martedì, Aprile 23, 2024
HomeMaltaGli avvocati criticano i tribunali in un ricorso per violazione di diritti

Gli avvocati criticano i tribunali in un ricorso per violazione di diritti

Migranti in mare. Foto: Shutterstock

Giovedì il tribunale è stato chiamato in causa in un appello su un caso di 52 richiedenti asilo respinti in Libia quattro anni fa.

Nel loro ricorso, gli avvocati hanno sostenuto che se il tribunale avesse davvero creduto che le accuse dei richiedenti asilo fossero “gravi”, non avrebbe dovuto “mai trattare il caso con la scusa di una carenza procedurale”, innalzando il grado di prova a livelli “impossibili”.

Questa è stata una delle argomentazioni avanzate dagli avvocati che assistono il gruppo di migranti, per lo più eritrei, e i parenti sopravvissuti che stanno conducendo una battaglia costituzionale contro lo Stato maltese per l’incidente, avvenuto a Pasqua nell’aprile 2020.

Le autorità maltesi erano state avvisate dell’imbarcazione carica di migranti che si stava dirigendo verso l’area di ricerca e salvataggio maltese; l’imbarcazione è stata localizzata da un aereo di Frontex e successivamente anche da un’imbarcazione marittima dell’AFM.

Un peschereccio privato, il Dar El Salam 1, è stato ingaggiato per assistere nell’operazione di salvataggio che ha portato al rimpatrio dei migranti in Libia.

Sono stati messi in un centro di detenzione dove hanno subito ulteriori trattamenti inumani e degradanti.

Con l’assistenza dell’avvocato Paul Borg Olivier, che ha agito come mandato per conto del gruppo, i migranti hanno avviato un procedimento costituzionale sostenendo che i loro diritti fondamentali erano stati violati dall’operazione di salvataggio coordinata dallo Stato maltese, che non aveva rispettato le leggi internazionali, europee e maltesi.

Ma all’inizio di marzo, la Prima Sala della Corte Civile, nella sua giurisdizione costituzionale, ha respinto il caso per un cavillo.

Il giudice Lawrence Mintoff ha accolto un’eccezione preliminare sollevata dall’avvocato di Stato che ha conferito a Borg Olivier il mandato di rappresentare i richiedenti asilo nella causa.

La corte ha concluso che le procure non potevano essere validamente esibite come prova poiché non erano state redatte secondo la legge.

La loro autenticità non era stata accertata dalle autorità straniere e da un rappresentante diplomatico o consolare del governo maltese secondo le norme procedurali prescritte.

Poiché tali formalità erano una questione di ordine pubblico, non potevano essere ignorate, “anche nel contesto di gravi accuse di violazione dei loro diritti umani fondamentali”, ha stabilito il giudice.

La sentenza sarà ora riesaminata dalla Corte costituzionale a seguito di un ricorso presentato da Borg Olivier.

La Corte ha ignorato la “natura flessibile” dei procedimenti costituzionali

La prima corte ha affermato che le affermazioni dei migranti erano “effettivamente gravi” e meritavano “la massima attenzione nel trattare ogni [elemento di] prova”.

E proprio queste “affermazioni gravissime” sulla condizione dei migranti richiedevano una “maggiore flessibilità” nell’affrontare le questioni procedurali, hanno sostenuto gli avvocati dei ricorrenti.

Ciò non significa che la parte che rivendica la violazione dei diritti debba essere creduta dalla corte senza alcun controllo.

Ma il grado di prova deve prendere in considerazione la natura del caso e le circostanze particolari.

In questo caso, le prove, comprese le dettagliate dichiarazioni giurate e le osservazioni scritte riguardanti la procura di Borg Olivier, riflettevano “chiaramente” il suo “impegno genuino, meticoloso e professionale” costruito sulla fiducia reciproca tra lui e le persone che rappresentava.

Quando i richiedenti asilo sono stati rinviati in un centro di detenzione libico, hanno inizialmente autorizzato verbalmente Borg Olivier ad avviare il caso.

Considerato lo scenario dell’epoca, l’avvocato sapeva che non sarebbe stato facile dimostrare di essere stato autorizzato verbalmente da più di 50 persone detenute in un Paese devastato dalla guerra, in condizioni sanitarie difficili aggravate dalla pandemia COVID-19 e dopo un traumatico respingimento.

Anche le ambasciate e i consolati sono stati chiusi.

L’unico rifugio dei migranti era l’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Borg Olivier aveva quindi seguito la prassi adottata chiedendo assistenza all’agenzia, anticipando pienamente le richieste dello Stato maltese.

Dopo aver dato un mandato verbale, ogni migrante ha messo per iscritto la propria autorizzazione attraverso documenti redatti e spiegati dai funzionari dell’agenzia.

La maggior parte dei richiedenti ha anche firmato un documento che è stato prodotto negli atti del caso.

Inoltre, il Codice civile prevede che tale mandato possa essere conferito per atto pubblico, scrittura privata, lettera, verbalmente o anche tacitamente, hanno sostenuto i ricorrenti.

E in questo caso la prima corte ha anche ignorato la “natura flessibile” dei procedimenti costituzionali, insistendo sul fatto che le procure non erano state debitamente autenticate in termini di legge.

una situazione molto pericolosa

Questa linea di ragionamento ha dato origine a una “situazione molto pericolosa”, hanno proseguito i ricorrenti.

Lo Stato potrebbe facilmente negare l’autenticazione attraverso i suoi diplomatici o consoli, bloccando così i procedimenti giudiziari contro lo Stato stesso.

Il ragionamento della Corte ha inoltre sconvolto la fiducia tra l’avvocato e le persone che rilasciano il mandato, assoggettando queste “vittime vulnerabili” allo Stato – il convenuto nel procedimento.

Uno degli scopi del coinvolgimento dell’UNHCR era proprio quello di far agire l’agenzia come intermediario tra i migranti e lo Stato che avrebbe violato i loro diritti.

Il primo tribunale avrebbe potuto “salvare” il caso

Pur insistendo sul fatto che il mandato soddisfa tutti i requisiti legali, i ricorrenti hanno sostenuto che il tribunale stesso avrebbe potuto nominare una persona che li rappresentasse nel caso.

La Costituzione concedeva alla corte il potere di farlo.

Invece, il tribunale ha respinto il caso “con la scusa di una carenza procedurale che non esisteva” e ha “arbitrariamente” innalzato il grado di prova a livelli “impossibili”.

Nell’affermare che le procure dovevano essere autenticate, il tribunale ha applicato una disposizione di legge applicabile ai documenti “ufficiali” emessi da uno Stato estero.

I ricorrenti hanno chiesto alla Corte Costituzionale di revocare la sentenza e di rinviare la causa al primo giudice affinché proceda nel merito.

Gli avvocati Evelyn Borg Costanzi e Michael Camilleri hanno firmato il ricorso.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Questo architetto ha lasciato il suo lavoro “tossico” per lottare per il patrimonio di Malta

Patrick Calleja si sente libero ora che il suo lavoro "tossico" di architetto con l'Autorità di pianificazione è finito. Foto: Jonathan BorgPatrick Calleja si...