sabato, Marzo 2, 2024
HomeMaltaAttualitàI piani per la demolizione e la ricostruzione della casa di riposo...

I piani per la demolizione e la ricostruzione della casa di riposo di Bormla sono stati presentati alla PA

Una casa di riposo per anziani di Cospicua sarà parzialmente demolita e ricostruita con le stesse dimensioni, se verrà approvata la richiesta di pianificazione per la sua ricostruzione.

Una volta ricostruito, l’edificio continuerà a servire come casa per anziani, secondo la domanda di pianificazione PA/03656/23, recentemente presentata.

“La nuova casa di riposo Bormla proposta non supererà il volume e il numero di piani dell’edificio esistente e manterrà le stesse destinazioni d’uso”, si legge nella domanda.

La casa di riposo Bormla ospita 128 residenti che, nonostante le loro proteste, saranno trasferiti in altre case.

All’inizio di questo mese, il Ministro per l’Invecchiamento Jo Etienne Abela ha dichiarato che il governo deve ricostruire parti della casa perché è stata costruita male e con cemento di bassa qualità.

La consistenza del calcestruzzo sembra essere molto irregolare e al di sotto degli standard. Soprattutto ai piani superiori, il calcestruzzo dei soffitti è di grado C11-13. Mi è stato riferito che dovrebbe essere di grado C11-13. Mi è stato riferito che dovrebbe essere molto, molto più resistente. In sostanza, il calcestruzzo del soffitto di questa casa non è adatto nemmeno per una semplice pavimentazione, che dovrebbe essere C20.Jo Etienne Abela

I rendering generati al computer presentati all‘Autorità di Pianificazione come parte della domanda indicano che il governo intende ricostruire la casa in modo che sia praticamente identica, almeno esternamente, all’edificio attualmente in piedi.

Mentre il governo ha annunciato l’intenzione di chiudere la casa di riposo alla fine di maggio, la domanda dell’Autorità di pianificazione, presentata il 7 febbraio ma resa pubblica solo di recente, indica che il governo sta lavorando al piano da tempo.

La casa di riposo di Bormla è stata inaugurata nel dicembre 1999 e la sua costruzione è costata circa 2,5 milioni di lire (5,7 milioni di euro).

L’europarlamentare laburista Alfred Sant, che ha posato la prima pietra dell’edificio nel 1997 quando era Primo ministro, deve stabilire chi debba assumersi la responsabilità dei problemi strutturali dell’edificio.

Anche il Partito Nazionalista ha chiesto un’inchiesta, affermando che è necessaria per determinare il reale stato della casa.

Il Ministro si è impegnato a liberare la casa entro la fine di giugno.

Ai residenti, molti dei quali provenienti dalla zona di Cottonera, è stato detto che saranno trasferiti in altre case di cura statali mentre l’edificio viene demolito e ricostruito.

Molti non sono contenti e alcuni hanno persino appeso al balcone lenzuola con scritte come “non ce ne andremo da qui” e “gli anziani non sono usa e getta”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE