mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeLo sai cheEventiCosa c'è a Malta e Gozo questa settimana: Dal 19 al 25...

Cosa c’è a Malta e Gozo questa settimana: Dal 19 al 25 giugno

Il percussionista Luis Bittencourt presenterà questa settimana un’installazione sonora all’interno di una cisterna sotterranea del XVII secolo, sotto le strade di La Valletta, nell’ambito del Malta International Arts Festival. Foto: Facebook/Festival Malta

ARTE

Festival internazionale delle arti di Malta

Il Malta International Arts Festival continua con la sua seconda e ultima settimana di una serie di eventi.

Tra il 19 e il 22 giugno, il vascello a due alberi Fernandes ospiterà la produzione Harbour Odyssey, dove il pubblico navigherà nelle acque accompagnato da una narrazione teatrale di aneddoti storici.

Lo spettacolo da passeggio Dik is-Siġraf’Nofs ta’ Triq, coprodotto con Teatru Malta, viene riproposto dal 20 al 25 giugno al MCAST di Paola. Lo spettacolo racconta una storia fantastica di tensioni tra passato e presente – una strada, coronata da un maestoso albero al centro, dove tutti conoscono tutti e tutto, o non proprio tutto, ma quasi. È scritto da Immanuel Mifsud.

Il 21 giugno, Guilhem Desq, soprannominato “l’Hendrix della ghironda”, darà nuova vita allo strumento medievale al Teatro Manoel di La Valletta. Con la sua ghironda suonerà una varietà di generi, tra cui il folk tradizionale europeo, il rock contemporaneo e l’heavy metal.

Guilhem Desq will play various music genres on his hurdy-gurdy. Photo: @robinlevet_numerique
Guilhem Desq suonerà vari generi musicali con la sua ghironda. Foto: @robinlevet_numerique

La Malta Society of Arts ospiterà poi un evento unico nel suo genere, intitolato Garments of the Grand Masters, che combina una mostra di abiti storici dei Cavalieri di Malta con un recital di pianoforte del greco Konstantinos Destounis. L’evento si svolge in collaborazione con Heritage Malta e la Malta Society of Arts.

Il 23 e 24 giugno, il percussionista e compositore Luis Bittencourt presenterà un’installazione sonora per vibrafono, tubi di vetro e acqua gocciolante all’interno di una cisterna sotterranea del XVII secolo sotto le strade di La Valletta. L’evento si svolge anche in collaborazione con Heritage Malta. Underground Valletta In Concert Percussion – Luís Bittencourt si terrà alle 19.00, 20.00 e 21.00.

L’Orchestra Filarmonica di Malta, sotto la direzione di Michael Laus, eseguirà il concerto Pastorale al Teatro Manoel. Il programma prevede due prime nazionali, composte da Dmitri Shostakovich e Arthur Honegger, con la partecipazione del pianista greco Destounis. Sono previste anche composizioni di autori maltesi e la Sesta Sinfonia di Beethoven, nota come Sinfonia Pastorale.

Si terranno anche diversi eventi d’avanguardia. Tra questi, lo spettacolo B’riħjew riefnu minn hawn irridu nsiefru, che analizza vari rituali di morte, che si svolge presso il santuario Madonna tal-Ħerba a Birkirkara; e Malti-Etnik, una performance di strada di musica e danza coreografata da Chakib Zidi in collaborazione con Dance Beyond Borders e Malta Refugee Week, che si svolgerà a Triton Square a La Valletta il 22 giugno, a Marsascala Bridge il 23 giugno e a Buġibba Square il 24 giugno.

La prima edizione di Young Creatives in Motion, che si terrà al Valletta Campus Theatre il 23 giugno, vedrà giovani ballerini di diversi generi e scuole presentare cinque nuove coreografie su musiche di Ligeti, Bartók, Stravinsky e Poulenc.

Per ulteriori informazioni e biglietti, visitare il sito festivals.mt/miaf.

Performers in <em>B&rsquo;riħ jew riefnu minn hawn irridu nsiefru</em>, one of the festival's fringe events taking place in Birkirkara. Photo: Facebook/MIAF
Interpreti di B’riħ jew riefnu minn hawn irridu nsiefru, uno degli eventi collaterali del festival che si svolge a Birkirkara. Foto: Facebook/MIAF

Festival internazionale delle arti di Victoria

Oggi il Quartetto Chagall si esibirà nella chiesa di St Francis. Domani, 20 giugno, nella stessa chiesa, si esibirà il Primrose Ensemble, mentre il 21 giugno i Gallus Brass si esibiranno sul tetto del Museo Il-Hagar. Bernice Sammut Attard terrà un recital di pianoforte presso l’Aula Mons. G. Farrugia il 22 giugno e Markus Uhl suonerà l’organo nella chiesa di Sant’Agostino il 23 giugno. Joanne Camilleri terrà un recital di clavicembalo il 24 giugno.

Tutti gli spettacoli iniziano alle 20.00. Il festival dura fino al 10 luglio e tutti gli eventi sono gratuiti. Per ulteriori informazioni, visitare il sito viaf.org.mt.


MUSICA

I Gogol Bordello dal vivo a Malta

La band gypsy punk Gogol Bordello torna a Malta nell’ambito del suo tour europeo.

Si esibiranno in un concerto di raccolta fondi per l’Ucraina all’Aria Complex di San Ġwann il 20 giugno alle 20.00. Saranno affiancati dal gruppo locale Brikkuni.

L’evento è rigorosamente 17+. Per i biglietti, visitare il sito showshappening.com.

Gogol Bordello playing in Malta in 2018. Photo: Martin Korelus
I Gogol Bordello in concerto a Malta nel 2018. Foto: Martin Korelus

Qatt minsija

La Malta Concert Orchestra, sotto la direzione di Paul Abela, si esibirà in vari golden oldies maltesi in un concerto al Pjazza Teatru Rjal di La Valletta il 23 giugno alle 20.30.

Per i biglietti, visitare il sito www.ticketline.com.mt.

I Cieli Immensi Narrano

Nell’ambito dei festeggiamenti per il centenario della posa della prima pietra della Basilica di Paola, il 23 giugno alle 19.15 la St Paul Choral Society presenterà un concerto corale e d’organo con musiche sacre di autori maltesi ed europei.

Il coro sarà accompagnato da Elisabeth Conrad, che suonerà il nuovo organo della basilica, o canterà a cappella. Il direttore del coro è Hugo Agius Muscat.

L’ingresso è libero e i posti a sedere sono disponibili in base all’ordine di arrivo.

La Valletta risuona: L’esperienza di Caravaggio

Harpist Jacob Portelli performing at the oratory of St John's Co-Cathedral. Photo: Elisa von Brockdorff
L’arpista Jacob Portelli si esibisce nell’oratorio della Concattedrale di San Giovanni. Foto: Elisa von Brockdorff

La Fondazione St John’s Co-Cathedral e Udjenza producono un nuovo concerto nell’ambito della serie Valletta Resounds, che unisce il patrimonio culturale di Malta alla narrazione teatrale e alla musica classica senza tempo.

Intitolato The Caravaggio Experience, il concerto viene eseguito settimanalmente all’interno dell’oratorio, adornato con i capolavori di Caravaggio.

Musicisti maltesi acclamati dalla critica, sotto la direzione musicale di Jacob Portelli, sono al timone della performance site-specific, che dà vita alle opere di maestri del barocco come Vivaldi e Bach, insieme al suono della musica sacra maltese del compositore Francesco Azzopardi e altri ancora. Sono accompagnati dai soprani Dorothy Bezzina e Dorothy Baldacchino.

Il concerto si intreccia armoniosamente con le storie dei Cavalieri di San Giovanni narrate da Jeremy Grech.

Un punto culminante di The Caravaggio Experience è la partitura musicale per la suggestiva installazione luminosa su dettagli dei dipinti del maestro.

Il concerto viene eseguito settimanalmente il mercoledì e il venerdì fino al 21 giugno alle 18.30, e i possessori del biglietto avranno l’accesso esclusivo alla Concattedrale alle 18.00.

Oltre alla maestosa architettura, i visitatori potranno ammirare anche rari arazzi secolari che saranno esposti all’interno della Concattedrale fino al 1° luglio, dopo un progetto di restauro durato 16 anni.

I biglietti possono essere acquistati al sito www.showshappening.com.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.udjenza.com.


FILM

Proiezioni per la Giornata mondiale del rifugiato

Per commemorare la Giornata Mondiale del Rifugiato 2023, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) di Malta e Spazju Kreattiv proiettano due film di grande impatto che gettano luce su coloro che sono costretti a fuggire dalle loro case. Si tratta di Exodus, proiettato il 20 giugno alle 20.00, e Drift, proiettato presso il centro di creatività il 22 giugno alle 19.30.

L’evento è gratuito ma è necessaria la prenotazione tramite il seguente link kreattivita.org.


VARIE

Settimana dei rifugiati a Malta

La settimana, organizzata per commemorare la Giornata Mondiale del Rifugiato, ha preso il via ieri con un evento per famiglie intitolato Spark Fest che si è svolto ieri alla Balzunetta, al Boċċi Club e al campo di hockey, a Floriana. Da oggi, 19 giugno, al 24 giugno, si terrà una mostra fotografica comunitaria, presso Quicklets a Sliema, con una sessione di incontro con l’artista domani alle 18.30.

Il 20 giugno, dalle 18.00 alle 19.30, si terrà a La Valletta una Marcia per la Pace, una camminata per celebrare la diversità. Il 21 giugno, presso la sede degli Amici della Terra a Floriana, si terrà un incontro di giardinaggio intitolato “Rooting Kinship”. Alle 18.30 si terrà un workshop, seguito da un barbecue dalle 19.30 in poi.

Una performance di strada pop-up intitolata Malti-Etnik si terrà in collaborazione con il Malta International Arts Festival (vedi sopra) in varie località dal 22 al 24 giugno.

L’evento finale è una biblioteca pop-up intitolata Geġwiġija, dove cibo, libri e storie di compassione saranno condivisi tra i partecipanti. L’evento si terrà il 25 giugno dalle 18:00 in poi presso l’Afro Deli di Gżira.

Per ulteriori informazioni, visitare la pagina Facebook della settimana del rifugiato Malta.

Performers rehearsing for <em>Malti-Etnik</em>, which is taking place in different localities. Photo: Facebook/Festivals Malta
Artisti alle prese con le prove di Malti-Etnik, che si svolgeranno in diverse località. Foto: Facebook/Festivals Malta

Festival internazionale del vino di Malta

Il Giardino Botanico e Centro Risorse Argotti di Floriana ospita un festival internazionale del vino tra il 21 e il 25 giugno. I visitatori potranno degustare oltre 300 vini provenienti da tutto il mondo e godere di musica e balli dal vivo. Esperti del settore offriranno masterclass sulla degustazione, l’abbinamento e la storia del vino.

Ħġejjeg fl-Isla

Senglea organizza un fine settimana di attività il 23 e 24 giugno. Tra queste, i falò (ħuġieġa) all’ingresso di Senglea, il cibo tradizionale maltese, le esibizioni di Tikka Banda, Ta’ Verna Folkore Group, Avenue Sky e Claudia Faniello, oltre a rievocazioni, una caccia al tesoro per bambini, uno spettacolo della polizia con cani e moto della polizia e stand di artigiani.

Per tutti i dettagli, visitare la pagina Facebook.

Xagfesta del fico di ħra

L’undicesima edizione del festival che celebra i fichi e il talento culinario si terrà in Piazza della Vittoria, a Xagħra, il 24 giugno.

Ospitato dal consiglio locale di Xagħra, con il sostegno del Ministero di Gozo e di Eco Gozo, il festival avrà inizio a partire dalle 19:00.

Sono previsti, tra l’altro, l’intrattenimento musicale di George Curmi ‘Il-Pusé, danze popolari e attività per bambini.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina Facebook dell’evento.

Some delicacies made with figs in a past edition of the festival. Photo: Facebook
Alcune prelibatezze a base di fichi in una passata edizione della sagra. Foto: Facebook

ARTI VISIVE

Joseph Chetcuti: lo scultore e bronzista

A quattro anni dalla sua prematura scomparsa, l’opera dello scultore e bronzista Joseph Chetcuti viene presentata in una mostra retrospettiva al MUŻA, il museo nazionale d’arte di La Valletta.

Fondatore della Funderija Artistika Chetcuti (come è conosciuta oggi) nella zona industriale di Luqa, Chetcuti è ricordato soprattutto per i monumenti, i busti ritratto e le commissioni a cui ha lavorato durante la sua vita.

Curata da Lisa Gwen, la retrospettiva durerà fino al 25 giugno.

Per ulteriori informazioni, visitare la pagina Facebook della mostra.

<em>Immaculate Conception</em> (2003-2004) by Joseph Chectuti. Photo: Therese Debono
Immacolata Concezione (2003-2004) di Joseph Chectuti. Foto: Therese Debono

La mia tavolozza

Paulino Schembri, conosciuto da molti come Lino, presenta una mostra personale alla Gemelli Framing di Ta’ Qali.

