sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaCaritas: Il piano di riforma delle sostanze stupefacenti è buono, a condizione...

Caritas: Il piano di riforma delle sostanze stupefacenti è buono, a condizione che i limiti massimi non vengano modificati

La Caritas ha dichiarato che vorrebbe che i limiti dei tribunali per le tossicodipendenze fossero indicativi piuttosto che prescrittivi. Foto: Jonathan Borg

La Caritas vuole che le leggi sulle droghe vengano modificate per dare ai tribunali una maggiore discrezionalità nel giudicare i singoli casi, senza cambiare i limiti legali per i tribunali per la tossicodipendenza.

L’ONG ha avanzato il suggerimento nel feedback fornito al governo nell’ambito di una consultazione pubblica sulle proposte di modifica delle leggi sulle sostanze stupefacenti.

Ha dichiarato di essere d’accordo con la maggior parte dei cambiamenti previsti, ma di avere “serie riserve” sulla controversa proposta di aumentare i limiti dei tribunali per la tossicodipendenza. Il gruppo vorrebbe invece che la legge fosse rivista per rendere tali limiti indicativi, dando ai magistrati il potere di applicarli quando lo ritengono opportuno.

Le sue proposte sono state appoggiate da una dozzina di altre ONG e organizzazioni che operano nel campo della droga o della povertà.

Il governo ha proposto una serie di cambiamenti, che vanno dall’aumento del numero di persone che siedono in un comitato di riabilitazione dei tossicodipendenti alla garanzia che i detenuti beccati con la droga vengano mandati in riabilitazione piuttosto che aumentare la pena detentiva.

Ma il suggerimento di aumentare la quantità massima di varie droghe che una persona può essere colta in possesso mentre viene inviata a un tribunale antidroga si è rivelato molto controverso.

I tribunali per la tossicodipendenza vengono istituiti da un magistrato quando si ritiene che un imputato accusato di possesso aggravato, traffico di droga o di un altro crimine legato alla droga sia meglio condannato alla riabilitazione piuttosto che al carcere. I tribunali per le droghe possono essere istituiti, tuttavia, solo se l’imputato viene sorpreso con una quantità di droga inferiore ai limiti stabiliti dalla legge.

Il governo ha sostenuto di voler aumentare i limiti per dare ai magistrati un ulteriore margine di manovra per mandare i tossicodipendenti in riabilitazione. L’opposizione ha affermato che l’innalzamento dei limiti incoraggerà un maggiore traffico di droga, con i venditori incentivati a dichiarare di essere tossicodipendenti in caso di cattura.

Il leader dell’opposizione Bernard Grech ha dichiarato che il Libro Bianco dovrebbe essere del tutto revocato.

Oggi, le ONG e le associazioni che si occupano di tossicodipendenti e di scenari legati alla droga hanno dichiarato di vedere molti aspetti positivi nella riforma proposta, ma di essere seriamente preoccupate per il progetto di innalzare i limiti del tribunale per le droghe.

Hanno affermato che l’innalzamento dei limiti potrebbe incoraggiare le persone a iniziare il traffico di droga, riducendo la paura di finire in prigione in caso di cattura.

È improbabile che i veri tossicodipendenti possiedano le grandi quantità di droga proposte dalla legge.

Le ONG hanno quindi affermato che sarebbe più sensato se i limiti massimi attualmente stabiliti dalla legge rimanessero invariati, ma diventassero indicativi piuttosto che prescrittivi.

Ciò consentirebbe ai magistrati di istituire un tribunale per le droghe per chiunque venga sorpreso con quantità di droga appena superiori ai limiti stabiliti, se ritengono che l’imputato abbia un problema di dipendenza.

Nei casi in cui persone con veri problemi di dipendenza vengano sorprese con quantità di droga ben superiori ai limiti stabiliti dal tribunale per le droghe, i tribunali dovrebbero avere la facoltà di congelare i procedimenti mentre la persona si sottopone a riabilitazione, hanno suggerito le ONG.

“La paura di finire in prigione può essere un potente fattore motivazionale per spingere una persona a farsi curare”, hanno osservato, “Ci vogliono circa due anni perché una persona segua un programma di riabilitazione completo della Caritas. Dopodiché, invece di essere condannato alla prigione, può ricevere una sospensione della pena o l’ordine di svolgere lavori socialmente utili”.

Le ONG hanno anche suggerito di emendare la legge per dare ai magistrati la discrezionalità di emettere sentenze sospese o ordini di lavoro comunitario a persone che affrontano il loro giorno in tribunale diversi anni dopo essersi riformate e aver abbandonato le droghe.

“La Caritas ritiene che il Libro Bianco contenga proposte molto valide e che, se verranno affrontate le serie preoccupazioni relative all’aumento dei limiti dei tribunali per le tossicodipendenze, potrà essere un’occasione d’oro per garantire una riforma veramente efficace, equilibrata ed efficiente che porti a risultati più equi per i tossicodipendenti e per le vittime che la dipendenza crea”, ha dichiarato.

Il feedback è stato approvato dalle seguenti ONG e organizzazioni:

  • Fondazzjoni OASI
  • Associazione delle scuole cattoliche
  • Cappellania CCF
  • Rete della Gioventù Cattolica di Malta (MCYN)
  • Cappella Millenium
  • Istituto Paolo Freire
  • Fondazzjoni Suret il-Bniedem
  • Cucina per i poveri OFM Valletta
  • Fondazzjoni St Jeanne Antide
  • Fondazzjoni Gioventù Viva
  • Società San Vincenzo De Paule
  • Case della Chiesa per gli anziani
  • Ospedale Mater Dei e Cappellania SAMOC
RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE