domenica, Febbraio 25, 2024
HomeMaltaDalla panchina: Questo matrimonio non è mai avvenuto!

Dalla panchina: Questo matrimonio non è mai avvenuto!

Il matrimonio può essere annullato se non sussistono determinati requisiti.

Da quando, nel 2011, è stata introdotta la legge sul divorzio nel nostro quadro legislativo, i tribunali maltesi hanno assistito a un aumento costante del numero di cause di separazione personale e di divorzio. Come mostrano i dati del mese scorso, nel 2023 il Tribunale della famiglia ha pronunciato 483 sentenze di divorzio e 110 sentenze di separazione personale.

Mentre le cifre sopra citate sono piuttosto considerevoli, non si parla molto delle cause di annullamento civile del matrimonio, le cui sentenze vengono ancora pronunciate.

Prima di approfondire una recente sentenza pronunciata dai nostri tribunali, è opportuno considerare le distinzioni tra annullamento del matrimonio, separazione personale e divorzio. Sebbene tutti e tre comportino la cessazione del rapporto coniugale dei coniugi, ognuno di essi si differenzia dall’altro.

Con una sentenza di separazione personale, i coniugi vengono liberati dai loro obblighi reciproci, vale a dire la cessazione dell’obbligo di convivenza. La sentenza di separazione personale comporta anche la cessazione della comunione dei beni tra i coniugi ed entrambe le parti, a partire dalla data della sentenza, riacquistano il proprio status individuale per compiere atti di natura civile senza la necessità di comparire e di ottenere il consenso dell’altro coniuge. Da quel momento ciascuna delle parti sarà considerata un individuo libero.

Tuttavia, dire che la separazione personale comporta la fine del matrimonio è un’affermazione completamente errata. Dopo una sentenza di separazione personale nessuno dei due coniugi può risposarsi civilmente a meno che non si arrivi a una sentenza di divorzio. Il divorzio è ciò che determina lo scioglimento del matrimonio.

Gli effetti di un annullamento sono forse più ampi di quelli di una separazione personale o di un divorzio. Mentre una sentenza che pronuncia quest’ultimo avrebbe effetto a partire dalla data della sentenza pronunciata dal Tribunale di famiglia o dalla Corte d’appello, nel caso di un annullamento il matrimonio sarebbe considerato come se non fosse mai esistito.

Quando una causa di annullamento civile viene presentata al Tribunale della famiglia, i compiti del tribunale sono diversi da quelli di una separazione personale o di un divorzio. Il punto cruciale dell’intera causa è stabilire se uno o più requisiti essenziali per contrarre il matrimonio mancavano al momento della stipula. Se il tribunale accerta l’assenza di uno o più requisiti, il matrimonio viene dichiarato inesistente fin dall’inizio.

L’annullamento civile è stato pronunciato dal Tribunale civile, sezione famiglia, il 22 gennaio nei confronti di DB e della dottoressa Martha Mifsud e noe. Come si può notare dal nome del caso, il coniuge convenuto era assente in questo procedimento e quindi doveva essere rappresentato da curatori.

I fatti del caso erano i seguenti. Nel 2014 l’attore ha conosciuto la convenuta mentre quest’ultima studiava inglese a Malta. Quando la convenuta ha terminato gli studi, è tornata nel suo Paese d’origine ed entrambe le parti sono rimaste in contatto. L’attore si è recato a far visita alla convenuta e hanno concordato che quest’ultima sarebbe tornata a Malta in modo che entrambi potessero iniziare a vivere insieme.

Dopo qualche mese, la convenuta ha scoperto di essere in dolce attesa. A metà della gravidanza, la convenuta decise improvvisamente di tornare nel suo Paese d’origine per poter partorire circondata dalla sua famiglia e secondo le sue tradizioni.

La ricorrente ha insistito affinché si sposassero per evitare che il figlio nascesse fuori dal matrimonio. Il 18 aprile 2016, mentre si trovava nel suo Paese, il convenuto ha presentato una domanda di matrimonio senza il consenso, la presenza o la firma della ricorrente. Nell’agosto 2016, mentre l’attore era fisicamente presente nel Paese in vista della nascita del figlio, la convenuta lo ha portato in un centro comunale dove ha dovuto firmare tre documenti in una lingua straniera. Il ricorrente è stato minacciato che se non avesse depositato i documenti, gli sarebbe stato negato l’accesso al figlio. Il querelante si adeguò.

Mentre le parti lasciavano il centro comunale, la convenuta gli disse che erano sposati e che si erano sposati in aprile.

Dopo la nascita del bambino, mentre l’attore era di nuovo a Malta, la convenuta lo informò che non sarebbe tornata a Malta come avevano inizialmente previsto e che se l’imputato voleva avere una relazione con suo figlio, doveva tornare nel suo Paese d’origine. Lui si adeguò.

Il rapporto continuò a deteriorarsi sempre di più. Il convenuto iniziò a sostenere che la ricorrente stava per fuggire dal Paese con il bambino e che era vittima di violenza domestica.

La loro relazione si è conclusa definitivamente quando l’imputato ha lasciato la casa e da allora non è stato più trovato né contattato.

L’attore si è rivolto alla Sezione Famiglia del Tribunale civile chiedendo l’annullamento del matrimonio con la convenuta in quanto il suo consenso è stato ottenuto con la violenza fisica e morale o con la paura (ai sensi dell’articolo 19, paragrafo 1, lettera a), della legge sul matrimonio, capitolo 255 delle leggi di Malta). Egli ha inoltre affermato che il consenso delle parti era viziato dall’esclusione positiva del matrimonio stesso, o di uno o più degli elementi essenziali della vita matrimoniale, o del diritto all’atto coniugale (ai sensi dell’articolo 19(1)(f) del Marriage Act, capitolo 255 delle leggi di Malta).

Nelle sue considerazioni, il giudice Jacqueline Padovani Grima ha osservato che l’istituto del matrimonio è regolato da una presunzione di validità ed è solo sulla base della produzione di prove concrete e convincenti che un matrimonio può essere dichiarato invalido. Il matrimonio è uno dei contratti più essenziali della società e la nullità è l’eccezione e non la regola. Pertanto, la persona che sostiene che il suo matrimonio non è valido e deve essere dichiarato nullo ha l’onere probandi.

Esaminando il primo motivo di annullamento proposto dal ricorrente, ossia che il suo consenso è stato ottenuto con la violenza fisica e morale o con la paura, la Corte ha affermato che, affinché questo motivo sia accolto, la violenza o la pressione esercitata deve essere tale da riflettere e influenzare le condizioni mentali della persona in modo tale che questa non sia in grado di scegliere o di esprimersi liberamente; e nel tentativo di evitare il danno, la persona ha scelto di fare ciò che l’altro chiedeva. In questo caso, l’attore stesso ha testimoniato e ammesso di non aver mai voluto sposarsi e che la convenuta ne era ben consapevole dal modo in cui ha mascherato e tenuto segreta la richiesta di matrimonio quando lo ha portato in municipio. Il tribunale ha osservato come sia stata la paura del ricorrente di non vedere il figlio a costringerlo a sposare la convenuta.

Tenendo conto dei fatti del caso e delle circostanze di paura in cui si trovava il ricorrente, il tribunale ha accolto la sua richiesta di annullamento e ha emesso una dichiarazione molto forte in tal senso. Ha dichiarato che:

“Il tribunale ritiene che l’attore non fosse libero nella sua scelta di sposarsi e che la sua decisione fosse solo il risultato di un’estrema pressione esercitata su di lui dalla convenuta che, poiché i suoi valori culturali presumibilmente non le permettevano di avere un figlio fuori dal matrimonio, ha imposto il matrimonio all’attore, sapendo che avrebbe fatto qualsiasi cosa per essere presente nella vita di suo figlio”.

“Il bambino è stato l’unico motivo che ha spinto l’attore a compiere questo passo, un’azione che non ha intrapreso volontariamente ma solo dopo le forti pressioni della convenuta e la sua paura di essere escluso dalla vita del figlio”

La sentenza può ancora essere appellata.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...