venerdì, Marzo 1, 2024
HomeBusinessL'importanza della Giornata dei lavoratori

L’importanza della Giornata dei lavoratori

Lunedì 1 maggio si celebra la Giornata dei lavoratori. Un tempo era una celebrazione circoscritta ai rappresentanti dei lavoratori e ai partiti di sinistra; oggi non è più così e, di fatto, non lo è più da decenni.

Molti rivendicano la paternità di questa data, ma gli storici sembrano concordare sul fatto che la data sia stata scelta dalla Federazione americana del lavoro per commemorare uno sciopero generale negli Stati Uniti, iniziato il 1° maggio 1886.

A ciò seguirono le iniziative del Congresso Marxista Internazionale Socialista per istituire il 1° maggio come Giornata Internazionale dei Lavoratori. Anche la Chiesa cattolica romana, in linea con il suo insegnamento sociale, ha iniziato a celebrare la Giornata dei lavoratori.

Vale la pena di chiedersi se oggi la Giornata dei lavoratori sia passata di moda. Ma se si considerano le varie forme di sfruttamento, e persino la moderna schiavitù a cui molte persone sono sottoposte, non c’è dubbio che la Giornata dei lavoratori sia ancora molto attuale.

Possiamo guardare oltre i nostri confini e notare l’incidenza del lavoro minorile, le varie forme di traffico di esseri umani e le condizioni precarie a cui sono sottoposti i lavoratori. Possiamo anche guardare all’interno della nostra terra e notare le condizioni di lavoro e di retribuzione dei lavoratori immigrati.

Per un lungo periodo di tempo, diversi Paesi hanno cercato di migliorare la condizione dei lavoratori, in risposta alle richieste dei sindacati e alle aspettative degli elettori. Molti di noi forse non sanno che le richieste di una giornata lavorativa universale di otto ore sono iniziate 119 anni fa, nel 1904. Anche in questo caso, fu il Congresso socialista internazionale a formulare questa richiesta.

Prima di allora, nel 1869, il presidente degli Stati Uniti aveva emanato un proclama per garantire una giornata lavorativa di otto ore ai dipendenti statali. L’idea della settimana di 40 ore è stata introdotta negli anni Venti.

Nel nostro Paese diamo per scontate queste cose, così come altre condizioni di lavoro come le ferie e i permessi per malattia retribuiti. Abbiamo anche alcune aggiunte come il congedo di studio retribuito e la legislazione richiede che i datori di lavoro siano responsabili della salute e della sicurezza dei loro dipendenti sul posto di lavoro.

Tuttavia, i lavoratori di altri Paesi non godono delle condizioni di lavoro di cui godiamo noi, ed è anche vero che alcuni gruppi di dipendenti a Malta non godono di tali benefici. Il fatto che tali dipendenti non siano maltesi non significa che non ne abbiano diritto mentre lavorano in questo Paese.

Un aspetto che si è cercato di affrontare attraverso la celebrazione della Giornata dei Lavoratori è stato quello delle disuguaglianze di reddito. I lavoratori venivano pagati una miseria, mentre i proprietari delle aziende guadagnavano milioni. La risposta a questo problema era un elemento di ridistribuzione del reddito e la creazione di un sistema di welfare attraverso la tassazione. È stato introdotto anche il concetto di , anche se dobbiamo accettare che all’interno dell’UE ci sono Paesi in cui non esiste un salario minimo.

Certo, le disuguaglianze di reddito sono diminuite nel corso degli anni, ma le successive crisi economiche e finanziarie hanno invertito la tendenza e la differenza tra i redditi più alti e quelli più bassi ha ricominciato ad ampliarsi. Questo è accaduto anche a Malta, come dimostra il cosiddetto coefficiente di Gini.

Per questo motivo, non ci dovrebbero essere dubbi sul fatto che le questioni che hanno caratterizzato la Giornata dei lavoratori in passato sono ancora presenti oggi. Dalle sue origini abbiamo fatto passi da gigante, ma negli ultimi anni abbiamo fatto qualche passo indietro.

La Giornata dei lavoratori sarà ancora attuale domani? Si tratta di una domanda molto pertinente da discutere, poiché tocca il cuore del “futuro del lavoro“, l’espressione coniata dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro circa 10 anni fa. Alcuni descrivono il futuro del lavoro come qualcosa di molto roseo, mentre altri lo descrivono in termini molto negativi. In ogni caso, la Giornata dei lavoratori continuerà a essere molto importante.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Hamilton ammette che “è uno shock” quando la Mercedes è in testa alle prove in Bahrain

Lewis Hamilton in testa alla classifica dei tempi nelle seconde prove del Gran Premio del Bahrain. Foto: AFP Lewis Hamilton ha avvertito il suo team...