martedì, Maggio 28, 2024
HomeMaltaGli elettori sono stati "vergognosamente manipolati" a cambiare indirizzo negli appartamenti di...

Gli elettori sono stati “vergognosamente manipolati” a cambiare indirizzo negli appartamenti di Siġġiewi, stabilisce il tribunale

Il nuovo complesso residenziale governativo di Siggiewi. Foto: Chris Sant Fournier

Gli elettori sono stati vergognosamente manipolati a cambiare il loro indirizzo per gli appartamenti governativi concessi a Siġġiewi, anche se non erano ancora abitabili, ha dichiarato mercoledì un magistrato.

Il magistrato Donatella Frendo Dimech ha dichiarato che sono stati indotti a rilasciare una falsa dichiarazione dagli organi governativi e che pertanto sono stati potenziali complici dell’illecito criminale, ordinando ulteriori indagini da parte della polizia.

Il magistrato si stava pronunciando su alcune delle prime cause intentate dal Partito Nazionalista contro 99 persone, in quello che aveva descritto come un caso di “gerrymandering”.

Siġġiewi è una località in bilico nelle imminenti elezioni comunali e il cambio di indirizzo avrà un impatto sul numero di elettori eleggibili in quella località.

Il PN spera di ribaltare la maggioranza dei laburisti alle elezioni di giugno. Il segretario generale del PN, Michael Piccinino, aveva definito l’accaduto “gerrymandering politico” al momento dell’apertura del caso, sostenendo che la richiesta del PN non fosse quella di cancellare queste persone dalle liste elettorali, dal momento che il PN sostiene il diritto di voto dei cittadini, ma di farli votare per il comune in cui erano registrati prima del cambio.

In uno dei quattro casi decisi martedì, il magistrato Frendo Dimech ha anche raccomandato indagini contro l’elettore in questione, che aveva apparentemente mentito sotto giuramento, affermando che l’appartamento fosse completo, tranne che per i mobili.

La sua testimonianza potrebbe esporlo a un processo per falsa testimonianza e falsa dichiarazione sotto giuramento.

Gli elettori devono essere registrati nel luogo in cui vivono

Il magistrato ha osservato che, secondo la legge elettorale, gli elettori devono essere registrati nei comuni in cui effettivamente vivono.

Quando lei stessa ha effettuato un sopralluogo la scorsa settimana, è stato chiaro che il condominio di Siġġiewi non presentava alcun segno di abitazione.

La visita è stata ripresa dalle telecamere della polizia e il filmato è stato presentato in tribunale.

Le chiavi degli appartamenti erano ancora depositate presso il Dipartimento per gli alloggi.

Si è scoperto che i funzionari dell’agenzia Identità erano stati inviati sul posto per modificare i dati delle carte d’identità degli elettori, su istruzioni dell’amministratore delegato di Malita Investments, una società di cui il governo detiene la maggioranza, che investe in alloggi sociali. L’amministratore delegato di Malita Investments è Jennifer Falzon, nominata per questo ruolo nel 2021.

Hanno incontrato gli elettori che sono stati inviati lì per cambiare il loro indirizzo.

Inoltre, i funzionari di Identità presenti sul posto, hanno firmato una dichiarazione che attestava che l’elettore viveva lì quando era evidente che il luogo non fosse abitabile, ha osservato il magistrato.

È stato “vergognoso che gli elettori siano stati manipolati e sfruttati da coloro che avrebbero dovuto salvaguardare i loro interessi e il loro benessere, per cambiare il loro indirizzo a Binja Silvio Parnis”, ha dichiarato il magistrato.

È sconcertante che a uno degli elettori sia stato promesso un alloggio nell’ottobre 2021, ma gli sia stato assegnato quest’anno.

Un funzionario dell’Housing ha testimoniato che gli inquilini che avevano stipulato accordi di promessa di assegnazione non avevano ancora ricevuto le chiavi.

“È preoccupante che gli elettori siano stati ingannati e indotti a commettere reati proprio da terze parti, all’interno di entità di cui il governo ha il controllo assoluto, ovvero Identita’ e Malita Investments, che si sono rese potenzialmente complici” – Tribunale.

Le chiavi sarebbero state consegnate una volta firmati i contratti di locazione.

Il processo di cambio delle carte d’identità in loco è stato evidentemente “affrettato”.

Infatti, le relative richieste di variazione delle carte d’identità presentavano campi mancanti, tra cui quelli relativi a “data di nascita”, “luogo di nascita” e “sesso”.

E il funzionario di Identita’ sul posto, firmando come testimone della firma, ha dichiarato che i richiedenti vivevano lì quando “era palesemente ovvio che l’isolato non aveva residenti”.

“È preoccupante che gli elettori siano stati ingannati e indotti a commettere reati penali proprio da terze parti di entità su cui il governo ha un controllo assoluto, ovvero Identita’ e Malita Investments, che si sono rese potenzialmente complici”, ha aggiunto il tribunale.

Gli avvocati Karol Aquilina e Joseph Grech assistono Piccinino.

Respinta la richiesta di intervento dei lavoratori

In precedenza, la Corte d’Appello ha respinto i tentativi del Partito Laburista di intervenire nei casi. Il PN aveva presentato ricorso in 25 casi in cui i magistrati avevano accolto la richiesta del Partito laburista.

Il presidente della Corte, Mark Chetcuti, insieme ai giudici Christian Falzon Scerri e Josette Demicoli, ha accolto le argomentazioni del segretario generale del PN, Michael Piccinino, in qualità di ricorrente nei procedimenti, respingendo le istanze del PL.

Il tribunale ha ritenuto che il partito non rientrasse tra le tre categorie di persone menzionate nella legge elettorale.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...