giovedì, Aprile 18, 2024
HomeBusinessTecnologiaEilish, Smokey Robinson chiedono protezione contro l'IA

Eilish, Smokey Robinson chiedono protezione contro l’IA

Il cantautore statunitense Smokey Robinson alla Crypto.com Arena di Los Angeles il 5 febbraio 2023 e la cantautrice statunitense Billie Eilish alla Crypto.com Arena di Los Angeles il 4 febbraio 2024. Foto: Robyn Beck/AFP

Centinaia di artisti e cantautori, tra cui Billie Eilish, Smokey Robinson e l’eredità di Frank Sinatra, hanno firmato una lettera aperta pubblicata martedì in cui chiedono protezione contro quello che definiscono un “assalto alla creatività umana” da parte dell’intelligenza artificiale.

“Dobbiamo proteggerci dall’uso predatorio dell’intelligenza artificiale per rubare le voci e le immagini degli artisti professionisti, violare i diritti dei creatori e distruggere l’ecosistema musicale”, si legge nella lettera, presentata dall’associazione no-profit Artist Rights Alliance.

La lettera arriva dopo mesi di avvertimenti simili sul fatto che l’intelligenza artificiale non controllata potrebbe minare la legge sul copyright e aprire la porta a frodi e furti dilaganti.

“Chiediamo a tutte le piattaforme di musica digitale e ai servizi basati sulla musica di impegnarsi a non sviluppare o implementare tecnologie, contenuti o strumenti per la generazione di musica tramite l’intelligenza artificiale che minino o sostituiscano l’arte umana di autori e artisti o che ci neghino un giusto compenso per il nostro lavoro”, si legge nella lettera, tra i cui firmatari figurano anche Katy Perry, J Balvin e Pearl Jam.

“Se non controllata, l’IA metterà in moto una corsa al ribasso che sminuirà il valore del nostro lavoro e ci impedirà di essere equamente compensati per esso”, si legge nella lettera.

Il mese scorso, lo Stato del Tennessee – uno dei centri nevralgici dell’industria musicale grazie a Nashville – è stato il primo negli Stati Uniti ad approvare una legge che mira a proteggere i professionisti dell’industria musicale dalle minacce dell’IA con il suo “ELVIS Act”.

L’Ensuring Likeness, Voice, and Image Security Act, che entrerà in vigore il 1° luglio, stabilisce che gli strumenti di IA generativa non possono replicare la voce di un artista senza ottenere il consenso.

Una legislazione simile è in discussione a livello federale al Congresso e in diversi altri Stati.

Gli attivisti e le principali organizzazioni del settore, tra cui la Recording Industry Association of America e la Screen Actors Guild, hanno elogiato la legge del Tennessee, mentre la Human Artistry Campaign, una coalizione globale, l’ha definita una legislazione “storica”.

Nella lettera di martedì, l’Artists Rights Alliance – un gruppo di artisti che rappresenta cantautori e interpreti – ha riconosciuto che l’IA ha un “enorme potenziale per far progredire la creatività umana”, ma ha messo in guardia dalle conseguenze più oscure.

“I musicisti che lavorano stanno già lottando per sbarcare il lunario nel mondo dello streaming, e ora hanno l’ulteriore onere di cercare di competere con una marea di rumore generato dall’intelligenza artificiale”, ha dichiarato Jen Jacobsen, responsabile di ARA.

Universal Music Group ha citato l’approccio di TikTok all’IA come un fattore della faida in corso per il rinnovo dei contratti tra le due società, che ha portato all’espulsione dalla piattaforma della musica di molti artisti registrati da Universal e di quelli con contratti di pubblicazione.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Le prime pagine di oggi – Marzo 2024

Foto di archivio del Times of Malta.Ecco le notizie più importanti apparse giovedì sui quotidiani maltesi. IlTimes of Malta riporta la notizia di come sia...