venerdì, Marzo 1, 2024
HomeItalia'Trasformare la tragedia in cambiamento': l'Italia piange Giulia Cecchettin

‘Trasformare la tragedia in cambiamento’: l’Italia piange Giulia Cecchettin

Migliaia di italiani hanno dato l’ultimo saluto martedì a una studentessa universitaria uccisa dal suo ex fidanzato, un caso che ha scatenato il dolore e la rabbia a livello nazionale per la violenza contro le donne.

Il funerale di Giulia Cecchettin, 22 anni, in una basilica di Padova, vicino a Venezia, ha attirato compagni di studio, funzionari pubblici e cittadini, in una dimostrazione di solidarietà contro uno degli episodi più recenti e più scioccanti di femminicidio nel Paese.

Cecchettin, che studiava ingegneria biomedica all’Università di Padova, è stata accoltellata a morte il mese scorso dal suo ex fidanzato, il compagno di studi Filippo Turetta, che ha confessato l’omicidio davanti a un giudice, secondo il suo avvocato.

Sotto un cielo grigio, i portatori di palloni hanno portato la bara di Cecchettin, ricoperta di rose, nella Basilica di Santa Giustina, dove tra i partecipanti al lutto c’era anche il Ministro della Giustizia italiano, mentre migliaia di persone si sono riunite nella piazza esterna.

“La vita di Giulia è stata crudelmente presa, ma la sua morte può e deve essere il punto di svolta per porre fine al terribile flagello della violenza contro le donne”, ha detto il padre, Gino, nel suo elogio funebre.

“In questo momento di dolore e tristezza, dobbiamo trovare la forza di reagire e trasformare la tragedia in una spinta al cambiamento”, ha aggiunto. Ha implorato gli uomini a “sfidare la cultura che tende a minimizzare la violenza da parte di uomini che sembrano normali”.

L’uccisione di Cecchettin, che avrebbe dovuto laurearsi pochi giorni dopo la sua morte, è stata una notizia da prima pagina in Italia e ha inaugurato un periodo di riflessione nazionale sulla violenza contro le donne.

Giulia era scomparsa l’11 novembre. Turetta è stato arrestato in Germania una settimana dopo, il giorno dopo il ritrovamento del corpo di Cecchettin in un burrone vicino al Lago di Barcis, a circa 120 chilometri (75 miglia) a nord di Venezia.

Era stata accoltellata più di 20 volte alla testa, al collo e al corpo, secondo i media locali, che hanno citato il referto dell’autopsia.

Segnando quello che gli attivisti speravano fosse un punto di svolta in Italia, centinaia di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza a Roma, Milano e altre città il 25 novembre, la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, chiedendo un cambiamento culturale.

Giorgia Meloni, la prima donna primo ministro del Paese, ha assicurato alle donne su Facebook che “non sono sole”, ricordando loro il numero del call center per le vittime di violenza o stalking.

Secondo il Ministero degli Interni, al 26 novembre, 107 donne in Italia sono state uccise quest’anno, di cui 88 da familiari o da partner attuali o precedenti.

L’incoerenza dei dati ufficiali sui femminicidi rende difficile il confronto con altri Paesi europei.

Dopo la morte di Cecchettin, il Parlamento italiano ha adottato un pacchetto di proposte di legge per rafforzare le leggi esistenti a tutela delle donne. Ma i critici affermano che è necessario un cambiamento culturale nel trattamento delle donne, a partire dall’educazione obbligatoria sul tema nelle scuole

Nonostante la recente attenzione, molti vedono che questi crimini continuano senza sosta nel Paese a maggioranza cattolica, dove i ruoli di genere tradizionali sono ancora prevalenti in molte aree, con un numero di donne che lavorano fuori casa inferiore alla media dell’Unione Europea e dove è difficile accedere all’aborto.

Un rapporto del luglio 2021 del Dipartimento governativo per l’uguaglianza di genere ha rilevato che “mentre la violenza è inaccettabile per oltre il 90 percento delle persone, in alcune regioni d’Italia fino al 50 percento degli uomini considera accettabile la violenza nelle relazioni”

In un discorso del mese scorso, il neo-presidente del Tribunale di Milano, Fabio Roia, che ha sostenuto una migliore formazione sulla violenza di genere tra i procuratori, i giudici e le forze dell’ordine, ha avvertito che c’è ancora molto da fare.

“La violenza contro le donne, che arriva fino al femminicidio, è un problema culturale e sociale, e purtroppo lo squilibrio di potere nelle relazioni di genere è ancora forte”, ha detto il giudice.

Un rapporto indipendente del 2020 che misura la conformità dell’Italia alla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione della violenza contro le donne ha incoraggiato campagne di sensibilizzazione più ampie e una migliore formazione dei professionisti, tra le altre misure.

Ha anche raccomandato all’Italia di “perseguire misure proattive e sostenute per promuovere cambiamenti nei modelli di comportamento sociali e culturali sessisti, soprattutto degli uomini e dei ragazzi, che si basano sull’idea di inferiorità delle donne”.

Il rapporto ha anche esortato l’Italia a mettere in atto linee guida nazionali per l’educazione nelle scuole su “affettività, sessualità e salute riproduttiva”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Analisi finanziaria: gli utili di HSBC salgono a un nuovo livello record

Grafico: Rizzo, Farrugia & Co. (agenti di cambio) LtdLa scorsa settimana la stagione degli utili a Malta è iniziata in modo molto positivo, con...