sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaGli striscioni di Arnold Cassola a Gozo sono stati rimossi e rubati

Gli striscioni di Arnold Cassola a Gozo sono stati rimossi e rubati

Cassola (a destra) e uno degli striscioni di cui ha denunciato il furto.

Due striscioni collocati da Arnold Cassola a Gozo sono stati tolti e rubati, ha dichiarato domenica il candidato indipendente al Parlamento europeo.

Cassola ha dichiarato di aver presentato una denuncia alla polizia di Victoria per la loro rimozione.

“Oltre a rivelare che certi vigliacchi esistono ancora nel nostro Paese, questo episodio mi riempie di grande coraggio”, ha dichiarato Cassola in un comunicato.

“C’è chi teme fortemente che, il prossimo 8 giugno, il duopolio del PNPL che dura da 58 anni stia per implodere e che una terza voce maltese entri per la prima volta nel Parlamento europeo”.

I due striscioni sono stati appesi a Mġarr e Xewkija e incoraggiavano gli elettori a “votare per l’integritĂ ” votando per Cassola.

In un rapporto di polizia presentato sabato sera, Cassola ha detto alla polizia di Victoria che sapeva che gli striscioni erano ancora al loro posto venerdì. Ha incoraggiato gli agenti a utilizzare i filmati delle telecamere a circuito chiuso presenti nelle vicinanze per identificare i colpevoli.

Cassola ha dichiarato a Times of Malta che un collega candidato al Parlamento europeo lo ha avvisato dell’improvvisa scomparsa degli striscioni.

Cassola, accademico e attivista impegnato da decenni nella politica locale, sta conducendo una campagna elettorale incentrata su questioni ambientali, buon governo e giustizia sociale.

Tra i 39 candidati al Parlamento europeo alle elezioni dell’8 giugno, Cassola è il piĂą esperto, avendo partecipato a tutte le elezioni del Parlamento europeo nella storia di Malta.

Nel 2004 – le prime elezioni maltesi al Parlamento europeo – Cassola ha ottenuto quasi 25.000 voti, in rappresentanza di Alternattiva Demokratika. In seguito ha partecipato ad altre due elezioni europee come candidato di AD, prima di lasciare il partito e candidarsi come indipendente nel 2019.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE