giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaCronacaL'artista Matthew Attard rappresenterà Malta alla Biennale di Venezia 2024

L’artista Matthew Attard rappresenterà Malta alla Biennale di Venezia 2024

L’artista maltese Matthew Attard rappresenterà Malta alla prestigiosa Biennale d’arte di Venezia del 2024.

L’installazione dell’artista 36enne, “I will Follow The Ship“, approfondirà il legame speciale che Malta, e altri Paesi simili, hanno con il mare che li circonda, e temi come la fede, la speranza, la storia e il loro posto nella società contemporanea.

“Non so nemmeno da dove cominciare, è un tale onore e un’enorme opportunità di vita rappresentare Malta alla Biennale“, ha dichiarato Attard a Times of Malta .

L’Arts Council Malta è il commissario del Padiglione di Malta alla mostra internazionale.

Spesso descritta come “l’Olimpiade del mondo dell’arte“, la rassegna riunisce alcuni dei migliori curatori, artisti e critici del mondo e vede la partecipazione di oltre 90 Paesi.

Non è la prima volta che partecipa alla Biennale di Venezia: nel 2009 ha collaborato con la Collezione Peggy Guggenheim e il Padiglione USA alla mostra internazionale.

“Quando si ha l’occasione di lavorare a una mostra di questo tipo, quel momento ti rimane impresso e sogni di esporre il tuo lavoro lì. Ora il cerchio si chiude e non vedo l’ora di iniziare a lavorare con il team curatoriale“.

Attard, che ha vissuto ed esposto le sue opere anche a Venezia, è attualmente impegnato in un dottorato di ricerca presso l’Edinburgh College of Art dell’Università di Edimburgo, con una specializzazione e una ricerca sui meccanismi della visione.

Il momento non potrebbe essere migliore, visto che sta ultimando la sua tesi di dottorato.

“Chiudo un capitolo e ne inizio un altro fantastico ed emozionante“.

Ha esposto per la prima volta nel 2014 alla Galleria Michela Rizzo di Venezia, la stessa galleria d’arte che ha rappresentato Attard negli ultimi 10 anni e che si occuperà della gestione del progetto insieme a Maria Galea.

Da allora, Attard ha esposto, tra le altre città, a Venezia, Roma, La Valletta, Genova, Londra e Pechino.

Ispirato dai graffiti delle navi ex-voto

Rappresentata dalla Galleria Michela Rizzo, “I Will Follow the Ship” sarà curata da Sara Dolfi Agostini ed Elyse Tonna. Maria Galea e la Galleria Michela Rizzo si occuperanno della gestione del progetto.

Gonzalo Pastor Teso è il consulente di produzione, Vincenzo Casali è l’architetto consulente e Joey Borg supervisionerà la programmazione e lo sviluppo del software del progetto.

Il direttore artistico Domínguez Sanchez Teruel si occuperà di gestire l’outreach e la programmazione internazionale.

Attard ha spiegato di essersi ispirato alle immagini storiche popolari dei graffiti delle navi ex-voto, in particolare ai disegni incisi sulle facciate di numerose cappelle locali.

Questi graffiti danno un’impressione di prima mano dell’aspetto delle navi agli occhi di questi non-artisti, probabilmente marinai, e Attard ha detto di essere interessato alle intenzioni dietro questi disegni.

“C’è un significato e una speranza dietro queste illustrazioni”, ha detto.

Attard ha detto che le sue illustrazioni sono il risultato dell’uso di un dispositivo utilizzato per scansionare lo sguardo delle persone e registrarlo sotto forma di dati.

“Come artista, il mio mezzo di comunicazione è sempre stato circondato dal disegno, quindi mi sono trovato a ripercorrere queste incisioni usando questa tecnologia, e la mia fede e la mia speranza sono andate nella tecnologia per produrre la mia arte“.

Il titolo si riferisce al ruolo della barca come contenitore di speranza e deposito di fede, mentre il termine “fidil” ha diversi significati.

Deriva dal latino ‘fidelis’ che significa fede o fedele, ma in maltese una persona che si fida stupidamente di tutti o di tutto viene etichettata come ‘fidil ‘.

L’artista ha dichiarato che, nonostante lavori ed esponga le sue opere all’estero, si rivolge sempre a casa per trovare ispirazione.

“Questo Paese e il suo background culturale sono molto importanti per me”, aggiunge.

“È così che lavoro: guardo indietro a queste immagini storiche, alle cappelle, ai disegni e per me è qualcosa di molto potente”.

Dopo 17 anni di assenza, Malta è tornata alla Biennale nel 2017 e di nuovo nel 2019 e nel 2022.

La 60a edizione della Biennale d’Arte aprirà il 20 aprile fino al 24 novembre 2024.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE