sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaI ministeri dovrebbero avere funzionari responsabili del cambiamento climatico - Opposizione

I ministeri dovrebbero avere funzionari responsabili del cambiamento climatico – Opposizione

Il portavoce del PN per i cambiamenti climatici Even Borg Bonello. Foto: Chris Sant Fournier

I ministeri dovrebbero avere un rappresentante designato che si occupi esclusivamente di cambiamenti climatici, valutando il rispetto degli obblighi internazionali, ha dichiarato mercoledì la portavoce dell’opposizione per i cambiamenti climatici Eve Borg Bonello.

La portavoce dell’opposizione per il cambiamento climatico Eve Borg Bonello ha dichiarato mercoledì che queste persone non dovrebbero rispondere solo al ministro, ma anche all’Autorità per l’Azione per il Clima, la cui istituzione è attualmente in discussione in Parlamento.

Borg Bonello ha spiegato che i funzionari che si occupano di cambiamenti climatici dovrebbero valutare il rispetto degli obblighi internazionali legati ai cambiamenti climatici e fornire consulenza. Tutto ciò è fondamentale affinché le strategie per il cambiamento climatico a Malta siano olistiche.

Borg Bonello ha affermato che il Partito Nazionalista è sempre stato un pioniere nelle questioni relative al cambiamento climatico. È stata l’opposizione nazionalista a presentare al Parlamento maltese, nel 2019, la richiesta di dichiarazione di emergenza per i cambiamenti climatici.

L’istituzione dell’Autorità per i cambiamenti climatici è un passo nella giusta direzione, ha detto, ma occorre fare molto di più. “Non capisco perché abbiamo dovuto aspettare cinque anni prima di agire”, ha detto.

Negli ultimi mesi, anche durante i lavori parlamentari, il Partito Nazionalista ha avanzato idee e proposte per la stessa Autorità, che il governo ha ignorato. Il Partito Nazionalista ha teso più volte la mano di collaborazione, ma il governo ha deciso di fare da solo, senza alcuna forma di consultazione, nemmeno con gli esperti del settore.

L’autorità, ha detto, è essenziale per andare avanti e intraprendere azioni urgenti per limitare le emissioni, migliorare la qualità dell’aria e mitigare gli effetti del cambiamento climatico nel Paese, soprattutto perché l’anno scorso Malta è scesa di sei posizioni nel Climate Change Performance Index. Solo la settimana scorsa, Malta è risultata avere la più alta dipendenza da fonti energetiche inquinanti dell’Unione Europea.

Purtroppo, però, il progetto di legge per l’istituzione dell’autorità è stato redatto in fretta e furia “per salvare la faccia”.

Il deputato nazionalista ha affermato che il governo e l’opposizione dovrebbero lavorare insieme perché questa generazione e quelle future guarderanno indietro e diranno che non si è agito quando era più necessario.

“Se non agiamo ora, condanneremo le generazioni future all’inferno in terra”, ha avvertito.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE