venerdì, Giugno 14, 2024
HomeBusinessIl proprietario di un negozio contatta la polizia dopo che i clienti...

Il proprietario di un negozio contatta la polizia dopo che i clienti truffati continuano a chiamare per lamentarsi

Il fornitore di audio legale FutureTech Pro a San Ġwann. Foto: Chris Sant Fournier

Il proprietario di un negozio di strumenti elettronici si è rivolto alla polizia dopo aver ricevuto decine di denunce da parte di persone che sostengono di essere state truffate da una pagina Facebook con un nome simile a quello della sua attività.

Di recente, le cose hanno preso una piega più sinistra quando una donna che dice di essere stata truffata dalla pagina – questa volta non essendo stata pagata per il lavoro che aveva intrapreso per essa – avrebbe ricevuto una minaccia contro la sua vita.

Per almeno sei mesi, una pagina Facebook chiamata Future Tech ha pubblicato annunci pubblicitari per smartphone, console di gioco, computer portatili, tavoli e orologi intelligenti, attirando circa 1.800 “mi piace” e follower.

Ma secondo il fornitore locale di apparecchiature elettroniche FutureTech Pro, la pagina è una truffa: negli ultimi mesi il fornitore ha ricevuto decine di telefonate da clienti della pagina che dicono di aver inviato denaro e di non aver ricevuto gli articoli.

“Non abbiamo nulla a che fare con questa storia; la gente continua a chiamarmi per la pagina… Sono stufo”, ha dichiarato Stefan Farrugia, proprietario di FutureTech Pro, aggiungendo che il suo negozio vende e installa apparecchiature audio professionali e non tratta telefoni cellulari o altri prodotti elettronici di consumo.

Farrugia ha dichiarato di essere riuscito ad avvertire in tempo la maggior parte dei potenziali acquirenti quando lo hanno contattato con delle richieste, ma alcuni avevano già inviato il denaro per i prodotti quando lo hanno chiamato.

Farrugia ha sottolineato che gli utenti Internet dovrebbero diffidare delle pagine dei social media che offrono prodotti a prezzi irrealisticamente bassi e ha dichiarato che, dopo aver ricevuto “molte” chiamate, ha deciso di segnalare la pagina Future Tech alla polizia.

Sebbene la pagina sostenga di rappresentare un negozio con sede a Gozo, quando Times of Malta ha effettuato una ricerca sulla società, ha trovato un annuncio defunto nelle pagine gialle che conteneva un link a un sito web che non esiste più e un numero di telefono che non era collegato.

A quanto risulta, un negozio chiamato Future Tech aveva sede allo stesso indirizzo di Gozo di quello elencato sulla pagina Facebook, ma ha chiuso qualche tempo fa. FutureTech Pro, invece, ha sede a San Ġwann ma ha un distributore a Gozo.

Minaccia

Milena Ivanov è un’internauta che sostiene di essere stata vittima della truffa, ma non come cliente, bensì come lavoratrice.

Stava cercando online un lavoro part-time a distanza, desiderosa di trovare qualcosa che si adattasse alla cura della figlia di quattro anni, quando si è imbattuta in un annuncio che sembrava fare al caso suo.

Dopo aver chiesto ulteriori informazioni, la Ivanov racconta di essere stata informata da un utente di Facebook di nome Leo Charlie che Future Tech aveva bisogno di persone che pubblicassero annunci di telefoni cellulari e altri prodotti elettronici sul marketplace di Facebook utilizzando i loro account personali e inoltrassero le richieste di informazioni alla pagina.

Secondo gli screenshot dei messaggi di Facebook visti da Times of Malta, Charlie ha detto alla Ivanov che poteva scegliere di essere pagata 800 euro ogni 30 giorni o 400 euro ogni due settimane e che avrebbe ricevuto una commissione sulle vendite.

Quindi, dopo aver inviato a Future Tech il suo nome, l’indirizzo e i dati di Revolut per il pagamento, si è messa al lavoro. Ma ben presto si è insospettita.

“Manderò i miei ragazzacci a rintracciarti e a toglierti la vita”.

Sono passate settimane senza che venisse pagata e quando ha chiesto a Future Tech di essere pagata le è stato detto di “smettere di farsi prendere dal panico”. L’utente di Facebook che gestisce la pagina le ha anche detto che se avesse smesso di lavorare, non sarebbe stata pagata per il suo lavoro.

Inoltre, aveva dei dubbi sull’azienda; ha detto che la pagina non le ha mai fornito un numero di telefono, comunicando principalmente su Facebook e inviandole via e-mail i dettagli dei prodotti che voleva che lei pubblicasse online.

Alla fine ne ha avuto abbastanza e ha chiarito che stava per terminare il suo lavoro – a quel punto le cose sono diventate spiacevoli.

Dicendole: “Sei sparita”, il gestore della pagina le ha ricordato che aveva il suo indirizzo di casa e i suoi dati Revolut.

“Manderò i miei ragazzi cattivi a rintracciarti e a toglierti la vita”, le hanno detto, secondo le schermate dei messaggi Facebook scambiati tra la pagina e la Ivanov e visionate dal Times of Malta.

Parlando della sua esperienza, la Ivanov ha dichiarato di avere sentimenti contrastanti riguardo alla minaccia.

“È spaventoso; ho un figlio, quindi da un lato ho paura, ma dall’altro so che è solo online. Quindi non so come sentirmi”, ha detto.

Quale sarebbe il suo consiglio ad altre persone che pensano di essere state truffate?

“Fate sempre attenzione, controllate i profili e verificate che le persone siano reali: se potete parlare con loro al telefono e il numero è maltese, probabilmente è tutto a posto. E contattate sempre l’azienda prima”.

L’account Facebook di Leo Charlie è diventato irraggiungibile poco dopo essere stato contattato per un commento. Future Tech ha ricevuto e letto il messaggio ma non ha risposto.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE