giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaDiscorso di Sua Eccellenza Myriam Spiteri Debono, nuovo Presidente di Malta

Discorso di Sua Eccellenza Myriam Spiteri Debono, nuovo Presidente di Malta

Onorevoli membri,

Presidenti Emeriti,

Eccellenze,

Distinti Ospiti,

Cari Maltesi e Gozitani,

Inizio ringraziando i membri della Camera dei Rappresentanti, in particolare il Primo Ministro che mi ha nominato e il Capo dell’Opposizione che ha supportato la mia nomina, per la fiducia espressa accordandomi il ruolo di Presidente della nostra amata Repubblica di Malta, “la Madre che ci ha dato il suo nome”.

Di conseguenza, io, cittadina maltese di Gozo, sono stata onorata di servire il nostro paese e il nostro popolo nella più alta carica dello Stato. Questo privilegio mi rende particolarmente lieta di occupare una posizione privilegiata, consentendomi di esplorare vari angoli che porteranno alla luce diversi aspetti e responsabilità.

Di fondamentale importanza è il ruolo costituzionale delineato dalla Costituzione, perché quella è l’essenza della Presidenza.

Questo si aggiunge a quanto sviluppato dai dieci presidenti precedenti, incluso l’Agente Presidente Pawlu Xuereb; l’aspetto gentile di conforto e sostegno dalla Presidenza nei confronti dei bisogni delle persone vulnerabili, compresi coloro che sono colpiti da malattie e disgrazie.

La mia nomina a questa carica e la nomina dell’Avvocato Dottor Francis Zammit Dimech come Vice Presidente, con l’accordo di entrambe le parti della Camera, sono di buon auspicio per il nostro paese nel serio tentativo di trovare un terreno comune per lavorare insieme più efficacemente.

Questa volta, la nomina del Presidente è stata fatta secondo gli emendamenti del 2020 all’articolo quarantotto della Costituzione. Questi emendamenti hanno introdotto il requisito che la nomina del Presidente della Repubblica debba essere effettuata con il voto di almeno due terzi della Camera dei Rappresentanti. Questo emendamento ha posto un grande peso su Governo e Opposizione per sforzarsi di raggiungere un accordo sulla nomina di un Presidente della Repubblica.

Mi congratulo con tutti coloro che hanno lavorato per raggiungere questo accordo. Non sarebbe stato bello, né vantaggioso, che, dopo aver concordato che la nomina di un Presidente richiedesse il voto dei due terzi della Camera, ci trovassimo di fronte al primo “test” e che coloro che avevano il peso di cercare un accordo non riuscissero a trovarlo.

Il requisito dei due terzi non è un ostacolo. Si sbagliano coloro tra noi che si lamentano quando la nostra Costituzione richiede l’approvazione dei due terzi della Camera. Il requisito dei due terzi è uno strumento che incoraggia la “costruzione del consenso”, che continua a sviluppare il modo in cui facciamo politica, promuove il funzionamento del dialogo, la cura delle preoccupazioni di ogni parte coinvolta nel processo – sia che la composizione della Camera sia formata solo da due formazioni politiche o anche se un giorno, come abbiamo avuto in passato, ci fossero più di due formazioni. Tuttavia, l’ambizione della libertà di rappresentanza, nell’ambito della formazione politica, è vantaggiosa, il sistema elettorale del nostro paese rappresentativo per i membri della Camera dei Rappresentanti, non è stato modificato. Abbiamo perfezionato il nostro sistema elettorale e lo abbiamo avvicinato di più al principio democratico cardinale di “una persona, un voto, un valore”.

Anche in questo caso è richiesto il consenso di entrambe le parti della Camera.

Ricordiamo anche che l’istituzione della Repubblica di Malta cinquant’anni fa, il 13 dicembre 1974, richiedeva il voto di almeno due terzi della Camera, e in quel giorno, anche l’accordo necessario fu raggiunto.

Dobbiamo sforzarci di trovare il consenso là dove esiste; lo abbiamo fatto in passato, e dobbiamo farlo ancora di più per il futuro.

L’istituzione della Repubblica è stata il culmine, il frutto di sviluppi guidati dai nostri antenati, a volte con un passo avanti e altre volte con due passi indietro, da una generazione all’altra.

Finché Malta divenne indipendente nel 1964 e Repubblica nel 1974, c’è sempre stata una parte del nostro popolo che ha portato nel cuore il dolore per la protezione del potere britannico che cercavamo nel 1800 si trasformò in un dominio coloniale con lo scopo principale di servire gli interessi del sovrano.

Con determinazione, una amministrazione dopo l’altra, iniziammo a sviluppare i settori economici e sociali del nostro paese, fino ad oggi, quando il nostro paese non soffre più della piaga della disoccupazione, diventando un rifugio per altri che, come i nostri antenati in altri tempi, fuggono dalla loro terra natale in cerca di una vita migliore.

Di conseguenza, stiamo assistendo a un afflusso tra noi di questi stranieri da paesi che non godono della prosperità che abbiamo raggiunto oggi grazie alla saggezza dei vari leader politici.

Il primo passo per integrare questi stranieri, meno fortunati di noi, che sono venuti a cercare una vita migliore tra noi, è abbracciarli e comprenderli; dobbiamo andare oltre la passività della tolleranza, oltre anche l’accettazione riluttante perché abbiamo bisogno di loro.

Molti hanno bisogno di energia sufficiente per avere informazioni aggiuntive che hanno fornito allo Stato un po’ di tempo, i dati della società hanno un ruolo vulnerabile. L’energia del nostro film nazionale deve anche manifestarsi in modo più ampio; Dovrebbe essere la base dell’operato di ciascuno di noi gli uni con gli altri e con coloro che sono venuti a vivere tra noi.

Dobbiamo anche essere pronti ad accogliere il prossimo che, con vari sacrifici, fugge dalla miseria di una vita socialmente dura nel suo paese, comprese situazioni di conflitti armati, e, con l’aiuto e la cooperazione dei nostri partner nell’Unione Europea, aiutarli a stabilire le fondamenta di una vita migliore.

L’unità, la tranquillità e la serenità nel nostro paese sono obiettivi per cui tutti dobbiamo lavorare costantemente; nessun presidente da solo ha una bacchetta magica per portare unità e armonia tra noi da un giorno all’altro.

Dobbiamo promuovere i valori di impegno e autodisciplina. Se vogliamo che il nostro paese continui a godere di rispetto, anche al di fuori dei nostri confini, dobbiamo iniziare con i nostri giovani. Da una tenera età, nelle case, nel calore della famiglia e dei nonni, instilliamo in loro l’obiettivo di fare sempre bene ciò che fanno, per il bene. Da lì, dobbiamo addestrarli nella scienza del pensiero, pensiero logico e ragionato, affinché siano in grado di analizzare le situazioni in cui si trovano, gli argomenti che vengono presentati davanti a loro, per arrivare a buone decisioni non solo per loro stessi, ma anche per il bene degli altri.

Dobbiamo consapevolmente instillare in loro l’amore per Malta, la loro patria.

Per farlo, come parte naturale e integrata del sistema educativo, dobbiamo avvicinarli all’apprezzamento della bellezza naturale di Malta e Gozo. Dovrebbero conoscere e aver visitato fisicamente ogni angolo di Malta e Gozo.

E per avere un’apprezzazione tangibile e consapevole dell’ambiente naturale e fisico del nostro paese, che sta diventando sempre più minacciato.

A breve, l’apprendimento della cultura e della storia aiuterà a comprendere meglio l’apprezzamento della propria identità; sviluppiamo in loro un interesse nella letteratura maltese che, negli ultimi settant’anni, si è espansa e sviluppata, e li rendiamo gelosi della lingua maltese, la nostra lingua madre.

I fondamenti della legge devono essere rispettati per quanto riguarda l’obbligo legale minimo per la costituzione, ma anche per l’inesistenza di qualsiasi cosa. La base di questi diritti è l’individuo – e dobbiamo sempre tenere a mente che ogni individuo è una piccola cellula della grande massa dell’umanità.

L’articolo uno, paragrafo tre della nostra Costituzione, oltre alla dichiarazione di neutralità di Malta, dichiara anche che Malta è uno stato “che cerca attivamente di raggiungere la pace, la sicurezza e il progresso sociale tra tutte le nazioni”.

Vedere attivamente “il raggiungimento della pace” come un’estensione dei diritti degli individui, raccolti nella collettività dell’umanità. Questo perché gli individui raggiungono solo il culmine del loro potenziale in un ambiente sereno; l’allargamento del concetto dei diritti fondamentali dell’uomo per includere anche i diritti dell’umanità come collettività, è anche legato al concetto di “patrimonio comune dell’umanità” proposto da Malta alle Nazioni Unite verso la fine degli anni settanta. In questo contesto, la terminologia “Nazioni Unite” è più appropriata.

Sebbene sembri un sogno lontano, un’utopia, dobbiamo insistere affinché le Nazioni Unite diventino una forza con più denti in termini di pace. Malta non deve perdere la speranza perché il passo è minore di quello di una formica; questa strada è laboriosa e piena di buche e ostacoli. È stato sentito per anni che, nell’aumentare la pace, le Nazioni Unite sono ricadute nella debolezza della Società delle Nazioni prima della Seconda Guerra Mondiale.

