I nuovi avvocati si rivolgono al tribunale per i ritardi nell’esame di mandato

Un gruppo di 11 avvocati si è rivolto al tribunale denunciando di non aver ancora ricevuto il mandato per esercitare la professione a causa di un’impasse che riguarda il nuovo esame per ottenere il mandato per poter esercitare la professione.

In una protesta giudiziaria presentata contro l’Università, il Ministro della Giustizia e la Commissione per l’Amministrazione della Giustizia, hanno accusato le autorità di ritardare la concessione del mandato per poter iniziare a esercitare la professione.

La protesta è stata presentata da Sarah Vassallo Ciliberti, Rosanna Ciliberti, Raphael Sammut De Marco, Conrad Borg Manché, Jurgen Vella, Pearl Agius, Yasmin Joy Attard, Sean Cutajar, Maria Miriam Bezzina, Daniel Vancell e Marcus Stefan Ciantar. Tuttavia, le persone interessate sono circa 120.

I ragazzi hanno spiegato che, nonostante abbiano completato con successo il corso di Master in Advocacy nel settembre dello scorso anno, la loro laurea non si è tenuta a novembre, come avviene di solito, ma è stata posticipata a marzo.

Nel frattempo, hanno sostenuto l’esame per il mandato e, nonostante l’Ufficio del Presidente della Corte Suprema li avesse informati del superamento dell’esame, il loro mandato non si trovava da nessuna parte.

Il problema è che si sono trovati in un’impasse sull’attuazione del nuovo test di idoneità che, a due anni dalla sua introduzione, rimane in un limbo. Secondo le fonti, gli avvocati che si sono laureati l’anno scorso hanno ricevuto il mandato senza il test.

Il test in questione è stato introdotto attraverso modifiche legali nell’aprile 2021 da una sottocommissione della Commissione per l’amministrazione della giustizia.

Nell’ambito del test, ai nuovi avvocati viene chiesto di rivelare eventuali gravi problemi di salute fisica o mentale nell’arco di 10 anni, oltre ad altre domande invasive come l’eventuale dipendenza da droghe, alcol o gioco d’azzardo, o se ne hanno avuta una nei 10 anni precedenti.

Il Ministro della Giustizia Jonathan Attard è stato tra coloro che hanno subito il nuovo test del mandato, costringendolo a scrivere al Presidente George Vella il mese scorso minacciando modifiche legislative se non si risolve l’impasse. Vella presiede la Commissione per l’amministrazione della giustizia.

Attard ha dichiarato di avere delle riserve su quanto proposto dalla Commissione per gli avvocati e i procuratori legali, affermando che le informazioni richieste ai candidati che hanno richiesto un mandato sono “eccessive e non rispettano la dignità delle persone e la loro privacy“.

L’avvocato Marco CIliberti ha firmato la protesta.