venerdì, Marzo 1, 2024
HomeLo sai cheEventiCosa c'è a Malta e Gozo questa settimana: Dal 4 al 10...

Cosa c’è a Malta e Gozo questa settimana: Dal 4 al 10 dicembre 2023

DANZA

Lo Schiaccianoci

La Moveo Dance Company presenterà la sua interpretazione del balletto classico composto da Tchaikovsky per un secondo fine settimana dall’8 al 10 dicembre presso il Valletta Campus Theatre.

La trama, ambientata alla vigilia di Natale ai piedi di un albero di Natale nell’immaginazione di un bambino, è un adattamento del racconto di E. T. A. Hoffmann del 1816 Lo Schiaccianoci e il Re dei Topi.

I biglietti sono disponibili su showshappening.


MUSICA

Concerto finale per il 10° anniversario di MSA

Il decimo e ultimo concerto della serie che celebra i 100 anni della Malta Society of Arts a Palazzo de La Salle consisterà in un’esibizione di promenade in tutto il Palazzo de La Salle, il 7 dicembre dalle 20 alle 21. Il programma prevede l’esibizione di KorMalta.

Il programma vedrà KorMalta esibirsi con Le Beatitudini e Sister Awake di Carmelo Pace; il canto għana di Mariele Zammit; Opening Doors che suonerà Batucada (percussioni latino-americane); Marie-Anne Scerri che presenterà il Tema e Variazioni op. 73 di Gabriel Fauré; Alessia Bonnici e Kellyann Spiteri che eseguiranno Il Carnevale degli Animali; e la SOM Little Big Band che presenterà una selezione di standard per big band.

La serie di eventi musicali che si sono svolti lungo tutto il 2023 è stata curata da Karl Fiorini.

L’ingresso a questo evento è gratuito.

Tota Pulchra

Il Coro Urbanus Junior si esibirà in vari inni mariani e natalizi presso la Chiesa di Sant’Agostino a Victoria l’8 dicembre alle 11.30.

L’ingresso è gratuito. L’evento è organizzato dal Consiglio di Cultura di Gozo.

Canti a San Giovanni

Il Coro dei bambini della Fondazione della Concattedrale di San Giovanni presenterà il suo concerto natalizio annuale il 6 dicembre alle 19.30.

Il coro, sotto la direzione di Gillian Zammit, si esibirà con l’Orchestra Giovanile di Malta sotto la direzione del direttore britannico Philip Walsh.

Il programma prevede canti natalizi tradizionali e brani di Vella, Rutter, Bach e Haydn.

L’evento è al completo.

Magico Concerto di Natale

Dal 7 al 9 dicembre, il Coro Nazionale dei Bambini di Malta, insieme ad ospiti speciali, accompagnerà il pubblico in un viaggio musicale attraverso 100 anni di film Disney più amati.

Il concerto, che si terrà presso la Sir Temi Zammit Hall dell’Università di Malta, includerà anche giochi, gare sul palco e un karaoke.

I biglietti sono disponibili su showshappening.

La Magia del Natale in Musica

La chiesa di Santa Caterina d’Italia a La Valletta ospiterà un concerto natalizio il 9 dicembre alle 19.30.

Il programma comprende il noto repertorio natalizio con un’attenzione particolare alla musica italiana per le festività.

Partecipano il soprano Zara Donaldson, il mezzo soprano Francesca Bartolo e il tenore Brian Cefai. Saranno accompagnati dal Venus Harp Trio.

Per prenotare i biglietti, contatti gli organizzatori via WhatsApp all’indirizzo 447760657785.

Festival Organistico Internazionale di Malta

La decima edizione del Malta International Organ Festival si conclude questa settimana con un concerto di organo e basso il 5 dicembre presso la cappella di San Sebastiano, a Qormi, alle 19.00 (ingresso gratuito); un concerto all’ora di pranzo con nuovi talenti presso la Basilica di Santa Maria, a Mosta, l’8 dicembre a mezzogiorno (ingresso gratuito); e il concerto di chiusura, intitolato A Prelude to Christmas, presso la chiesa parrocchiale di Sant’Agostino, La Valletta, con il soprano italiano Silvia di Falco, il baritono Joseph Lia, il trombettista Brendan Ball (Regno Unito) e l’organista Andreas Meisner (Germania), il 9 dicembre alle 20.30. I biglietti per quest’ultimo concerto sono disponibili su ticketline.com.mt.

Per tutti i dettagli, visita il sito maltainternationalorganfestival.com.

Per saperne di più sul festival, leggi l’articolo.


TEATRO

Mittruħ

Ispirandosi alla raccolta di microstorie di Ġorġ Mallia, Victor Jacono ha scritto e dirige una nuova opera teatrale presso lo Spazju Kreattiv di Valletta, dall’8 al 10 dicembre alle 20.00.

La produzione, una collaborazione tra Jacono e Theatre Lab Malta, intreccia le storie di vari personaggi in situazioni immaginarie che a volte hanno una sorprendente somiglianza con la realtà.

Il cast è composto da Peter Galea, Theresa Gauci, Clint Chircop, Alison Abela, Kyle Mangani e Alexia Micallef.

Per i biglietti, visita il sito kreattivita.org.

Il Grande Piccolo Spettacolo di Panto

TOI TOI, il Programma di apprendimento e partecipazione del Teatro Manoel, organizza una pantomima per bambini di 4 anni dal 6 al 17 dicembre.

La pantomima presenta tutti i personaggi preferiti delle filastrocche, tra cui Cenerentola, Jack di Jack e la pianta di fagioli, Biancaneve, Aladino, il Gatto con gli stivali e il Lupo cattivo di Cappuccetto Rosso, in una storia originale scritta da Malcolm Galea.

Lo spettacolo è diretto da Dorothy Bezzina, con musiche composte da Matteo Depares.

Lo spettacolo andrà in scena al Teatro Studio di Manoel l’8, 9, 10, 13, 16 e 17 dicembre. Per i biglietti, visita il sito teatrumanoel.mt.

Żeża tal-Flagship

Un adattamento della commedia classica locale, scritta da Mikielang Borg all’inizio del secolo scorso, andrà in scena al Teatro Manoel di La Valletta l’8, 9, 10 e 13 dicembre.

Adattato da Joe Gatt e diretto da Hermann Bonaci, lo spettacolo include una lista di nuove canzoni che saranno suonate dal vivo dall’orchestra e cantate dal cast che comprende Laura Bruno, Simon Curmi, Christian Arding, Michela Galea, Dario Bezzina e Ina Robinich, tra gli altri.

Per i biglietti, visita il sito teatrumanoel.mt.

FILM

Notte del Cinema Europeo

Nell’ambito della Notte Europea del Cinema 2023, Spazju Kreattiv a La Valletta proietterà On the Adamant, un documentario diretto dal regista francese veterano Nicolas Philibert, l’8 dicembre alle ore 17.00.

Vincitore dell’Orso d’Oro (miglior film) al Festival di Berlino 2023, On the Adamant parla di un centro di assistenza diurna galleggiante situato sulla Senna nel cuore di Parigi. Accoglie gli adulti che soffrono di disturbi mentali, offrendo loro un’assistenza che li mette a terra nel tempo e nello spazio e li aiuta a recuperare o a mantenere il loro spirito.

L’ingresso è gratuito, ma è necessario prenotare un posto a sedere sul sito kreattivita.org.

Florencia en el Amazonas

Il 9 dicembre, Spazju Kreattiv proietterà la prima del Met Opera Live di Florencia en el Amazonas.

Cantata in spagnolo e ispirata al realismo magico di Gabriel García Márquez, l’opera del 1996 del compositore messicano Daniel Catán è incentrata su una diva dell’opera, Florencia Grimaldi, che torna nella sua terra natale, il Brasile, per esibirsi e per cercare il suo amante perduto, che è scomparso nella giungla.

La prima del Met vede il soprano Ailyn Pérez nel ruolo di Florencia, in una nuova produzione di Mary Zimmerman.

La proiezione inizia alle ore 19.00. Per i biglietti, visita il sito kreattivita.org.


VARIE

Programma natalizio della Valletta

L’Agenzia Culturale della Valletta ospita il suo programma natalizio fino al 31 dicembre nelle piazze e nelle strade principali della Valletta, mentre le luci e le decorazioni natalizie continueranno fino a gennaio.

Sono previsti anche un Albero di Natale vicino al Parlamento, un presepe e varie attività per le famiglie. Per tutti i dettagli, visita la pagina.

Il Paese delle Fate

Dall’8 dicembre al 7 gennaio, la Piazza dei Tritoni a La Valletta si trasformerà nuovamente nella Città di Babbo Natale.

Le attrazioni includono la Ruota di Rudolph, la pista di pattinaggio sul ghiaccio e il mercato artigianale, oltre all’intrattenimento quotidiano dal vivo.

Per tutti i dettagli, visita il sito.

Mostra di Bonsai di Natale

Il Bonsai Culture Group Malta organizza nuovamente la sua mostra annuale di bonsai di Natale, a favore di Puttinu Cares, presso la sua sede in Notre Dame Arch Street, a Floriana.

Sarà aperta l’8 e il 9 dicembre dalle 9.00 alle 18.00 e il 10 dicembre dalle 9.00 alle 13.00.

Per maggiori informazioni, visita la pagina.

Malta Café Scientifique: Mangiare bene senza mangiare il pianeta

Il prossimo evento del Malta Café Scientifique si terrà presso lo Studio B, Spazju Kreattiv, a La Valletta, il 5 dicembre alle 19.00.

Il Professor Byron Baron del Centro di Medicina Molecolare e Biobanking dell’Università di Malta parlerà del legame tra le pratiche agricole, la salute (in particolare il cancro del colon-retto) e l’ambiente naturale di Malta.

L’evento è gratuito ma i posti devono essere prenotati sul sito kreattivita.org.

Mercati Artigianali di Malta Mercato di Natale

L’edizione natalizia dei Mercati Artigianali di Malta si svolgerà a Palazzo Parisio a Naxxar il 10 dicembre dalle 10.00 alle 18.00.

Ci sarà una selezione curata di artigiani e venditori locali che offriranno regali fatti a mano, delizie artigianali e tesori unici, insieme a intrattenimento dal vivo e varie opzioni di cibo e bevande.

L’ingresso è gratuito. Visita la pagina per maggiori informazioni.

Esplora Christmas Wonderland

Il Centro Scientifico Interattivo Esplora a Kalkara ospiterà un mercatino di Natale tra l’8 dicembre e il 7 gennaio dalle 18 alle 22.30. Le porte chiuderanno alle 20.30.

Per maggiori informazioni, visita la pagina.

Natale all’Acquario

L’Acquario Nazionale di Malta organizza vari eventi natalizi dall’8 dicembre al 7 gennaio. Tra questi, la Colazione con Babbo Natale, una stazione di artigianato, la Baia dei Coralli di Babbo Natale, il Jumper Day, il Natale VR, Pesci e Desideri e tour speciali dell’acquario con Topolino e Minnie Mouse.

Per tutti i dettagli, visita la pagina.

Mercatini di Natale

Le seguenti località ospiteranno i loro mercatini di Natale e le loro attività nei prossimi giorni:

Mdina: Il-Memorji tal-Milied fl-Mdina (9 dicembre)

Rabat: Natalis Notabilis (dal 7 al 13 dicembre)

Qormi (8 dicembre)

Mqabba (9 dicembre)

Żabbar (9 dicembre)

Kerċem: Christmas Magic (fino al 7 gennaio)

Xewkija (dall’8 al 10 dicembre)

Xagħra: Casal Caccia Christmas Market (9-10 dicembre)

Fontana: Santa’s North Pole (10 dicembre)

Żebbuġ, Gozo (10 dicembre)

Victoria: Giardini illuminati di Villa Rundle (fino al 23 dicembre)

Per maggiori informazioni, visiti le pagine Facebook di questi eventi o dei rispettivi consigli locali.

Il Magico Sentiero Illuminato e il Villaggio

Il Magical Illuminated Trail presso il Verdala Palace durerà dal 1° dicembre al 7 gennaio, e i proventi saranno ancora una volta destinati al Malta Community Chest Fund.

Tra gli altri, si troverà un affascinante Albero Mitico, l’etereo Paese dei Fiori, l’incantevole Giardino della Fantasia e il cosmico Mondo degli Esploratori Spaziali.

Si potrà anche assistere alla bellezza del primo Presepe Illuminato a grandezza naturale di Malta, essere circondati dal magico bagliore di migliaia di luci fatate scintillanti e incontrare innumerevoli creature dei cartoni animati.

Orari di apertura: dalle 17 alle 21. Per i biglietti, visita il sito illuminatedtrail.

ARTI VISIVE

ĠUF

Rebecca Bonaci terrà la sua prima mostra personale presso Spazju Kreattiv a La Valletta.

Facendo riferimento alla parola maltese che significa ‘grembo’, ĠUF esplora il tema della maternità contemporanea, informata dai ricchi resti e rituali preistorici trovati nell’arcipelago maltese. L’iconografia e le immagini del periodo primordiale sono reinterpretate dalla Bonaci e dal suo team curatoriale, con le opere d’arte in dialogo con i manufatti dell’epoca e con altri oggetti contemporanei.

La Bonaci attinge anche alla sua esperienza personale di legame familiare, di femminilità, di storia sociale recente, di maternità e di gravidanza, presentando un dialogo tra passato e presente.

La mostra, curata da Sarah Chircop e sostenuta dall’Arts Council Malta, rimarrà aperta fino al 2 dicembre.

Froġa / Farrago

Sebastian Tanti Burlò espone una collezione di dipinti ad olio presso la R Gallery di Sliema.

L’artista è noto per le sue vignette politiche sul Times of Malta, ma in questo caso sostituisce la penna con il pennello, pur mantenendo il suo commento sociale inappellabile, il suo gusto per l’assurdo, i suoi tratti satirici e una narrazione sovversiva di fondo. La natura, il giornalismo e i problemi del mondo sono rappresentati in questa mostra.

Il tragicomico viene indagato attraverso una romanticizzazione ideale del nostro Paese e di come la società si è evoluta, insieme a commenti su questioni mondiali che turbano il mondo in generale.

La mostra, ospitata presso la R Gallery of 26, Tignè Street, Sliema, durerà fino al 3 dicembre.

Eye Sea You

L’artista Trevor Diacono presenta la sua ultima collezione di opere presso Il-Kamra ta’ Fuq a Mqabba.

Diacono proviene da una famiglia di artisti che comprende suo nonno Victor Diacono, uno dei principali scultori maltesi del XX secolo, e suo zio Andrew Diacono, un nome che non ha bisogno di presentazioni tra gli appassionati d’arte locali.

L’artista afferma di vedere il suo viaggio “come una ricerca continua, spesso tormentosa, di tradurre le profondità intangibili dell’emozione e della percezione in una forma tangibile e tridimensionale”.

Diacono orta avanti l’eredità della sua famiglia artistica che esplora il caricaturale nella società e oltre. In questa mostra, la porta avanti nelle sue sculture di pesci, umanizzandoli con i loro titoli spiritosi. Il tema di fondo è il mare, comprese le onde ondulate.

Eye Sea You, curata da Melanie Erixon, è in corso fino al 3 dicembre.

Pathos

Chris Ebejer presenta una nuova collezione di opere in vari media, tra cui terracotta, bronzo, porcellana e marmo al MUŻA di La Valletta.

La fonte di ispirazione dell’artista è la mitologia e gli dei, nonché lo spirito mediterraneo. Le sculture figurative, così come i rilievi, sono il risultato di lunghe ore di riflessione profonda.

Lo scultore ha lavorato a queste opere sia a Malta che in Italia, dove trascorre lunghi periodi di tempo lavorando il bronzo e il marmo.

Pathos rimarrà aperta fino al 10 dicembre. L’ingresso è gratuito e gli orari di apertura sono dal lunedì alla domenica dalle 10.00 alle 18.00

Collectively Solo III

La Galleria 23 di Balzan ospita la terza di una serie di mostre collettive fino al 15 dicembre.

L’idea delle mostre Collectively Solo è nata nel 2020, quando le mostre personali prenotate presso la galleria dovettero essere rinviate a causa della pandemia. Nel dicembre dello stesso anno, gli artisti sono stati invitati ad esporre insieme.

Quest’anno, la galleria offre l’opportunità agli artisti emergenti di esporre accanto ad artisti più affermati. La collezione offre un’ampia gamma di opere d’arte e comprende dipinti e ceramiche, dal figurativo ai paesaggi, insieme ad una selezione di astratti, tutti in una varietà di mezzi e tonalità.

Orari di apertura: Mercoledì dalle 18.30 alle 20.00 e domenica dalle 10.30 alle 12.30. Si può anche visitare su appuntamento chiamando il numero 9942 8272 o inviando un’e-mail a info@gallery23malta.com.

Saffi – Layers of Joy

Fabiola Agius Anastasi terrà la sua seconda mostra personale quest’anno presso il Museo Wignacourt di Rabat, e una percentuale dei proventi sarà devoluta all’Hospice Malta.

In Saffi – Layers of Joy, l’artista esplora una serie di medium: dall’acrilico al gesso, alla delicata foglia d’oro e alla vetrofania traslucida, per creare una sinfonia di colori e texture che celebrano la miriade di sfaccettature della gioia.

Le grandi superfici sono utilizzate per dipingere scene e dettagli presi da angolazioni insolite, con interpretazioni creative e esplosioni espressive di colore.

La mostra è aperta fino al 19 dicembre. Il museo è aperto tutti i giorni dalle 9.30 alle 17.00, ultimo ingresso alle 16.15.

Mostra della Società Fotografica di Malta

Il 58° Concorso Nazionale ed Esposizione di Fotografia 2023, organizzato dalla Società Fotografica di Malta, si terrà presso la sede della Società delle Arti di Malta, Palazzo de La Salle a La Valletta, fino al 21 dicembre.

La Società Fotografica di Malta ha ricevuto oltre 900 candidature, che hanno portato alla selezione di 107 stampe e 150 immagini digitali proiettate per la mostra, che abbracciano uno spettro diverso: da composizioni cariche di emozioni a capolavori altamente artistici e classici senza tempo.

L’ingresso è gratuito. Orari di apertura: Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 19.00 e il sabato dalle 9.00 alle 13.00. Il palazzo è chiuso la domenica e nei giorni festivi.

A House of Glass

La terza mostra personale di Jon Grech in una carriera di oltre tre decenni si terrà presso Camilleri Paris Mode a Rabat.

Piuttosto solitario e riluttante ad esporre, questa mostra vede l’artista, che ha superato i 40 anni, all’apice del suo potere creativo, mostrando una bravura tecnica a cui chi conosce il suo lavoro si è abituato.

Il titolo della mostra fa riferimento alla trasparenza, allo spettatore come voyeur. Si riferisce anche alla frammentazione relativa alla prospettiva visiva e alla giustapposizione di narrazioni in scenari sconcertanti.

La mostra è in corso fino a metà dicembre.

Biennale d’Arte Contemporanea della Cattedrale di Mdina APS

La Biennale d’Arte Contemporanea della Cattedrale APS Mdina sta svolgendo la sua quarta edizione sotto la direzione artistica di Giuseppe Schembri Bonaci.

L’edizione di quest’anno riaccende il significato del Mediterraneo come regione geografica e culturale, questa volta richiamando le molteplici forme di divinità mitologiche, religiose e spirituali. Da qui il titolo del tema ” Dee del Mediterraneo“.

Il tema della fertilità spirituale e di specie, ricca nel concentrato del suolo e del mare mediterraneo, può, nonostante il suo sottotesto utopico, offrire un’alternativa alla realtà politica che affligge il nostro mondo oggi. Questa nozione si sviluppa sul tema della Biennale di Mdina del 2020: Riconquistare un paradiso perduto: Il ruolo delle arti, e quello dell’edizione 2017: Il Mediterraneo: Un mare di spiritualità in conflitto.

La Biennale durerà fino al 15 dicembre.

Narrazioni per l’amore postmoderno

Gabriel Buttigieg presenta un saggio visivo intimo che ritrae il modo in cui amiamo e percepiamo l’amore – confuso, multistrato, crudo, incerto, solitario, doloroso e temibile – presso The Splendid in Strait Street, La Valletta.

Ognuna di queste opere è stata realizzata tenendo ben presente lo spazio, il contesto e la storia specifici, e man mano che le narrazioni si sviluppano, lo fanno anche le emozioni dell’artista.

Curata da Lisa Gwen, la mostra sarà inaugurata il 7 dicembre e resterà aperta fino al 22 dicembre. Si può visitare dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 20 e il sabato dalle 10 alle 16. La domenica è chiusa.

Rivelazioni

Una mostra personale di Isabel Warrington è aperta al pubblico presso la Gemelli Art Gallery/Framing Studio, Ta’ Qali Crafts Village, Ta’ Qali.

Le opere d’arte sono un viaggio introspettivo dell’artista, realizzato principalmente in acquerello, inchiostri e acrilico. Tuttavia, molti dei dipinti includono anche oggetti come bottoni e pezzi di ricambio che l’artista colleziona e poi utilizza per conferire opulenza alle sue opere, conferendo loro un’atmosfera teatrale.

L’amore dell’artista per l’ambiente entra in gioco e lei utilizza i materiali riciclabili in modo ottimale. C’è un personaggio ricorrente nella maggior parte dei pezzi, che incoraggia lo spettatore a riflettere sul significato che si cela dietro ogni narrazione e a interpretarlo a modo suo.

La mostra è aperta fino al 23 dicembre. Gli orari di apertura sono da lunedì a venerdì: dalle 8.00 alle 14.30, sabato: dalle 8.00 alle 12.00.

Emozioni dello Spirito

Una collezione di 28 opere di Ivan Grixti è aperta ai visitatori al Livello O, SkyParks Business Centre, MIA, Luqa, fino alla fine di dicembre.

Le opere includono diversi ritratti, tra cui un autoritratto, quello di uomini senza tetto e di Papa Benedetto. Ci sono anche degli astratti e una rappresentazione della guerra, tra gli altri.

Grixti è appena tornato da Poznan, in Polonia, dove ha vissuto, studiato e lavorato come educatore negli ultimi 12 anni. Lì ha imparato la lingua e ha frequentato diversi corsi d’arte. Si è laureato in Scienze dell’Educazione: Disegno tecnico e Design & Tecnologia (2001-05) presso l’Università di Malta e poi ha frequentato un corso post-laurea presso l’Istituto di Belle Arti Marie-Curie Sklodowska, Lublino, Polonia (2021-2022).

A Malta, ha studiato con Anthony (Tony) Demicoli, Paul Vella Critien, Anthony (Anton) Calleja e Philip Agius. Ha esposto a Malta, in Polonia e in Francia.

Apoteosi

Dopo Inaction is a Weapon of Mass Destruction (2022), Darren Tanti espone la sua ultima collezione di opere presso l’Oratorio del Complesso della Chiesa dei Gesuiti in Archbishop Street, La Valletta.

Utilizzando un mix di forme d’arte contemporanee e di linguaggi estetici tradizionali, l’artista presenta un corpus ibrido di opere che affrontano lo stato attuale dell’umanità e la sua ultima chiamata: la santità.

Si tratta per lo più di sculture e oggetti darte che incorporano aspetti meno tradizionali come i tubi al neon e il perspex, che possono essere percepiti come installazioni autonome che compongono una mostra coerente.

La mostra, curata da Melanie Erixon e organizzata dall’Agenzia Culturale della Valletta, è aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 16.00 (escluse la vigilia di Natale e Capodanno) fino al 9 gennaio.

Nuove forme

Con un audace distacco dal tradizionale ambiente della galleria, James Vella Clark esporrà la sua ultima collezione di opere espressioniste astratte presso lo showroom di FORM a Valley Road, Msida.

Con il titolo New Forms, i 16 nuovi dipinti di grandi dimensioni su tela cercano di accendere una conversazione sull’intersezione tra arte e spazi abitativi, invitando gli spettatori a riscoprire come l’arte possa integrarsi perfettamente negli spazi personali, come promemoria quotidiano della bellezza duratura della nostra vita.

La mostra durerà fino a gennaio.

ALTRE MOSTRE

Tè antico con nuovo glamour

Il Centro Culturale Cinese a Malta ospita una mostra sul tema ‘Tè per l’Armonia’, organizzata in collaborazione con l’Amministrazione Municipale della Cultura e del Turismo di Xi’an.

Con intriganti esposizioni, manufatti, dipinti e fotografie della città di Xi’an, questa nuova mostra apre una finestra sul significato duraturo del tè nella cultura cinese.

Un servizio da tè dorato in stile Tang, realizzato in bronzo, oro e argento, è l’attrazione principale. Altre esposizioni includono un lotto di oggetti reali da tè che sono stati portati alla luce nel 1987 nell’antico Tempio buddista Famen, nel nord-ovest dello Shaanxi, e un’edizione moderna ristampata e rilegata in filo di lana de Il Classico del Tè, considerato la prima monografia conosciuta sul tè al mondo, scritta da Lu Yu tra il 760 CE e il 762 CE, durante la Dinastia Tang.

È possibile visitare la mostra, che rimarrà aperta fino alla fine di quest’anno, presso il Centro Culturale Cinese, 173, Melita Street, La Valletta. Il centro è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00, e dalle 13.30 alle 16.00. L’ingresso è gratuito. Per le visite di gruppo è consigliata la prenotazione.

Il viaggio del Presepe con San Francesco

Una mostra di presepi natalizi, frutto della collaborazione tra Heritage Malta e Għaqda Ħbieb tal-Presepji Għawdex Malta, è stata inaugurata presso il Palazzo del Gran Maestro, sotto gli auspici del Presidente George Vella.

Intitolata Il viaggio del presepe con San Francesco, questa mostra fa parte di una serie di iniziative in tutto il mondo, organizzate dalla Federazione Internazionale Amici del Presepio, che celebra l’800° anniversario dalla creazione del primo presepe da parte di San Francesco a Greccio, in Italia.

Sono esposti circa 60 presepi di artisti maltesi e stranieri, realizzati con materiali diversi, tra cui cartapesta, vetro e jablo.

Per tutta la durata della mostra saranno organizzati diversi workshop che tratteranno argomenti come la creazione di presepi, gli accessori per presepi e le statuine per presepi. Si terranno anche delle conferenze sulla storia dei presepi natalizi.

Heritage Malta pubblicherà un catalogo informativo a colori su questa mostra, con un’introduzione generale sulle tradizioni natalizie e sul presepe maltese, e un set da presepe a 15 figure in edizione limitata e numerata.

La mostra durerà fino al 21 gennaio. Tutti i profitti saranno destinati al Malta Community Chest Fund. L’ingresso è da Merchants Street.

Splendore civile

Una mostra presso il Malta Postal Museum & Arts Hub offre ai visitatori la rara opportunità di vedere da vicino le uniformi civili squisitamente sartoriali e ricamate indossate dai funzionari britannici e coloniali di alto rango nelle occasioni di stato del XIX e XX secolo.

Le uniformi civili furono adottate per la prima volta dai ministri del gabinetto e divennero rapidamente l’uniforme standard dei funzionari britannici in tutto l’impero. Questa mostra mostra tutti i cinque gradi dell’uniforme indossata nel XIX secolo, nonché la sua evoluzione nell’uniforme del servizio estero negli anni ’50, che è ancora attuale, sebbene sia indossata solo dagli ambasciatori e dal maresciallo e vice maresciallo del Corpo Diplomatico.

Altre uniformi esposte includono l’Uniforme Tropicale Bianca indossata dai Servizi Coloniali, l’Uniforme del Governatore Generale e le Uniformi Field Dress e Full Dress della Guardia del Corpo del Re per la Scozia, la Royal Company of Archers. È esposto anche l’abito alternativo per l’incoronazione di una baronessa, disegnato e realizzato dal principale stilista britannico Norman Hartnell e indossato dalla baronessa Delamere all’incoronazione della Regina Elisabetta II nel 1952.

La mostra è in programma al Museo Postale di Malta, 135, Archbishop Street, La Valletta, dal 6 dicembre al 27 gennaio. Gli orari di apertura sono dalle 10.00 alle 16.00 dal lunedì al venerdì, e dalle 10.00 alle 14.00 il sabato.

Fare Convito: L’archeologia del banchetto nella Malta ospitaliera (dal XVI al XVIII secolo)

Una serie di vasi in maiolica e porcellana, utilizzati sia per l’esposizione che per servire il cibo durante i banchetti formali nella Malta ospitaliera, è in mostra presso la Sala Romegas, Museo Nazionale di Archeologia, fino alla fine di dicembre.

La mostra, intitolata Fare Convito: L’archeologia del banchetto nella Malta ospitaliera (XVI-XVIII secolo), approfondisce il modo in cui il cibo, l’arte e la politica si sono uniti nel rituale del banchetto barocco – la condivisione formale e comunitaria di cibo e bevande – tra il XVI e il XVIII secolo a Malta.

Durante questo periodo, sotto l’Ordine di San Giovanni, Malta importò molti aspetti della cultura culinaria europea, principalmente dall’Italia rinascimentale e dalla Francia rococò. Una caratteristica particolarmente sorprendente era il Convito – il banchetto formale – che forniva uno sfondo teatrale per le discussioni e gli intrighi politici.

Tra questi, due piatti del tardo Rinascimento appartenenti alla famosa credenza del Cardinale Farnese, una porcellana cinese Ming importata a Malta, importanti esempi di piatti araldici del Sud Italia e una vasta gamma di maioliche francesi e del Nord Italia, tra cui esempi nello stile rococò di Moustier.

L’ingresso è gratuito. La mostra si sposterà nel Palazzo dell’Inquisitore a Vittoriosa da gennaio a marzo 2024. Un opuscolo sarà disponibile per la vendita in entrambe le mostre.

Sulle orme degli Ospitalieri: 900 anni di cavalleria, fede e carità

Una mostra sui Cavalieri del Sovrano Ordine Militare di Malta (SMOM) è stata inaugurata presso la Biblioteca Nazionale di Malta a La Valletta.

Questa mostra è curata da Maroma Camilleri ed è dedicata alla memoria di un importante membro maltese dell’Ordine di Malta, il Balì Fra’ John Edward Critien, Gran Priore di Roma, scomparso il 3 dicembre 2022.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Man. Rashford chiede ai critici di “avere un po’ più di umanità”

L'attaccante del Manchester United Marcus Rashford ha lottato per la forma in questa stagione. Foto: AFP Marcus Rashford dice di poter prendere "qualsiasi titolo", ma...