sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaGuarda: "Potrei essere morto domani": Resilienza in Ucraina, ma la paura è...

Guarda: “Potrei essere morto domani”: Resilienza in Ucraina, ma la paura è palpabile

I resti carbonizzati di auto e carri armati russi sono esposti nella piazza principale. Foto: Herman Grech

L’Ucraina ha sopportato un assedio implacabile da parte della vicina Russia dal febbraio 2022. Durante una visita a Kiev, HERMAN GRECH è stato testimone della resilienza, della disperazione e del disperato bisogno di vivere una “vita normale”.

Il briefing sulla sicurezza per i giornalisti a Varsavia suonava minaccioso.

“Il vostro cellulare potrebbe mettere voi e molti altri nei guai. Se vi allontanate e non seguite le istruzioni, sarete lasciati indietro… e non volete essere lasciati indietro in una zona di guerra”.

“Evitate di condividere qualsiasi informazione potenzialmente sensibile sui social media prima di lasciare il territorio ucraino. E non violate alcun embargo”, ha avvertito il capo della sicurezza italiana.

Video realizzato da Karl Andrew Micallef

Il briefing ha preceduto la visita della Presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola in Ucraina in occasione della Giornata dell’Europa del 9 maggio.

Le strade principali del centro di Varsavia erano piene di gente nei caffè, ciclisti e studenti con lo zaino in spalla. Ma un incontro con Andrzej Halicki, capo della delegazione polacca di europarlamentari, ha chiarito che sotto la superficie i timori dei polacchi sono palpabili e si concentrano su una questione: la sicurezza.

Se a questo si aggiunge il “fatto” che il Cremlino si è infiltrato nel sistema politico e giudiziario polacco, c’è una buona ragione per cui la guerra è in cima all’agenda dell’Europa centrale e orientale.

Siamo tornati all’aeroporto Chopin di Varsavia per incontrare Metsola, appena arrivato da un incontro con l’ex cancelliere Angela Merkel a Berlino.

The Maltese delegation and security on the border with Ukraine. Photo: Herman GrechLa delegazione maltese e la sicurezza al confine con l’Ucraina. Foto: Herman Grech

Il presidente maltese del Parlamento europeo è diventato uno dei più accesi sostenitori dell’Ucraina, mentre la vicina Russia continua a scatenare la sua potenza militare in quelli che sono ormai 26 mesi di guerra.

Giovedì l’Ucraina era in stato di massima allerta, dopo che la Russia aveva lanciato 50 missili e 20 droni contro l’Ucraina la notte precedente. L’esibizione di potenza militare è stata probabilmente programmata per celebrare il Giorno della Vittoria russo, che sarebbe caduto il giorno successivo.

Mi sono unito ad altri giornalisti maltesi in un viaggio di tre ore dall’aeroporto di Varsavia al confine con l’Ucraina, dove abbiamo percorso un sentiero polveroso fino alla piattaforma di una piccola stazione ferroviaria nel cuore della notte.

Con l’interruzione dello spazio aereo ucraino, il treno di 11 ore per Kiev è ora l’unico mezzo di trasporto di massa nel Paese devastato dalla guerra.

Il servizio ferroviario ha visto giorni migliori. Soldati pesantemente armati pattugliano gli stretti corridoi del treno, controllando i passaporti di tutti i passeggeri.

Le tende sono tirate, una misura di sicurezza per aiutare il veicolo a non farsi notare, soprattutto perché a bordo c’è il capo del Parlamento europeo. Gli stretti corridoi sono illuminati da luci al neon bianche e tremolanti.

Il viaggio è tutt’altro che confortevole. I materassi spartani imbottiscono le cabine, offrendo poco isolamento dall’incessante rumore che riecheggia per tutto il viaggio del treno, come una raffica costante di mitragliatrici. È una notte insonne.

The train carriage.La carrozza del treno.

Giubbotti ed elmetti antiproiettile

All’arrivo a Kiev, ci sono stati consegnati giubbotti antiproiettile ed elmetti “nel caso in cui” la sicurezza ci avesse dato istruzioni in tal senso. Fortunatamente non sono mai stati necessari.

Metsola viene accolta dal presidente della Camera Ruslan Stefanchuk – il governo ucraino è chiaramente in debito con il presidente del Parlamento europeo maltese, che è stato il primo leader europeo a visitare Kyiv quando è iniziata l’invasione nel 2022. Inoltre, ha ripetutamente mantenuto i suoi impegni nei confronti dell’Ucraina.

Metsola e i giornalisti maltesi sono stati immediatamente trasportati a visitare due siti recentemente bombardati dai russi: una centrale elettrica e una scuola d’arte.

L’odore acre dell’acciaio fumante ci ha accolto mentre ci dirigevamo verso la centrale elettrica, dove i missili russi hanno perforato le pareti in un altro tentativo di paralizzare la fornitura di energia elettrica dell’Ucraina.

Il missile ha fatto un buco nel soffitto abbastanza grande da esporre il cielo azzurro e il suo peso è stato abbastanza forte da aprire un buco enorme nel terreno sottostante. Gli operai hanno cercato di recuperare ciò che restava della grande struttura.

La scuola d’arte nel cuore di Kiev è stata ridotta in macerie a seguito di un attacco aereo il 25 marzo. Punte d’acciaio sporgono dal terreno, mentre le proprietà vicine hanno i vetri delle finestre rotti.

La barista 18enne di fronte ha condiviso un video che riprende il drammatico impatto dell’esplosione del missile, che ha fatto volare le attrezzature e ha danneggiato il bar.

Chiede a Metsola di aggiungere la sua firma al muro: “nella Giornata dell’Europa, Slava Ukraini (Gloria all’Ucraina)”, scrive il presidente maltese.

Heavy security is present across Kyiv. Photo: Karl Andrew MicallefA Kiev sono presenti pesanti misure di sicurezza. Foto: Karl Andrew Micallef

La vita nella capitale sembra sorprendentemente normale

Eppure, la vita nella capitale sembra sorprendentemente normale all’apparenza. Le strade sono piene di auto, i ristoranti sono affollati, le scuole sono aperte e i giovani si vedono sui prati a sorseggiare tazze di caffè.

La maggior parte dei ricchi monumenti e delle chiese della città si ergono orgogliosi sotto il sole primaverile. Ma ci sono alcune avvertenze.

Soldati che brandiscono ogni tipo di arma pattugliano la maggior parte delle strade, molti dei quali stazionano in tende mimetizzate erette intorno ai monumenti della città.

Migliaia di sacchi di sabbia sono stati accatastati intorno ai monumenti e agli edifici più importanti. Sono anche posizionati strategicamente all’interno dei corridoi degli uffici governativi più importanti, in previsione di una possibile infiltrazione russa a Kiev.

Carri armati russi incendiati sono esposti come trofei nella storica piazza Mykhailivska. I colori blu e giallo della bandiera ucraina sono attaccati ai resti carbonizzati delle auto, mentre grandi trappole metalliche per carri armati sono usate per bloccare strade strategiche.

Piccole bandiere ucraine sono state piantate anche in Piazza Indipendenza, ognuna con il nome delle vittime della guerra.

Nonostante il ricordo della guerra, gli abitanti di Kiev sono resistenti, nonostante le sirene dei raid aerei che risuonano quasi quotidianamente nell’aria e il fatto di doversi chiudere in casa per osservare il coprifuoco.

The bombed art school in the middle of Kyiv. Photo: Karl Andrew MicallefLa scuola d’arte bombardata nel centro di Kiev. Foto: Karl Andrew Micallef

la mia vita e quella di milioni di altri viene sprecata”

Durante tutti gli incontri di Metsola, tutti, dai funzionari governativi agli studenti, hanno intonato un unico coro: l’Ucraina sarebbe uscita vittoriosa e sarebbe entrata a far parte dell’Unione Europea.

Centinaia di persone sono state viste aggrapparsi disperatamente alle bandiere dell’UE durante i vari incontri ed eventi, ma in fondo consapevoli che la prospettiva potrebbe essere lontana.

“Nel frattempo, la mia vita e quella di milioni di altri viene sprecata”, racconta Anna, 28 anni, a Times of Malta.

Come la maggior parte degli ucraini, la lavoratrice del governo dice di essere determinata a combattere, ma c’è anche una cruda realtà con cui devono fare i conti.

“Sono passati più di due anni e ogni giorno vivo nella paura che un missile possa distruggere la mia vita o quella della mia famiglia. I miei amici in altri Paesi mi chiedono perché non fuggo dall’Ucraina. Perché dovrei lasciare il mio Paese, dopo tutto quello che ho costruito nel corso della mia vita.

“Chi si prenderà cura dei miei genitori? Perché dovremmo consegnare tutto quello che abbiamo costruito a un dittatore brutale?”.

