sabato, Maggio 18, 2024
HomeMaltaAll'uomo accusato di aver violentato l'ex compagna, rintracciando la sua auto, è...

All’uomo accusato di aver violentato l’ex compagna, rintracciando la sua auto, è stata negata la libertà su cauzione

Foto di archivio del Times of Malta.

Un uomo è stato accusato di aver violentato la sua ex compagna mercoledì, dopo che la donna ha rivelato di essere stata aggredita mentre denunciava una campagna di molestie alla polizia.

Il tecnico Mathihul Akmal Mohamed Jabir, 32 anni, cittadino dello Sri Lanka residente a Gżira, è stato chiamato in giudizio davanti al magistrato Joseph Gatt con l’accusa di aver violentato la sua compagna durante la loro relazione, oltre che di averla molestata, spiata e di averle fatto temere violenze, tra le altre accuse.

Jabir si è dichiarato non colpevole.

L’ispettore di polizia John Spiteri ha dichiarato alla corte che il 19 marzo la donna ha denunciato l’ex fidanzato per molestie e stalking.

Parlando con gli agenti di polizia e descrivendo il comportamento che avrebbe subito per mano dell’imputato, la donna ha rivelato che in un’occasione, il 24 febbraio, era stata “costretta a impegnarsi in una condotta sessuale contro la sua volontà”.

Successivamente, la polizia ha tentato di arrestare l’imputato, ma si è scoperto che Jabir era già in volo, essendosi imbarcato su un volo per il suo paese natale, lo Sri Lanka.

Dopo aver scoperto che l’accusato sarebbe dovuto tornare a Malta mercoledì mattina, è stato fermato all’aeroporto al suo arrivo.

Spiteri si è opposto alla richiesta di libertà su cauzione, affermando che, a parte la gravità delle accuse e i testimoni civili che devono ancora testimoniare, Jabir rappresenta una minaccia reale di fuga non solo perché ha legami minimi con Malta, ma anche perché il Paese non ha accordi bilaterali con lo Sri Lanka.

Se dovesse lasciare definitivamente l’isola, la Corte non ha alcuna garanzia che sia fatta giustizia, ha detto.

Inoltre, Spiteri ha detto che c’è ancora il timore che possa interferire con i testimoni, soprattutto perché la stessa presunta vittima deve ancora testimoniare e Jabir è stato accusato di aver installato un dispositivo di localizzazione nella sua auto.

L’avvocato difensore Joseph Calleja Parnis ha dichiarato che, sebbene il reato più grave di stupro sia usato nelle accuse come abbastanza grave da negare la libertà su cauzione, la stessa vittima non si era rivolta alla polizia per l’incidente in questione ed era venuto fuori solo come “nota a margine”.

Mentre il presunto stupro è avvenuto il 24 febbraio, la donna si è rivolta alla polizia solo il 19 marzo, ha sottolineato.

“Se era davvero intenzionata a denunciare questo stupro, è qualcosa che si va a denunciare lì e subito o il giorno dopo e non un mese dopo”, ha detto.

A parte questo, la preoccupazione più grave da considerare è quella delle molestie e a Jabir non dovrebbe essere negata la libertà su cauzione per l’accusa di molestie, ha sostenuto il suo avvocato.

L’accusato ha legami adeguati con Malta, un lavoro fisso e una carta di soggiorno e non dovrebbe essere negata la libertà su cauzione per il fatto di essere straniero, ha aggiunto Calleja Parnis.

L’avvocato si era recato in Sri Lanka per visitare la sua famiglia e anche perché stava attraversando un periodo difficile con la sua compagna, aggiungendo che era tornato a Malta di sua volontà perché doveva presentarsi in tribunale questa mattina in una seduta distrettuale relativa alle stesse circostanze.

Spiteri ha controbattuto alle affermazioni della difesa, affermando che la situazione era già molto difficile da gestire per la presunta vittima.

“Lo stupro coniugale o lo stupro all’interno di una relazione è già molto difficile da denunciare fin dall’inizio”, ha detto aggiungendo che la donna è stata spinta a sporgere denuncia perché era “stufa” e non riusciva più a gestire il comportamento dell’accusato nei suoi confronti.

Dopo aver ascoltato le argomentazioni, il magistrato Gatt ha stabilito che sarebbe stato “poco saggio” concedere la libertà su cauzione in questa fase, data la gravità delle accuse e perché la corte non era convinta che Jabir fosse in grado di rispettare le condizioni di libertà su cauzione.

Ha inoltre concesso un ordine di protezione a favore della presunta vittima.

L’avvocato dell’AG, Cynthia Tomasuolo, e gli ispettori di polizia Sherona Buhagiar e John Spiteri hanno svolto l’azione penale.

L’avvocato Joseph Calleja Parnis ha rappresentato l’imputato.

Gli avvocati Jacob Magri e Arthur Azzopardi sono comparsi come parte civile per conto della presunta vittima.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE