venerdì, Maggio 31, 2024
HomeMaltaAttualità'Impossibile' - dubbi sugli ultimi momenti prima della morte di un motociclista

‘Impossibile’ – dubbi sugli ultimi momenti prima della morte di un motociclista

I motociclisti hanno reagito con incredulità alla versione ufficiale di un esperto del tribunale sugli eventi che hanno portato alla morte di Mark Camilleri nel 2020.

All’inizio di questa settimana, una donna è stata assolta dall’accusa di aver causato la morte del motociclista 46enne, dopo che lui si era schiantato contro la sua auto mentre lei usciva da una strada secondaria.

L’incidente stradale mortale è avvenuto il 1° febbraio 2020, sul ponte di Mistra.

Il Camilleri aveva guidato in modo spericolato, viaggiando a 195 km/h mentre era in piedi con la mano destra in aria, impedendogli di usare entrambi i freni.

Sulla scia del verdetto, tuttavia, i motociclisti e altre persone si sono riversati sui social media per esprimere la loro incredulità, definendo le presunte azioni di Camilleri “impossibili”.

Gli scettici sostengono che non sarebbe stato in grado di stare in piedi mentre viaggiava a tali velocità, perché smontato dalla pressione del vento.

Si chiedono anche come Camilleri abbia potuto usare l’acceleratore con la mano destra mentre era in aria.

“Quello che so, come chiunque abbia mai guidato una moto, è che ciò che viene affermato nella sentenza… è praticamente impossibile”, ha scritto il motociclista Mark Micallef su Facebook.

“Non si può stare in piedi su una moto a quelle velocità, perché il vento la smonterebbe. Inoltre, non si può accelerare se la mano destra è in aria, perché l’acceleratore è a destra!”.

Facendo eco ai sentimenti di Micallef, Jerome Licari ha messo in dubbio come Camilleri possa aver accelerato a 195 km/h mentre la sua mano dell’acceleratore era in aria.

“Il perito del tribunale non sa nemmeno che l’acceleratore di una moto si trova a destra del manubrio e deve essere tenuto ben premuto per raggiungere quella velocità”, ha scritto.

Nemmeno i vivi riescono a ottenere un giudizio corretto, figuriamoci i morti

Rene Rossignaud ha richiamato l’attenzione sullo stato della moto dopo l’incidente, che, da una foto rilasciata dalla polizia all’indomani dell’incidente, sembra mostrarla in gran parte intatta.

“Ho avuto un incidente simile a 80 km/h e la mia moto era in pezzi su tutta la strada. Questa moto, ironicamente, è completamente intatta dopo un incidente a 195 km/h”, ha scritto.

Nel frattempo, David Anastasi ha detto che la sentenza “ha tutti gli ingredienti per un appello”.

Una scuola di motociclismo con cui Times of Malta ha parlato ha detto che era “impossibile” che Camilleri fosse in piedi mentre viaggiava a 195 km orari.

“Anche a 100 km/h, solo alzare la mano per regolare il casco può essere difficile”, ha detto un portavoce della Streetwise Motorcycle School.

Ha aggiunto che era “dubbio” che il modello di moto coinvolto nell’incidente potesse raggiungere una velocità così elevata.

Il tribunale ha sentito che Camilleri aveva sorpassato un autobus nei momenti precedenti all’incidente, anche se l’autista dell’autobus ha detto di non aver visto l’impatto.

Un altro testimone ha confermato che il motociclista lo aveva superato a velocità eccessiva.

Secondo la sentenza del tribunale, questi incidenti, insieme alla velocità e alla posizione sulla moto, erano “tutte pratiche scorrette e hanno esposto la sua vita a rischi e pericoli inutili”.

Tenendo conto di ciò, il tribunale ha ritenuto il conducente dell’auto non colpevole di aver causato la sua morte.

Reagendo alla sentenza, numerosi utenti di Facebook si sono chiesti se rappresentasse giustizia per Camilleri, con una persona che ha scritto: “Nemmeno i vivi possono ottenere una sentenza adeguata, figuriamoci i morti”.

Sono state inviate domande alla polizia.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Donald Trump condannato per tutti i 34 capi d’accusa nel processo per il denaro sporco

Donald Trump è stato condannato per tutti i capi d'accusa nel processo per l'uso di denaro sporco. Foto: AFPUna giuria di New York ha...