La collezione di opere riflette la versatilità dell’artista, essendo una raccolta di stili diversi, dall’astratto al figurativo e alla ritrattistica, che mette in luce l’abilità di Schembri nel padroneggiare il colore e il pennello.

La mostra è aperta fino al 28 giugno dalle 8.30 alle 14.30 nei giorni feriali e dalle 9.00 alle 12.00 il sabato.

<em>Countryside Storm</em> by Paolino Schembri
Tempesta in campagna di Paolino Schembri

Il-Ħabba tal-Għajn

L’8 giugno si inaugura una mostra personale di Alex Dalli presso la Malta Society of Arts a La Valletta.

La mostra, curata da Gabriel Zammit, segue il viaggio del pittore dal figurativo all’astratto.

Man mano che Alex Dalli si sviluppava come artista, il suo sguardo si spostava dall’esterno all’interno e il suo lavoro richiedeva una parallela eliminazione della forma per esprimere idee sottili, sentimenti e concetti astratti. La sua sensibilità per il colore e la superficie lo ha spinto a sviluppare lo stile minimale per cui è oggi conosciuto.

La mostra prende spunto da Għana ‘l Hena (APS, 2005) di Michael Zammit, un ciclo di poesie ispirato alla filosofia sanscrita e alla meditazione dei mantra.

Zammit usa il linguaggio per fare la stessa cosa che Dalli fa con la pittura, e le sue parole forniscono un contesto e una pietra di paragone per leggere le immagini complessamente codificate di Dalli.

La mostra rimarrà aperta fino al 28 giugno. Per ulteriori informazioni, visitare la pagina Facebook della mostra e il sito della Malta Society of Arts.

<em>Siekta </em>(2021), oil on board, by Alex Dalli. Photo: Lisa Attard
Siekta (2021), olio su tavola, di Alex Dalli. Foto: Lisa Attard

Tnessid

Una mostra allo Spazju Kreattiv di La Valletta riunisce il lavoro di cinque artisti, Aaron Sammut, Elena Said, Kristov Scicluna, Marvic Camilleri e Ramona Borg, che hanno conseguito un Master in Arti Digitali presso il Dipartimento di Arti Digitali dell’Università di Malta.

Tnessid è l’inverso di “dissenso”, ovvero l’opinione divergente da quella comune. Oltre a riflettere le diverse prospettive degli artisti stessi, ogni singolo progetto, in un modo o nell’altro, presenta una prospettiva alternativa rispetto alle opinioni comuni. La curatela della mostra collega queste differenze attraverso un filo estetico comune.

Le opere sono multidisciplinari e concettuali e spaziano dalla scultura al disegno, dall’installazione al suono.

La mostra, che rimarrà aperta fino al 2 luglio, comprende le opere di un gruppo di studenti del Master in Arti Digitali dell’Università di Greenwich, a Londra.

<em>Ariadne&rsquo;s Thread</em> by Marvic Camilleri
Il filo di Arianna di Marvic Camilleri

ALTRE MOSTRE

Tè antico con nuovo glamour

Il Centro culturale cinese di Malta ospita una nuova mostra sul tema “Tè per l’armonia”, organizzata in collaborazione con l’Amministrazione municipale della cultura e del turismo di Xi’an.

Con intriganti esposizioni, manufatti, dipinti e fotografie della città di Xi’an, questa nuova mostra apre una finestra sul significato duraturo del nella cultura cinese.

L’attrazione principale è un servizio da tè dorato in stile Tang, realizzato in bronzo, oro e argento. Tra gli altri oggetti esposti figurano un lotto di servizi da tè reali portati alla luce nel 1987 nell’antico tempio buddista di Famen, nello Shaanxi nordoccidentale, e un’edizione moderna ristampata e rilegata in filo di lana del Classico del tè, considerato la prima monografia sul tè conosciuta al mondo, scritta da Lu Yu tra il 760 e il 762 d.C., durante la dinastia Tang.

È possibile visitare la mostra, che rimarrà aperta fino alla fine di quest’anno, presso il China Cultural Centre, 173, Melita Street, La Valletta. Il centro è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 13.30 alle 16.00. L’ingresso è gratuito. Per le visite di gruppo è consigliata la prenotazione al seguente indirizzo e-mail: events2023ccc@gmail.com.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Blog in diretta: Fearne, Scicluna in tribunale nel secondo giorno del caso dello scandalo ospedaliero

Ospedale St. Luke. Due ex ministri e tre segretari permanenti dovranno affrontare le accuse relative allo scandalo degli ospedali mercoledì, quando il tribunale di...