mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeMaltaEmbrioni in adozione lasciati in cella frigorifera in un limbo legale

Embrioni in adozione lasciati in cella frigorifera in un limbo legale

Quattro embrioni congelati dal 2019 devono essere lasciati in cella frigorifera nonostante siano stati dati in adozione perché le agenzie di adozione di Malta non hanno le licenze per trattarli.

Gli embrioni sono stati donati l’anno scorso dopo che la coppia che li ha creati ha concluso la propria relazione e ha deciso di non utilizzarli per cercare un altro figlio.

“Questi embrioni rimarranno crioconservati presso la MDH ART Clinic fino a quando non verrà trovata una soluzione legale– Autorità di protezione degli embrioni”

Le modifiche alla legge che regola la fecondazione in vitro (FIV) nel 2018 hanno permesso il congelamento degli embrioni a condizione che i futuri genitori accettino di dare in adozione gli embrioni non reclamati.

Tuttavia, l’Autorità per la protezione degli embrioni ha scoperto un ostacolo legale quando la coppia ha scritto nell’aprile dello scorso anno per informarla “che questi embrioni possono ora essere dati in adozione”.

Nel suo rapporto annuale pubblicato questa settimana, l’Autorità per la protezione degli embrioni ha affermato che “le attuali licenze detenute dalle agenzie di adozione locali, sia pubbliche che private, non consentono l’adozione di embrioni”.

Sono in corso incontri con l’ufficio dell’Avvocatura dello Stato e con la Social Care Standards Authority per risolvere la questione.

I quattro embrioni rimarranno sotto la custodia dell’Autorità per la Protezione degli Embrioni presso la clinica ART (Assisted Reproductive Therapy) del Mater Dei Hospital fino a quando non si troverà una soluzione legale.

Un totale di 561 embrioni crioconservati

Il rapporto rileva che, alla fine del 2022, c’era un totale di 561 embrioni crioconservati – congelati a temperature molto basse per essere conservati.

Tutti i futuri genitori, tranne questa coppia, hanno espresso la volontà di utilizzare i loro embrioni crioconservati. Si trattava di futuri genitori che avevano già partorito con la FIVET e di futuri genitori che speravano di partorire da embrioni prodotti in cicli precedenti.

Il rapporto ha osservato che, in seguito all’introduzione dell’adozione di embrioni nel 2018, nel luglio dello scorso anno è stato pubblicato un avviso legale che stabilisce che, in questi casi, il Consiglio di amministrazione per le adozioni farà raccomandazioni all’Autorità per la protezione degli embrioni in merito all’ammissibilità e all’idoneità di uno o più futuri genitori all’adozione di un embrione.

Ma poiché le agenzie di adozione maltesi non sono autorizzate a trattare con gli embrioni, questi non possono essere trasmessi a loro per elaborare l’adozione.

“Sebbene questo problema sia al di fuori del controllo dell’Autorità per l’APE, siamo in costante contatto con gli avvocati dell’Avvocatura di Stato per risolvere la questione e questi quattro embrioni potranno essere dati in adozione. Nel frattempo, questi embrioni rimarranno crioconservati presso la MDH ART Clinic fino a quando non verrà trovata una soluzione legale”, si legge nel rapporto.

Il rapporto mostra che 90 gravidanze sono risultate da 274 cicli di fecondazione in vitro effettuati l’anno scorso. Alla fine sono nati 32 bambini, mentre altre 44 gravidanze sono ancora in corso, il che ha portato a un “tasso di bambini portati a casa” del 27,74%, un aumento del 7,12% rispetto al tasso del 2021.

Il rapporto ha rilevato un drammatico aumento dell’interesse per i trattamenti di fertilità lo scorso anno. L’EPA ha ricevuto 1.513 richieste di trattamenti per la fertilità in quell’anno, tutte approvate tranne tre.

I trattamenti andavano dalla FIV e dai cicli di trattamento con embrioni crioconservati alla stimolazione degli ovociti e alle inseminazioni intrauterine (IUI – sperma iniettato nell’utero della donna).

23 donatori di sperma stranieri approvati a Malta

Nel 2022 l’autorità ha ricevuto un totale di 197 richieste di IUI, con un aumento del 72% rispetto alle 114 richieste del 2021.

Tutte le 197 approvazioni sono state rilasciate e comprendono l’approvazione di tre richieste di futuri genitori donne dello stesso sesso che hanno fatto uso di sperma di donatori e nove approvazioni di futuri genitori eterosessuali che hanno fatto uso di sperma di donatori. Le restanti 185 approvazioni sono state rilasciate a futuri genitori eterosessuali che hanno utilizzato lo sperma del proprio partner.

In totale, a Malta sono stati approvati 23 donatori di sperma stranieri. In quattro casi, lo sperma è stato rimandato indietro dopo che la Piattaforma di segnalazione degli incidenti della MDH’s ART Clinic è stata attivata a seguito di una segnalazione della banca del seme circa l’indagine a cui era sottoposto il donatore in questione per disturbi genetici in un bambino già nato in un altro Paese.

In due dei casi, il futuro genitore ha fatto uso dello sperma del donatore prima che potesse essere interrotto ed è stato informato al riguardo. In tutti e quattro i casi, l’autorità ha preso le misure necessarie per bloccare i donatori.

Rimborso dei farmaci

Per la prima volta, nel 2022, l’autorità ha iniziato a ricevere richieste di approvazione del rimborso dei farmaci utilizzati nella procreazione medicalmente assistita per i pazienti in cura presso il Servizio sanitario nazionale.

In totale sono state ricevute e approvate dall’autorità 248 domande, per un totale di 458.534 euro rimborsati.

Nel 2013 è stata istituita l’Autorità per la protezione degli embrioni per regolamentare i servizi di fertilità a Malta e i servizi di fecondazione assistita gratuita hanno iniziato a essere offerti presso l’ospedale pubblico maltese.

La legge è stata modificata nel 2018, quando ha aumentato a 5 il numero di ovuli che possono essere fecondati, ha permesso la donazione di sperma e ovuli, ha consentito l’accesso alla FIVET a donne gay e single e ha introdotto il congelamento degli embrioni.

I più recenti emendamenti del 2022 hanno aumentato l’età di ammissibilità alla FIV da 42 a 45 anni, hanno esteso la FIV a chi ha già un figlio e hanno facilitato l’adozione di embrioni. In modo ancora più controverso, ha introdotto test genetici per condizioni genetiche rare e gravi sugli embrioni della FIV prima che vengano impiantati nell’utero.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

In un periodo torrido, il Bayern dichiara che Tuchel lascerà a fine stagione

Foto: AFPIl Bayern Monaco ha dichiarato mercoledì che si separerà dal manager Thomas Tuchel alla fine della stagione, mentre i campioni di Germania in...