giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaGuarda: Come le voci struggenti degli emigranti maltesi hanno ispirato una nuova...

Guarda: Come le voci struggenti degli emigranti maltesi hanno ispirato una nuova musica

James Vella: “Le storie che ho sentito sono così belle” Foto: Mark Vella

Un nuovo album ha dato voce al costo umano pagato da generazioni di emigranti maltesi, che hanno lasciato la propria casa per una nuova vita in Australia, Canada e Regno Unito.

Il musicista James Vella e il ricercatore Andrew Alamango hanno ascoltato più di tre ore di cassette di persone comuni che cantavano della loro nostalgia di casa, delle loro tribolazioni e dei loro occasionali trionfi.

Le canzoni registrate, spedite a casa delle famiglie maltesi durante gli anni ’70 e i primi anni ’80, erano talvolta nella forma dello stile folk tradizionale, noto come Għana.

Vella, che si fa chiamare con il nome d’arte di A Lily, ha inserito alcune di queste canzoni nel suo album di nove tracce Saru L-Qamar(They Became the Moon).

“Le storie che ho ascoltato sono così belle. Sono storie raccontate dal cuore”, ha detto.

“Anche se non si riesce a capire tutto quello che viene detto a causa dell’accento o della qualità della registrazione, si capisce che quello che stanno dicendo è importante”.

James Vella dice di essersi ispirato alla storia di migrazione della sua famiglia quando ha creato Saru l-Qamar. Video: Filmato di James Vella. Montaggio: Karl Andrew Micallef

Il ritornello spettrale degli emigranti che cantano “I can’t tell you how much I miss Malta” (Non posso dirvi quanto mi manca Malta) suona per tutto l’album.

Si comincia con “Ħajti Kollha, Qalbi(Tutta la mia vita, mio caro), che utilizza i nastri per raccontare il dolore e lo strazio di una donna.

Altri sono più leggeri, e uno di essi include consigli a un bambino su come godersi al meglio la festa del villaggio.

I nastri sono stati raccolti dalla fondazione no-profit Magna Żmien, che si occupa della ricerca, della digitalizzazione e della conservazione del patrimonio culturale audiovisivo di Malta.

Ma hanno richiesto molto lavoro e creatività prima di poter essere trasformati in un album.

“Sebbene si tratti di storie bellissime, è piuttosto impegnativo metterle in musica. Le persone non sono musicisti qualificati e non cantano con un’intonazione o un tempo particolare, per cui è necessario modificare e pulire molto l’audio”, ha spiegato.

È piuttosto impegnativo metterle in musica

Le registrazioni domestiche d’archivio rivelano la lotta e il dolore dell’emigrazione, ma descrivono anche un senso di comunità e offrono una finestra su un’altra epoca.

Vella è stato ispirato a creare l’album dal racconto della migrazione dei suoi nonni, che lasciarono Malta per il Regno Unito negli anni Settanta.

La copertina dell’album è un primo ritratto della sua famiglia e il video del brano Ħajti Kollha, Qalbi, creato dal videografo Nick Bonello, utilizza filmati in 8 mm girati dal nonno di Vella, Marco Alberto, della sua famiglia allora giovane che cresceva a Malta nei primi anni Sessanta.

“Gli occhiali da sole di mio nonno sono accanto al mio computer e, anche se potrebbero sembrare oggetti senza significato, in realtà hanno un significato enorme, perché attraverso questi oggetti queste persone continuano a esistere nella mia vita quotidiana”, ha detto Vella a Times of Malta.

“Potrebbero averci lasciato nel corpo, ma non dimentichiamo mai i loro valori, le lezioni che hanno lasciato, il loro sangue ancora nel nostro. Potrebbero essere fuori portata, ma sono ancora qui, proprio come la luna”.

Vella può far risalire la propria storia di talento musicale di generazione in generazione. I suoi antenati sono i compositori maltesi Alberto Vella e Luigi Vella, noti soprattutto per la loro musica religiosa all’inizio e alla metà del XX secolo.

Spera anche che i suoi geni e talenti musicali continuino in una nuova generazione, quella della sua giovane figlia.

“Il messaggio centrale dell’album è che coloro che sono venuti prima di noi continuano a contribuire alla nostra vita”, ha detto.

Saru l-Qamar è stato sostenuto dall’Arts Council Malta e sarà pubblicato a Malta dall’etichetta locale Kewn Records il 5 aprile.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Motociclista gravemente ferito in un incidente a Saqqajja

Un motociclista è rimasto gravemente ferito mercoledì in un incidente a Saqqajja. La polizia ha dichiarato che l'incidente, avvenuto alle 15.15 di mercoledì al largo...