Spettacolo sull’eutanasia a Malta, il medico: “L’atto migliore della mia carriera”

Quando nel 2005 Carmen, 82 anni, si è recata in un ospedale spagnolo con diabete composito, ipertensione e una grave emorragia gastrointestinale inferiore, il dottor Marcos Hourmann dice di aver fatto del suo meglio per salvarle la vita.

“Quando l’ho vista per la prima volta, ha chiesto di morire. In quel momento non mi sono preoccupato di quello che diceva, perché anche se la situazione era complessa, forse terminale, non ho rispettato la sua volontà. Ho lavorato come medico per salvarla”, racconta.

Dopo l’intervento medico e la successiva sedazione di Carmen, che soffriva di un cancro al colon in stadio avanzato, le sue condizioni sono peggiorate e lui si è reso conto che non si poteva fare più nulla dal punto di vista medico.

“Il modo in cui la figlia si sentiva nei confronti della madre in quel momento è stato molto importante per me… questo è il momento più importante di questa storia”, dice Marcos.

Dopo la richiesta di praticare l’eutanasia da parte della figlia di Carmen, Marco accettò, nonostante l’atto fosse illegale all’epoca in Spagna.

“È stato il migliore atto nella mia carriera da medico”, dice, e ne è ancora convinto.

Negli anni successivi, Marcos ha dovuto affrontare un procedimento penale in Spagna e in seguito è stato radiato dal General Medical Council (GMC) del Regno Unito.

In seguito a un’intervista rilasciata nel 2016 alla TV spagnola, è stato invitato a condividere le sue esperienze sotto forma di spettacolo teatrale, in cui avrebbe poi recitato il ruolo di protagonista.

‘Celebrerò la mia morte’

Questo fine settimana, a partire da stasera, il chirurgo sarà protagonista di due rappresentazioni di I Will Celebrate My Death allo Spazju Kreattiv di Valletta.

L’opera racconta la storia del motivo che lo ha spinto a fare una scelta che avrebbe cambiato la sua vita per sempre e invita il pubblico a dare il proprio giudizio sulle sue azioni alla fine dello spettacolo.

Invitando il pubblico a esprimere il proprio giudizio, sta in qualche modo cercando la redenzione?

“Non è questo il punto… Il messaggio è quello di scrivere quello che volete, i vostri sentimenti. Non ho bisogno di salvezza”, dice.

Marcos non ha tentato di nascondere il suo atto di porre fine alla vita della paziente. Invece di nascondere le sue azioni, ha incluso nel suo rapporto il fatto di aver somministrato 60 mg di cloruro di potassio a Carmen.

Ma ciò che seguì fu uno “tsunami” nella sua vita.

Mentre la famiglia non ha sporto denuncia, l’ospedale che lo aveva assunto ha denunciato le sue azioni, portando a un procedimento penale.

Dopo essersi trasferito nel Regno Unito per iniziare una nuova vita nel 2006, Marcos è stato radiato dall’Ordine dei Medici dopo che è emerso che non aveva rivelato il caso in Spagna.

“Conosco le regole in Inghilterra… So che mentire è una cosa molto negativa, e sono d’accordo. Ma ho mentito, sì, non ho detto di aver ottenuto un processo, ma perché la mia carriera era a rischio dopo quello che era successo in Spagna”, dice.

Si pente ora della sua decisione?

“No, era l’unico modo che avevo”.

Nel 2009, due settimane prima del processo in Spagna, Marcos ha accettato di dichiararsi colpevole per evitare una condanna di 10 anni di carcere. Invece di affrontare il processo per omicidio, si è dichiarato colpevole di omicidio colposo e gli è stata inflitta una pena detentiva di un anno con la condizionale.

Da allora Marcos ha continuato a praticare la medicina e, nel 2021, la Spagna ha legalizzato l’eutanasia e il suicidio assistito.

