giovedì, Aprile 18, 2024
HomeMaltaAttualitàAnche gli amici di Jean Paul Sofia chiedono giustizia

Anche gli amici di Jean Paul Sofia chiedono giustizia

Gli amici del defunto Jean Paul Sofia hanno affisso uno striscione a Msida per chiedere giustizia per il ventenne ucciso nel crollo di un edificio in un cantiere di Corradino.

Lo striscione, con la scritta #JusticeForJeanPaulSofia, è stato appeso durante la notte vicino allo skatepark di Msida, e gli amici del giovane si sono uniti alla richiesta di un’inchiesta pubblica sulla sua morte.

“Un’inchiesta è essenziale per capire perché la vita di Jean Paul Sofia – una vita sana e piena d’amore – è stata brutalmente interrotta il 3 dicembre in un cantiere di Corradino“, hanno dichiarato su Facebook le persone dietro lo striscione all’inizio di lunedì.

Il Times of Malta ha riportato che il terreno governativo su cui si stava costruendo la fabbrica privata è affittato a un presunto trafficante di esseri umani, Kurt Buhagiar.

La settimana scorsa, l’opposizione ha presentato una mozione parlamentare per sollecitare il governo ad avviare un’inchiesta pubblica sul crollo. I genitori di Sofia, nel frattempo, hanno scritto una lettera aperta in cui imputano la morte del figlio all’inazione degli enti statali e dei responsabili dello sviluppo del cantiere.

Mercoledì, la madre di Sofia, Isabelle Bonnici, si è rivolta direttamente ai parlamentari chiedendo loro di sostenere la sua richiesta di un’inchiesta pubblica sull’incidente.

In seguito, il deputato PN Casa ha scritto al Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa, chiedendo di verificare l’ostinazione del governo a non avviare un’inchiesta pubblica indipendente.

Rivolgendosi agli ascoltatori della radio PN, Bernard Grech ha accusato Robert Abela di avere “qualcosa da nascondere” per le sue richieste di un’inchiesta pubblica.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE