sabato, Maggio 18, 2024
HomeBusinessLivellamento dello status degli insegnanti

Livellamento dello status degli insegnanti

Spesso gli insegnanti vengono erroneamente dipinti come coccolati da vantaggi che non godono di altri professionisti, come vacanze lunghe e orari di insegnamento ridotti. Ma questa è solo una caricatura della realtà. Foto: Shutterstock.com

Quando l’ex primo ministro britannico Boris Johnson ha vinto le elezioni del 2019 con una valanga di voti, si è impegnato a livellare lo status sociale di milioni di britannici che faticano a prosperare a causa di difficoltà finanziarie e risultati scolastici inadeguati. Come la maggior parte dei politici, sapeva che un fattore critico per il successo personale e sociale nella vita è la qualità del sistema educativo.

Tuttavia, ciò che rende efficace un sistema educativo rimane oggetto di dibattito tra gli educatori, i politici e i dirigenti d’azienda. Finché lo sforzo di un Paese per migliorare il livello di rendimento dei propri studenti rimarrà nebuloso, le possibilità di successo nel miglioramento del sistema educativo saranno minime.

Non mancano le iniziative concrete che educatori e politici intraprendono per migliorare gli strumenti di cui gli insegnanti hanno bisogno per trasmettere le conoscenze ai loro studenti. Scuole ben tenute, attrezzature informatiche moderne e investimenti nell’istruzione attraverso il sistema degli stipendi sono indubbiamente strumenti che aiutano a motivare sia gli insegnanti che gli studenti a ottenere risultati migliori. Tuttavia, pochi sostengono la necessità di impegnare la professione docente in modo più efficace, rendendola responsabile dei risultati ottenuti.

Gli insegnanti sono tra i professionisti meno apprezzati nella maggior parte delle società occidentali. Spesso vengono erroneamente dipinti come coccolati da vantaggi che non godono di altri professionisti, come vacanze lunghe e orari di insegnamento ridotti. Ma questa è solo una caricatura della realtà. I livelli di soddisfazione professionale degli insegnanti rimangono bassi. L’anello mancante nella maggior parte dei sistemi educativi della maggior parte dei Paesi è la capacità di misurare e premiare l’efficacia degli insegnanti.

Un vantaggio significativo dell’essere insegnante è che si interagisce con gli studenti per la maggior parte del tempo. I vostri capi e colleghi raramente occupano più di una piccola frazione del vostro tempo lavorativo. Questo fenomeno conferisce agli insegnanti un certo grado di indipendenza nello svolgimento dei loro compiti professionali, ma potrebbe anche portare a un controllo insufficiente della loro efficacia in classe.

Come ogni altro professionista, l’insegnante deve essere ritenuto responsabile dei risultati del suo lavoro. Il dilemma spinoso consiste nell’individuare le metriche da utilizzare per misurare i risultati ottenuti dagli insegnanti.

Finora gli insegnanti sono stati giudicati in base ai loro risultati accademici e all’esperienza, misurata in base agli anni di servizio. Naturalmente, nessuno di questi criteri ci dice se i loro studenti stiano imparando qualcosa. In molti Paesi, i sindacati degli insegnanti hanno resistito ai tentativi di misurare i risultati degli studenti per indicare l’efficacia degli insegnanti. Ora la situazione sta cambiando.

Finché lo sforzo di un Paese per migliorare i risultati degli studenti rimarrà nebuloso, le possibilità di successo nel miglioramento del sistema educativo saranno minime

Esperimenti condotti in vari Stati degli USA hanno dimostrato che quando gli alunni della scuola primaria venivano affidati a insegnanti migliori, ottenevano maggiori risultati scolastici, spesso proseguivano gli studi all’università, guadagnavano stipendi migliori e “avevano meno probabilità di diventare madri adolescenti”. Tuttavia, questo è solo un aspetto della valutazione dell’efficacia di un insegnante.

Tradurre questi elementi positivi in una politica retributiva legata ai risultati è molto più difficile a livello nazionale. Il reclutamento, la promozione e il licenziamento degli insegnanti saranno sempre un processo complesso che non può essere ridotto a una spunta soggettiva di caselle nel rapporto di valutazione annuale di un insegnante.

È improbabile che i dirigenti scolastici accettino metriche confuse che diventino una mera formalità per premiare praticamente tutti gli insegnanti. Al contrario, i sindacati degli insegnanti si opporranno alla richiesta di standard che premieranno solo i più brillanti della professione.

Non esiste ancora una definizione universalmente accettata di ciò che costituisce un buon risultato educativo. I datori di lavoro, ad esempio, cercano negli studenti che vogliono assumere qualità come la capacità di risolvere i problemi, la creatività e una forte etica del lavoro.

Molti educatori si aspettano che i loro studenti “siano cittadini migliori”, comprendendo il loro ruolo sociale. I genitori vogliono che i loro figli raggiungano voti alti agli esami per avere un lavoro migliore e più gratificante dal punto di vista economico.

Alcuni Paesi cercano di rendere l’insegnamento più responsabile insistendo su una migliore formazione degli insegnanti. Il National Council on Teacher Quality, con sede negli Stati Uniti, ha descritto le scuole di formazione per insegnanti americane come “un’industria della mediocrità”. Nella maggior parte dei Paesi, i corsi di formazione per insegnanti sono spesso considerati un’opzione debole e vengono solitamente seguiti dagli studenti meno talentuosi o meno ambiziosi. Questa situazione deve cambiare se vogliamo migliorare il nostro sistema educativo.

La Finlandia offre un buon caso di studio sul miglioramento dell’efficacia degli insegnanti. Qualche decennio fa, i leader politici e sociali di questo Paese si sono resi conto della necessità di migliorare la propria economia, passando da un’economia basata su industrie primarie di base come la silvicoltura a un’economia moderna basata sulla tecnologia.

Il segreto del successo educativo della Finlandia è stata la sua politica di assumere come insegnanti i migliori laureati, con gli stipendi più alti pagati dall’industria privata.

Questa è la strada da seguire per una professione docente più responsabile.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE