Il magistrato respinge la causa per diffamazione di un’attivista

Un magistrato ha respinto la richiesta di risarcimento per diffamazione presentata da un’attivista che si era sentita offesa dai commenti di un ex parlamentare che aveva affermato su Twitter che era stata licenziata dal suo lavoro.

L’attivista della società civile Rachel Williams aveva intentato una causa contro l’ex ministro Chris Cardona per un tweet che riteneva diffamatorio nei suoi confronti.

La corte, presieduta dal magistrato Rachel Montebello, ha sentito come Cardona abbia postato una risposta all’attivista nel luglio 2020, chiedendo: “Non ti sei fatta una vita dopo essere stata licenziata dalla BOV”. Questo ha provocato un’immediata replica da parte di Williams: “Questo è prezioso. Non sono stato licenziata. Mi sono dimessa. Perché? Hai cercato di farmi licenziare?”.

La donna ha sporto denuncia per diffamazione, sostenendo che il post era diffamatorio e volto a infangare la sua reputazione. Ha anche affermato di non essere riuscita a trovare un lavoro stabile dopo il tweet.

Ma il magistrato Montebello ha osservato che il tweet è arrivato tre anni e mezzo dopo che la donna aveva lasciato il lavoro alla Bank of Valletta, quindi difficilmente avrebbe potuto influenzare la sua ricerca di lavoro. Inoltre, il commento doveva essere visto nel contesto in cui era stato pronunciato.

Non si poteva dedurre che il presunto licenziamento fosse attribuibile a una condotta che meritava il licenziamento o a fatti o circostanze che la screditavano.

È stato fatto in relazione a una persona che si è esposta a critiche quando ha regolarmente attaccato Cardona pubblicamente e lo ha insultato ripetutamente, sfidandolo a rispondere immediatamente prima che lui replicasse con la dichiarazione su cui è stata presentata la diffamazione.

Inoltre, il tribunale ha stabilito che la Williams non è riuscita a dimostrare che la dichiarazione le ha causato un “grave danno”, come previsto dalla legge. Inoltre, non è riuscita a dimostrare il seguito di Cardona su Twitter, per il quale ha invocato un grave danno alla reputazione.

Gli avvocati Andrew Borg Cardona e Eve Borg Costanzi hanno rappresentato la Williams.