mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeMaltaAttualitàL'autista dell'incidente horror Jeremie Camilleri sarà accusato di omicidio oggi

L’autista dell’incidente horror Jeremie Camilleri sarà accusato di omicidio oggi

L’autista imbottito di cocaina che ha ucciso un pedone a Gżira in un crimine che ha sconvolto il Paese mercoledì sarà accusato di omicidio questo pomeriggio.

Jeremie Camilleri, un cittadino maltese-francese di 33 anni che vive a Lija, sarà accusato di aver ucciso Pelin Kaya, una donna turca di 30 anni, che stava camminando in via Testeferrata all’una di notte di mercoledì.

La giovane donna, che è stata descritta come una “persona meravigliosa”, è stata dichiarata morta all’ospedale Mater Dei dopo essere stata portata lì da un’ambulanza.

Un’auto BMW nera guidata da Camilleri si è schiantata contro un ristorante KFC dopo aver danneggiato una stazione di servizio adiacente.

I testimoni hanno raccontato che il conducente, che in seguito è risultato avere alti livelli di cocaina e alcol nel sangue, è poi sceso dall’auto e ha lanciato pietre contro la vittima che giaceva a terra.

È stato anche aggressivo nei confronti dei passanti che hanno cercato di aiutare la donna e ha poi opposto resistenza alla polizia, che ha usato un taser su di lui.

Le fonti hanno riferito a Times of Malta che la polizia non crede che Kaya e Camilleri si conoscessero.

Mercoledì è emerso un filmato che mostra il momento in cui Camilleri è stato arrestato e colpito con il taser dalla polizia mercoledì mattina.

Si sente Camilleri dire agli agenti di polizia: “Tiratemi giù con calma, tiratemi giù con calma”, mentre gli gridano di inginocchiarsi.

Cammina fuori dalla vista e poi cade all’indietro prima di rialzarsi e voltarsi per scappare. La polizia ha quindi usato un taser su di lui e lo ha trattenuto una volta a terra.

Le riprese delle telecamere a circuito chiuso dell’incidente mostrano Camilleri che esce dal veicolo, apparentemente illeso, e attraversa l’altro lato della strada.

Camilleri ha avuto diversi contatti con la legge, e la sua condanna più recente risale a sole due settimane fa, il 4 gennaio, quando si è dichiarato colpevole di piccoli furti in negozi di alimenti naturali a Sliema e Attard e di violazione di un ordine di libertà vigilata.

In quell’occasione, il tribunale ha dichiarato di essere “pronto a offrire all’imputato un’ultima opportunità di ripulirsi” e lo ha sottoposto a un ordine di libertà vigilata di tre anni.

Camilleri è stato coinvolto anche in un altro incidente lo scorso novembre, quando qualcuno ha lanciato un piccolo ordigno esplosivo nella sua casa attraverso una finestra ed è poi fuggito.

I residenti di Lija che hanno parlato con Times of Malta hanno detto che Camilleri è noto nella zona, e i vicini hanno detto di averlo visto gridare e abusare verbalmente di sua madre nella strada dove risiede la famiglia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Attenzione ai nemici interni, avverte Evarist Bartolo, la leadership della PL

Foto di archivio del Times of Malta che mostra Evarist Bartolo (L) e Robert Abela (R).Evarist Bartolo ha avvertito mercoledì la leadership del PL...