sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaGaldes respinge le accuse di gerrymandering sulle case popolari di Siġġiewi

Galdes respinge le accuse di gerrymandering sulle case popolari di Siġġiewi

Il ministro degli Alloggi Roderick Galdes respinge le accuse di gerrymandering sulle case popolari di Siġġiewi. Foto: Matteo Mirabelli

Il ministro dell’Edilizia abitativa Roderick Galdes ha respinto le accuse di gerrymandering in vista delle elezioni locali di giugno, dopo che 99 elettori hanno cambiato il loro indirizzo in un blocco di case popolari a Siġġiewi, pur non abitandovi.

Il mese scorso, il Partito nazionalista ha chiesto al tribunale di riportare l’indirizzo dei residenti alle loro attuali abitazioni perché l’edificio non era pronto per ospitare le persone.

Il partito ha affermato di aver colto il governo in flagrante e ha sottolineato che “casualmente” due terzi provengono dal distretto elettorale del ministro degli Alloggi.

Ma Galdes ha respinto le accuse secondo cui i laburisti starebbero usando il loro potere al governo per introdurre nuovi elettori a Siġġiewi e contribuire a spingere le elezioni comunali a proprio favore.

Il ministro degli Alloggi Roderick Galdes risponde alle domande dei giornalisti lunedì. Video: Matteo Mirabelli

“Le accuse di gerrymandering nelle elezioni non sono vere”, ha detto Galdes ai giornalisti lunedì.

“Nel corso degli anni ho ricevuto numerose interrogazioni parlamentari da parte di membri del Partito Nazionalista che mi chiedevano quando il blocco sarebbe stato pronto. Ora che è pronto, hanno presentato un’istanza in tribunale, è vergognoso”.

“Il gerrymandering è quando si guadagna qualcosa in più, quindi quando si tratta di elezioni di europarlamentari e di consigli locali, questo non fa differenza”, ha detto.

“Oggi abbiamo una situazione in cui una persona può concorrere a Mdina, ma vivere a Qormi. Qualcuno può concorrere a Gozo e vivere a St Paul’s Bay, non fa differenza, questa è la legge”.

L’enorme blocco abitativo di nuova costruzione, intitolato al defunto deputato laburista Silvio Parnis, è ancora in fase di ultimazione. In precedenza, Times of Malta ha visitato il sito e ha confermato che, mentre il blocco è in fase di ultimazione, gli appartamenti – almeno al piano terra – sono vuoti di tutti i mobili e servizi.

Venerdì scorso, tre donne tra le 99 registrate come residenti nelle case popolari hanno ammesso in tribunale di non vivere lì. Due delle donne hanno dichiarato di vivere a Qormi con i genitori perché le case popolari di Siġġiewi sono attualmente inabitabili.

Galdes, tuttavia, ha insistito che ci sono “persone che vivono lì”.

When Times of Malta visited the social housing site, the finishing touches are still being made to the Siġġiewi apartments. Photo: Chris Sant FournierQuando Times of Malta ha visitato il sito delle case popolari, gli appartamenti di Siġġiewi sono ancora in fase di rifinitura. Foto: Chris Sant Fournier

Ha detto che presto sarà inaugurato un edificio di edilizia popolare a Bormla e ha chiesto se l’opposizione ha intenzione di presentare istanze giudiziarie contro i nuovi residenti.

“Queste sono richieste giudiziarie vendicative”, ha detto.

“Credete che come Housing dovremmo far aspettare un altro mese prima di trasferirci nelle case popolari a causa di un’elezione?”, ha chiesto.

Alla domanda se sia una coincidenza che due terzi delle persone provengano dal suo distretto elettorale, Galdes ha risposto che quando le persone fanno domanda per un alloggio sociale, lo fanno vicino alla loro località di origine.

“Non mi aspetto che queste persone vadano a Gozo o lontano da dove sono le loro famiglie. Quindi è stata una coincidenza che sì, questo appartamento di edilizia popolare si trovi nel mio distretto. Bormla è nel mio distretto? Cerchiamo di essere corretti”, ha detto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE