Presentato il progetto di un hotel a 11 piani in un quartiere residenziale a Paceville

La costruzione di un hotel di 11 piani è stata contestata a causa del suo posizionamento all’interno una serie di case a schiera a due piani a Paceville,  il progetto distruggerebbe il  paesaggio stradale, formerebbe muri divisori vuoti e impatterebbe negativamente sul carattere della zona.

L’ONG ambientalista Flimkien għal Ambjent Aħjar ha invitato l’Autorità di pianificazione a rifiutare la richiesta, affermando che era evidente che la proposta avrebbe avuto un impatto molto negativo sul carattere e sull’amenità di questa zona ed era in contrasto con una serie di disposizioni.

La domanda di pianificazione al numero 44 di Triq il-Wilġa propone la demolizione interna di una residenza, mantenendo la facciata esistente, e la costruzione di 11 livelli sovrastanti, con 27 camere per gli ospiti e altre strutture accessorie e di ristorazione, compresa una piscina sul tetto.

I richiedenti sono Charles Mangion e l’architetto Ray Demicoli.

The building that will be demolished to make way for the hotel, as marked in planning permit submissions.
L’edificio che sarà demolito per far posto all’hotel, come indicato nella documentazione relativa ai permessi di costruzione.

Il progetto, inoltre, spezzerebbe la serie di case a schiera “costruite con le stesse proporzioni”, mentre l’altezza proposta “distruggerebbe totalmente la leggibilità del paesaggio stradale e snaturerebbe l’edificio in sé, con la conseguente formazione di enormi muri divisori vuoti”, ha accusato l’associazione.

Sottolineando le richieste di pianificazione “particolarmente dannose”, la coordinatrice della FAA Astrid Vella ha affermato che non c’è “alcuna giustificazione” per la demolizione interna totale proposta, descrivendola come una “operazione di distruzione”. L’altezza proposta di ben 11 piani è “totalmente inaccettabile” e non rispetta le altezze consentite, che sono limitate a quattro piani, ha affermato la sua ONG.

Citando una serie di politiche, FAA ha affermato che “sarà fondamentale che la proposta progettuale si inserisca il più possibile all’interno della particolare topografia, riflettendo il profilo e i contorni/livelli di base che caratterizzano il sito specifico, piuttosto che cercare di competere con essi e provocare un significativo impatto visivo”.

La politica imponeva inoltre di non superare il limite di altezza nella strada più alta o in quella più bassa, di non generare pareti divisorie o posteriori vuote e di non creare un design che causasse problemi di privacy.

The area is characterised by two-storey houses on either side of the street. Photo: Google Maps
La zona è caratterizzata da case a due piani su entrambi i lati della strada. Foto: Google Maps

FAA ha inoltre sostenuto che la politica di aggiustamento delle limitazioni di altezza per gli hotel nelle aree turistiche non poteva essere applicata a questa proposta, la cui altezza e il cui design avrebbero “completamente distrutto il paesaggio stradale circostante e snaturato la tradizionale casa a schiera”.

FAA ha avvertito che il progetto presenterebbe un pericoloso rischio di precedenti, che porterebbe inevitabilmente alla “completa distruzione e disintegrazione del nostro patrimonio”.

Citando altre politiche, ha affermato che la massa di sviluppo proposta non dovrebbe dominare eccessivamente l’ambiente costruito circostante, soprattutto quando l’hotel si trova in prossimità di siti sensibili.

FAA ha sottolineato che lo sviluppo si trova all’interno di un’area classificata, dove un aumento eccessivo dell’altezza danneggerebbe l’ambiente di molte proprietà di Grado 2.

La proprietà si trovava proprio di fronte a una fila di 10 case a schiera classificate di Grado 2, e anche l’angolo di strada successivo era composto da 16 abitazioni classificate di Grado 2, si legge.

Situato all’interno di un’area residenziale di Paceville, un hotel di 11 piani, con un ristorante, non era in linea con questa zona, poiché avrebbe generato rumore aumentando le attività commerciali, ha continuato la ONG.

Il documento fa riferimento anche al rumore “significativo” che deriverebbe dai lavori di scavo e di costruzione, “che compromette chiaramente la qualità della vita dei residenti”.

La FAA ha insistito sul fatto che l’altezza ostruirebbe tutte le viste verso e intorno al quartiere e ridurrebbe la quantità di luce naturale. Inoltre, avrebbe compromesso la privacy delle case e dei giardini dei residenti che circondano l’edificio.