Spazju Kreattiv will be hosting two performances of 'I Will Celebrate My Death' this weekend. Photo: Jonathan Borg.

L’opera

Marco ammette che il concetto di produzione teatrale non è nato da lui.

Nel 2016, dopo un’intervista televisiva nell’ambito di un programma sull’eutanasia, i giornalisti hanno proposto a Marcos di creare un’opera teatrale basata sulle sue esperienze, un processo che avrebbe richiesto più di due anni.

Dopo aver pensato a chi affidare il ruolo di protagonista, i suoi colleghi gli hanno chiesto se avrebbe preso in considerazione l’idea.

L’opera è stata rappresentata più di 180 volte in Spagna. Malta segnerà la prima rappresentazione in inglese della produzione, cosa che, nonostante le sfide, Marcos ha ritenuto importante fare.

“Per me non è un lavoro”, dice, aggiungendo che per lui si tratta di far riflettere la gente su questo tema.

Marcos believes euthanasia is an important issue that deserves engagement. Photo: Jonathan Borg.

Cosa è cambiato nel 2005?

Quando gli è stato chiesto cosa c’era di diverso con Carmen rispetto ai pazienti che aveva curato in passato, Marcos ha detto che l’esperienza con lei e sua figlia ha cambiato per sempre la sua idea sull’eutanasia.

“Come medico d’urgenza, il rapporto tra me e i pazienti che curo è più veloce. Troviamo una soluzione e basta. Non abbiamo il tempo di sentirci vicini al paziente; questo è molto poco comune. È stata la prima volta che mi sono sentito così vicino a un paziente”, dice.

La nuova esperienza di connessione lo ha compromesso emotivamente e ha influenzato il suo giudizio?

“Assolutamente sì. Perché prima di essere un medico, sono Marcos Hourmann… con errori e virtù”.

Nonostante le sue azioni quel giorno e da allora, Marcos non si considera un attivista per il problema.

“Non sono un medico attivista per l’eutanasia, no. Sono un attivista per la vita”, afferma.

Marcos sostiene che l’eutanasia dovrebbe essere “assolutamente” presa in considerazione come una delle opzioni del medico per curare i pazienti, ma ritiene che la scelta di porre fine alla propria vita non dovrebbe mai essere una decisione immediata.

“Ci dovrebbero essere molti test per determinare la capacità mentale… è un processo lungo”, afferma.

Eutanasia a Malta?

Nel 2021, il vice leader del Partito Laburista Daniel Micallef ha dichiarato che le esperienze vissute con il padre defunto hanno confermato il suo sostegno all’eutanasia, e l’anno scorso il PL ha promesso una discussione nazionale sull’eutanasia come parte del suo manifesto elettorale.

“Penso che sia una cosa molto buona”, dice Marcos quando gli si chiede la sua opinione sulla promessa.

“È di mentalità aperta. Se ci fosse una legge come questa, il mondo sarebbe un posto migliore”.

Malta, come la Spagna, ha un forte background religioso. Le credenze religiose hanno un ruolo nel dibattito sull’eutanasia?

Marcos dice di non essere religioso, ma insiste nel rispettare la sua importanza nella società.

Tuttavia, per Marcos, l’eutanasia è in fondo una questione umanistica.

“Solo voi potete decidere come finirà, questa è la mia opinione. È un problema umano, non ha nulla a che fare con la religione”.

“Siate liberi di decidere quello che volete… alla fine della vostra vita nessuno dovrebbe decidere per voi”.

Alla domanda su quale sia stata la spinta a portare lo spettacolo a Malta, il direttore artistico di Spazju Kreattiv, Daniel Azzopardi, ha detto che l’organizzazione ha un “ruolo integrale nella creazione di una piattaforma aperta attraverso eventi artistici di qualità in cui le persone possono discutere di temi di attualità”.

“La prima internazionale di questa produzione nel nostro teatro serve a questo scopo e cerca di mettere il settore creativo al centro del discorso sociale”.