Recentemente, nei forum internazionali, Malta ha continuato il suo lavoro, attivo e concreto, a favore della pace e contro la brutalità delle guerre, ovunque si trovino e qualunque sia la loro causa, senza distinzione – anche se, a causa del coinvolgimento di Malta come membro dell’Unione Europea e l’impegno di Malta nella prima conferenza di Helsinki per portare in primo piano il legame tra la sicurezza in Europa e la sicurezza nel Mediterraneo, a Malta c’è più interesse nella guerra in Ucraina e nei conflitti in Medio Oriente.

Malta non ha mai smesso di promuovere la pace, e quest’anno Malta è stata affidata alla Presidenza dell’OSCE. Si noti che fu Malta, nella seconda Conferenza di Helsinki – e da Helsinki emersero gli “Accordi di Helsinki” e la Carta di Parigi per una Nuova Europa, – a proporre la creazione di un’organizzazione (l’OSCE, precedentemente CSCE) come arrangiamento regionale per il mantenimento della pace secondo la definizione risultante dal Capitolo otto della Carta delle Nazioni Unite.

Le guerre e i conflitti armati non solo distruggono l’umanità, ma le armi e i macchinari di guerra inquinano e distruggono anche il pianeta.

Il confine del territorio è importante, i servizi forniti dallo Stato sono essenziali, i servizi forniti dallo Stato sono comuni, il modo in cui l’educazione è fondamentale, anche se non è possibile, il problema è che la sfida è insormontabile. Sì, la saggezza mentale della gente si avvicina ogni giorno, e non ci sono tabù nella preghiera.

Mi sembra, tuttavia, che, oltre alle malattie fisiche e mentali, stia emergendo acutamente una nuova malattia che di recente è entrata tra noi con grande intensità – l’avidità per il denaro.

L’avidità per il denaro spesso si trasforma in forme di corruzione; indifferenza per le sofferenze create e subite da altri. È peggiore della dipendenza dalla droga, che forse, nella percezione della nostra gente, è il peggior vizio. Il povero dipendente dalla droga, il maggior danno lo fa a se stesso, chi è afflitto dall’avidità per il denaro, il danno non lo fa solo a se stesso, ma anche a tutta la società.

La governance è molto importante per me. Così è stato per l’evoluzione della democrazia. Abbiamo iniziato. Sono qui davanti a voi, il risultato è stato uno specchio della riforma della governance. Alcune di queste riforme sono state fatte su raccomandazioni provenienti dall’estero.

Le raccomandazioni che emergono dalle inchieste pubbliche sono raccomandazioni che provengono da noi. È inutile fare inchieste pubbliche se non guardiamo seriamente all’implementazione delle loro raccomandazioni. Nel caso dell’inchiesta pubblica sulla morte del giovane Jean Paul Sofia, sembra che ci sia un impegno ad adottare e implementare le sue raccomandazioni.

Nulla, quindi, sulla morte di Daphne Caruana Galizia.

Mi riferisco in particolare alle riforme che colpiscono i media. Sostengo che i media, insieme ai tre organi dello Stato, siano il quarto pilastro del funzionamento della democrazia.

Con i media elettronici, i media si sono veramente trasformati in “mass media” – i media di massa. Nel suo aspetto positivo, i media elettronici hanno dato voce a sempre più cittadini, purché vengano utilizzati correttamente e con una buona guardia.

L’opposizione al Parlamento è avvenuta attraverso l’opera del Governo, il mezzo di controllo del Parlamento, l’opposizione al Parlamento, il mezzo di controllo dei media, l’opposizione del Parlamento, l’azione di opposizione è stata effettuata da uno stimolo affinché fossero più concentrati a migliorare se stessi e ad essere sempre di maggior servizio al popolo.

I media sono anche la voce del popolo. Trasmettono ciò che il popolo sente e hanno il dovere di ventilare le voci delle minoranze. Alle società civili, nei vari obiettivi che espongono, dovrebbe essere dato un grande peso.

Quando il popolo si raduna per le strade e nelle piazze per esprimere la sua voce, a condizione che ciò avvenga in modo pacifico e assolutamente privo di violenza fisica e verbale, questo è un esercizio della sovranità del popolo. Ascoltiamolo e prestiamogli attenzione.

Non c’è niente di meglio che un’opportunità per te, nell’arena pubblica, quando giochi, hai l’opportunità di cambiare in meglio, molto facilmente. Non rendiamolo più difficile. Cambiare direzione, almeno in quelle questioni di certa importanza, dovrebbe essere raccomandato e non etichettato come “U-turn”, perché ciò scoraggia le correzioni necessarie.

Le persone coinvolte nella politica, tutte insieme, devono fare in modo di non essere più la causa dell’apatia delle persone verso la politica. Sembra che stia crescendo tra la nostra gente il sentimento che la politica sia corrotta. Un sentimento che si sta trasformando in indifferenza verso la politica. Se questa questione non viene affrontata seriamente, il nostro paese soffrirà della mancanza di futuri leader tra i nostri giovani. Da qui saluto quei giovani politici che stanno trovando il loro posto nei Consigli Locali e nella Camera dei Rappresentanti; abbiamo bisogno di vederne di più emergere per avere un ruolo nella futura governance del nostro paese.

Ci sono molte questioni su cui possiamo concordare. Farò del mio meglio per essere uno strumento di unità che elevi lo stima e il profilo nazionale o internazionale di Malta.

Una sezione del popolo, coloro a cui importa, ritiene che dovrebbero essere apportate modifiche alla Costituzione che riflettano alcuni cambiamenti di circostanze. Per ottenere una convenzione costituzionale, e in ogni caso, tutto ciò che riguarda la presidenza precedente. Anche molto lavoro è stato fatto nella presidenza precedente. Sua Eccellenza il Presidente George Vella sembra essere dell’opinione, almeno così ho capito, che una volta avviata la convenzione, la Presidenza si fermi lì e affidi la convenzione a una persona o persone con le migliori qualità per portare avanti la convenzione. Sono d’accordo al cento per cento, ma tutto dipende dal raggiungimento di un accordo sulla scelta delle persone a cui sarà affidato questo esercizio.

Se stai cercando di migliorare l’economia, il tuo obiettivo è quello di garantire che l’amministrazione possa fare qualcosa per la tua stabilità, in modo da avere stabilità nella tua vita, puoi investire in investimenti locali come se fossi in un paese straniero. Bene, affinché questo obiettivo sia raggiunto, è necessario l’accordo tra entrambe le parti della Camera, e ciò dopo discussioni con esperti e partner sociali.

Dobbiamo cercare in modo corretto e divertente, è stato il modo in cui la gente ha deciso di investire denaro nell’amministrazione pubblica. Dobbiamo cercare di rafforzare l’organo dello Stato, l’amministrazione della giustizia, le forze dell’ordine.

L’assassinio di Daphne Caruana Galizia è stato un assassinio. Da lei sta ancora sgorgando il sangue. Abbiamo bisogno che questo episodio orribile venga chiuso una volta per tutte. Altrimenti, non prenderemo la strada giusta. Altrimenti, il “fallout” da essa continuerà a girare e correre con noi.

Anche se è passato un bel po’ di tempo dalla morte di Karin Grech e di Raymond Caruana, il fatto che non abbiano mai avuto una conclusione, in inglese “closing”, le loro ferite sono ancora sanguinanti. Non lasciamo che accada lo stesso a noi.

Sarei negligente nei confronti dei miei fratelli Gozitani se non cercassi modi per farli sentire più vicini alla Presidenza. So cosa significa venire da Gozo e le maggiori forze che i Gozitani devono esercitare a causa del tratto di mare che ci separa da Malta.

È mio obiettivo essere visibile e accessibile nei prossimi cinque anni. Ciò non significa che interverrò in tutto o parlerò di tutto. Significa che parlerò apertamente solo quando riterrò che sia necessario e che la situazione lo meriti.

Niente può dire alla Presidenza se non ti senti a tuo agio quando la Presidenza non sta bene.

Nessuno e niente è più grande di Malta, “la Madre che ci ha dato il suo nome”. Ciò include entrambi i principali partiti. Sono consapevole e convinto che entrambi i partiti vogliano il bene di Malta. In questo vero senso, appello a entrambi i leader affinché siano strumentali in modo concreto e tangibile a dimostrare che l’amore che hanno per Malta e per il suo popolo viene prima di tutto, prima dei loro partiti. Ai loro seguaci chiedo anche di moderare il partitismo affinché il collettivo abbia sempre la precedenza sugli interessi egoistici.

La disciplina interna in entrambi i partiti dovrebbe essere la preparazione e il fondamento per un comportamento e uno standard corretti quando un partito è affidato al governo dall’elettorato.

Abbiamo le qualità necessarie per riuscire a migliorare ciò che deve essere migliorato e a rendere Malta un posto migliore per i nostri figli e i figli dei nostri figli. Facciamolo insieme.

Vi ringrazio.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donna porta il cadavere dello zio in banca per ottenere un prestito in Brasile

La donna ha cercato di far credere che lo zio stesse firmando i documenti. Screengrab da filmati: X, ex TwitterLa polizia brasiliana ha arrestato...