che i residenti abbiano voce in capitolo nelle discussioni sul futuro dell’area.

Ha detto che i residenti continueranno a spingere per una modifica dei piani locali per proteggere l’area, indipendentemente dall’impegno del Ministero del Territorio di proteggerla dallo sviluppo speculativo.

“I piani locali hanno 18 anni e non sono più adatti alla realtà di oggi. Se questi piani per Zurrieq dovessero essere realizzati, la città si trasformerebbe in una baraccopoli con una perdita sostanziale per la nostra qualità di vita e per l’identità del villaggio”, ha dichiarato Borg.

“La nostra associazione continuerà a lavorare per preservare la bellezza di Zurrieq e siamo disposti a collaborare con le autorità finché queste mostreranno interesse a farlo”, ha concluso Borg.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE