giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaAttualitàCaso HSBC: magistrato ordina a Darren Debono di testimoniare

Caso HSBC: magistrato ordina a Darren Debono di testimoniare

Oggi pomeriggio, giovedì 4 maggio, un magistrato ha ordinato a Darren Debono di testimoniare nel procedimento contro Vince Muscat in relazione alla tentata rapina alla HSBC del 2010, respingendo le obiezioni degli avvocati di Muscat.

La decisione ha fatto seguito a una mattinata di discussioni legali durante la quale gli avvocati di Muscat si sono detti “molto feriti” da un decreto emesso dalla Corte penale il mese scorso, in cui si affermava che la loro obiezione a Debono come testimone era basata su “premesse errate”.

All’inizio di quest’anno Debono, noto come It-Topo, ha dichiarato che non avrebbe testimoniato contro terze parti probabilmente coinvolte nel tentativo di rapina del 2010, ma solo ai danni di Muscat.

Debono avrebbe dovuto affrontare il processo insieme a Muscat, ma in seguito a un patteggiamento dell’ultimo minuto con il procuratore generale sarebbe diventato il testimone principale dell’accusa. In base al patteggiamento è stato condannato a 10 anni e sei mesi di carcere per il suo ruolo nella drammatica tentata rapina alla HSBC del 2010 e ha accettato di testimoniare contro il suo co-accusato, Vincent Muscat, noto come il-Koħħu.

Durante la raccolta delle prove ha annunciato il suo rifiuto di testimoniare contro terzi ed è stato condannato. La pena è stata poi dimezzata per un cavillo, ma lui si è rifiutato di cambiare la sua posizione.

Quando il Procuratore Generale ha fatto un secondo tentativo per far aggiungere il nome di Debono alla lista dei testimoni per il processo, gli avvocati di Muscat hanno sostenuto che, poiché si rifiutava di dire tutta la verità, non poteva essergli somministrato il giuramento e di conseguenza non era un testimone competente.

Il giuramento vincola una persona a testimoniare “la verità, tutta la verità e nient’altro che la verità”, hanno sostenuto gli avvocati di Muscat, Franco Debono e Roberto Montalto.

La corte ha respinto le loro argomentazioni, affermando che il fatto che Debono avesse difficoltà a rispondere ad alcune domande, sostenendo di temere per la propria incolumità e per quella della sua famiglia, non lo rendeva un testimone inammissibile. Il giudice Edwina Grima ha ordinato al Procuratore generale di garantire a Debono tutta la protezione necessaria.

Quando questa mattina, il caso doveva essere ripreso davanti al magistrato Monica Vella, gli avvocati di Muscat hanno presentato un’istanza in cui si chiedeva alla corte di rimandare gli atti al Tribunale penale per chiedere alla giudice Grima di revocare il suo precedente decreto, chiedendo inoltre la ricusazione del giudice.

L’avvocato Franco Debono ha sostenuto che il nodo del contendere era se a Darren Debono potesse essere somministrato il giuramento dopo aver dichiarato fin dall’inizio e in tribunale che non avrebbe detto tutta la verità. Darren Debono non si è fermato a metà della sua testimonianza, ma ha dichiarato prima ancora di iniziare che non avrebbe fatto il nome di terzi.

“E una mezza verità è peggio di una bugia”.

La revoca del decreto che autorizzava la testimonianza di Debono poteva essere richiesta solo allo stesso tribunale che lo aveva emesso. Per questo motivo è stata avanzata la richiesta di rinvio del caso al giudice Grima.

L’avvocato dell’AG Anthony Vella ha ribattuto che la Corte dei magistrati non era la sede appropriata per impugnare il decreto. La corte che presiedeva alla compilazione delle prove era tenuta ad ascoltare il testimone e solo allora poteva rimandare gli atti alla Corte penale.

Dopo aver ascoltato le osservazioni, il magistrato Vella ha rinviato il caso per un decreto. In seguito ha stabilito che Debono doveva testimoniare ed è stato immediatamente chiamato da una cella in cui era detenuto all’interno del tribunale.

Gli avvocati di Muscat hanno dichiarato che chiederanno un rinvio alla Prima Sezione del Tribunale Civile, nella sua giurisdizione costituzionale, perché quel decreto rappresenta una chiara violazione del diritto di Muscat a un equo processo.

Anche l’avvocato dell’AG Francesco Refalo ha esercitato l’azione penale, insieme al sovrintendente Fabian Fleri e all’ispettore Joseph Mercieca. Gli avvocati Edward Gatt e Mark Vassallo assistono Debono.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE