L’Italia presenta un pacchetto di 2 miliardi di euro per il nord-est alluvionato

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha annunciato ieri un pacchetto di 2 miliardi di euro per aiutare le aree del nord-est colpite dalle alluvioni che hanno ucciso 14 persone, sfollato migliaia di persone e lasciato sommerse vaste aree agricole.

Dopo una riunione di gabinetto d’emergenza, Meloni ha dichiarato aiuti per le famiglie, le imprese, le aziende agricole, i sistemi di trasporto, le scuole, i servizi sanitari e l’industria del turismo, pur avvertendo che la piena portata dei danni deve ancora essere determinata.

Meloni, che domenica ha visitato le zone più colpite dell’Emilia Romagna.

Nella situazione attuale in cui si trova l’Italia, trovare due miliardi di euro in pochi giorni non è una cosa facile. Sappiamo chiaramente che stiamo parlando di emergenze, che ci sarà una fase di ricostruzione in cui non siamo ancora in grado di quantificare il fabbisogno complessivo e i danni.
Giorgia Meloni

Alcune aree alluvionate, soprattutto nel sud-est dell’Emilia Romagna, rimangono sott’acqua dopo che una settimana fa sono caduti sei mesi di pioggia in sole 36 ore.

Circa 23.000 persone non sono ancora potute rientrare nelle loro case, hanno dichiarato ieri i funzionari, mentre 2.700 dormono in rifugi di emergenza.

Dopo che la regione ha richiesto un commissario speciale per supervisionare la crisi, Meloni ha detto che il compito sarebbe andato all’uomo nominato solo poche settimane fa per gestire quella che è stata una siccità nazionale.

È una transizione bizzarra: oggi il commissario per la siccità si occupa anche delle inondazioni
La Premier Giorgia Meloni

Tassa sui biglietti dei musei

Il denaro è stato stornato da diversi bilanci dipartimentali, senza alcuna indicazione immediata sull’impatto sulle finanze pubbliche italiane, afflitte dal debito.

Quasi la metà è stata stanziata per aiutare i dipendenti e i lavoratori autonomi, mentre ci sono anche fondi per aiutare le imprese, in particolare gli esportatori, e gli agricoltori, compresi quelli che devono sostituire i macchinari danneggiati.

Meloni ha dichiarato che le imprese e i contribuenti delle aree colpite beneficeranno anche di una sospensione dei pagamenti delle imposte e dei mutui.

Il pacchetto prevede anche un aumento temporaneo di un euro del prezzo dei biglietti per i musei statali, che inizierà a metà giugno per tre mesi.

Le inondazioni sono state le seconde a colpire l’area nel giro di poche settimane, dopo il diluvio di maggio che ha ucciso due persone.

Nell’ultimo disastro, quasi due dozzine di fiumi hanno rotto gli argini.

L’acqua ha inondato interi quartieri della ricca regione, che vanta sia ricchi terreni agricoli che industrie.

Perso tutto

Nella provincia di Ravenna, dove le scuole hanno riaperto ieri, squadre provenienti dalla Slovenia e dalla Slovacchia hanno aiutato a pompare l’acqua dalle aree inondate durante la notte.

Nella vicina Forlì, invece, le scuole sono rimaste chiuse fino a oggi a causa dei continui disagi sulla rete stradale.

La regione stima che siano stati causati danni per oltre 620 milioni di euro alle infrastrutture, tra cui strade e ferrovie.

La lobby agricola Confagricoltura ha dichiarato che dovranno essere sradicati almeno 10 milioni di alberi da frutto, e forse anche 40 milioni.

Ci sono persone che hanno perso tutto. Alcuni settori sono stati colpiti in modo drammatico. Penso all’agricoltura più che al turismo, ma entrambi sono esempi di settori che impiegano molti lavoratori stagionali
Il capo della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini

Dalle acque dell’alluvione sono emerse anche 14 bombe, per lo più inattive, risalenti alla Prima o alla Seconda Guerra Mondiale, che sono state “tutte fatte esplodere per precauzione” dall’esercito, ha dichiarato una fonte militare locale.

Nell’ultimo anno l’Italia è stata colpita da una serie di eventi meteorologici estremi, che molti – tra cui l’ex premier Mario Draghi – hanno collegato al cambiamento climatico.

Una dozzina di persone sono morte in seguito a inondazioni improvvise nelle Marche a settembre, mentre una frana sull’isola di Ischia a novembre ha provocato 12 vittime.