giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaHSBC ha perso i nomi di 22 proprietari di cassette di sicurezza

HSBC ha perso i nomi di 22 proprietari di cassette di sicurezza

HSBC non ha idea di chi sia il proprietario di alcune delle sue cassette di sicurezza e un tribunale ha respinto la richiesta di autorizzazione ad aprirle e controllarne il contenuto.

La banca ha ammesso di aver perso i dettagli sulla proprietà di 22 armadietti utilizzati dai clienti per conservare oggetti di valore.

Quando ha chiesto il permesso di aprirle, il giudice Giovanni Grixti, riunito nella prima aula del Tribunale civile, ha detto che la banca non può aspettarsi un intervento del tribunale per rimediare al suo grave errore.

Le cassette di sicurezza si trovano nelle filiali di St Andrew, Sliema e Birkirkara.

Non sono mai state reclamate dai proprietari, che hanno anche smesso di pagare l’abbonamento annuale al servizio.

La banca vuole assicurarsi che le cassette non contengano nulla di illegale

La banca ha spiegato di aver smesso di offrire il servizio nell’aprile 2015. In quanto istituto finanziario autorizzato e regolamentato, con obblighi e responsabilità rigorosi, in particolare per quanto riguarda le leggi contro il riciclaggio di denaro, riteneva di non dover conservare oggetti appartenenti a terzi senza sapere di cosa si trattasse, in quanto c’era la possibilità che fossero collegati a qualche attività criminale.

HSBC ha dichiarato di essere riuscita a terminare il servizio di cassette di sicurezza con la maggior parte dei clienti, ma 22 armadietti sono rimasti non reclamati.

Con il passare del tempo, la HSBC non dispone più di dettagli sulle persone che le hanno utilizzate e, nonostante i numerosi tentativi, non è riuscita a identificare i depositanti.

Le cassette possono essere aperte utilizzando una chiave della banca e l’altra del cliente. La banca ha dichiarato di essere obbligata per legge a conservare il contenuto fino a quando non le verrà chiesto di restituirlo. Ma voleva che il tribunale la autorizzasse a far aprire gli armadietti per fare un inventario degli oggetti prima di sigillarli di nuovo.

Il motivo della richiesta era di assicurarsi che gli armadietti non contenessero nulla di illegale o legato ad attività criminali, ha dichiarato la banca al tribunale.

Il giudice ha detto di comprendere l’esigenza della banca di venire a conoscenza del contenuto degli armadietti, ma non riusciva a capire come la banca avesse perso tutta la documentazione relativa ai clienti che pagavano una tassa annuale per depositare i loro oggetti di valore.

Ha osservato che una delle condizioni del contratto di servizio prevedeva che la banca non potesse controllare ciò che era depositato negli armadietti della cassaforte e che questi dovessero rimanere sigillati.

Il giudice ha anche osservato che, se la banca avesse avuto un registro corretto dei clienti che avevano affittato questi armadietti, sarebbe stata in grado di aprirli.

“La banca non può aspettarsi che l’intervento del tribunale compensi le sue carenze“, ha dichiarato il tribunale nel respingere la richiesta della HSBC.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...