Sand bags are placed in most buildings. Photo: Karl Andrew MicallefI sacchi di sabbia sono posizionati nella maggior parte degli edifici. Foto: Karl Andrew Micallef

potrei essere morta domani

Alla domanda se avesse progetti o prospettive a lungo termine, Anna ha risposto: “Come posso fare progetti? Potrei essere morta domani”.

In base all’attuale legge marziale, in vigore dal febbraio 2022, agli uomini ucraini di età compresa tra i 18 e i 60 anni non è generalmente consentito lasciare il Paese perché i militari potrebbero chiamarli a prestare servizio.

Anna dice che la maggior parte dei suoi amici maschi è stata chiamata a prestare servizio e ha perso i contatti con alcuni di loro che sono andati a combattere nell’est del Paese. Presume che siano morti.

“Ho amici che vivono quotidianamente sotto questa nube di terrore, temendo di essere chiamati a combattere per il loro Paese. Perché dovrebbero andare in guerra invece di costruirsi una carriera e una famiglia?”.

La morte è sulla bocca di tutti nel Paese dei 38 milioni di abitanti. La stragrande maggioranza degli ucraini – il 78% – ha parenti o amici stretti che sono stati feriti o uccisi a causa dell’invasione russa.

Gli ucraini parlano apertamente di come hanno dovuto riadattare le loro vite per cercare di evitare il pericolo.

Metsola and Zelensky at the press conference before the sirens were sounded. Photo: Rene RossiganudMetsola e Zelensky alla conferenza stampa prima del suono delle sirene. Foto: Rene Rossiganud

le sirene sono diventate la colonna sonora della vita quotidiana

Un giornalista 35enne di Kiev ha dichiarato che le sirene dell’aria sono diventate la colonna sonora della vita quotidiana di tutti.

Le sirene hanno persino interrotto una conferenza stampa che Metsola ha tenuto giovedì con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

“Questo è ciò che fanno i nazisti in Europa. Questa è la realtà della Giornata dell’Europa per noi ucraini”, ha detto Zelensky, visibilmente arrabbiato, ai giornalisti prima di essere portato in un rifugio.

Metsola, il presidente della Camera Ruslan Stefanchuk e i giornalisti maltesi sono stati mandati in un bunker sotterraneo vicino e gli è stato detto di aspettare fino allo spegnimento delle sirene.

C’era un senso di surrealismo nell’essere rinchiusi in una piccola stanza dal soffitto basso e debolmente illuminata. Una conferenza stampa è stata trasferita in un altro locale sotterraneo e mentre il contingente maltese cercava di abituarsi a operare in un Paese in guerra, per i giornalisti ucraini era tutto come al solito.

Nel giro di pochi minuti si è scatenata la ridda di voci online, con post sui social media che sostenevano che le sirene d’aria non fossero altro che una truffa ucraina volta a impressionare Metsola nella Giornata dell’Europa. Per contrastare questa tesi, i funzionari ucraini hanno mostrato a Metsola e ai giornalisti degli avvisi in tempo reale su un tablet: le luci rosse tremolanti su una mappa mostravano una raffica di droni russi che entravano nello spazio aereo ucraino.

Metsola with her team and the Ukrainian delegation in a war shelter. Photo: Rene RossignaudMetsola con il suo team e la delegazione ucraina in un rifugio di guerra. Foto: Rene Rossignaud

slava ucraina

Le unità di difesa aerea dell’Ucraina, rafforzate, sono diventate più abili nell’intercettare i droni e i missili russi sparati contro la capitale, ma la paura rimane.

Metsola ha concluso il viaggio vorticoso con una visita a un’università dove si è rivolta a centinaia di studenti. Pochissimi hanno parlato di guerra.

Gli studenti hanno invece parlato con entusiasmo del loro sogno di diventare avvocati e attivisti per i diritti umani. Molti hanno parlato del loro sogno di vivere in un’Unione Europea dove i valori e la democrazia sono promossi. Metsola ha promesso ancora una volta che avrebbe continuato a lottare per realizzare questo sogno.

Quando ci siamo avviati verso il treno per il lungo viaggio di ritorno in Polonia, molte persone si sono riunite per abbracciare e ringraziare Metsola, alcune con le lacrime agli occhi.

Un uomo anziano e fragile che stringeva una bandiera ucraina ha gridato: “Slava Ukraini“.

Metsola was showered with awards and accolades wherever she went. Photo: Rene RossignaudMetsola è stata sommersa di premi e riconoscimenti ovunque sia andata. Foto: Rene Rossignaud
RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE