domenica, Febbraio 25, 2024
HomeBusinessIl modello di competizione fatale di Darwin

Il modello di competizione fatale di Darwin

Abbiamo bisogno di un modello economico di cooperazione, una simbiosi intelligente, che richieda regole eque nella competizione. Foto: Shutterstock.com

Chi non ha mai sentito parlare della fatidica dottrina di Charles Darwin (1809-1882) della “sopravvivenza del più adatto”? Spesso si sottolinea che questo dogma non deve essere inteso come la sopravvivenza del più adatto o del più intelligente, ma del più adattato.

Molti sono convinti che la biologia di oggi sarebbe impensabile senza la teoria dell’evoluzione di Darwin. Tuttavia, dopo oltre 150 anni di darwinismo, dovremmo riconoscerlo: trasferire il darwinismo come atteggiamento essenziale nell’economia, nelle teorie di gestione, nella politica e nella vita umana nel suo complesso, è stato fatale e catastrofico.

Tante incongruenze

Il lavoro di Darwin, le teorie sulla natura e sull’evoluzione sono state acclamate come rivoluzionarie. Ma in quanto razzista, credeva che esistessero razze umane inferiori e superiori.

Pensava che le donne fossero necessarie per la riproduzione, ma attribuiva l’intelligenza, l’innovazione e la creatività solo agli uomini, in quanto un uomo raggiunge un’eminenza superiore in qualsiasi cosa intraprenda rispetto a quella che può raggiungere una donna.

Un’altra fallacia di Darwin era la convinzione che gli organismi potessero trasmettere le caratteristiche acquisite nel corso della loro vita. O che l’eredità corra sempre verticalmente lungo la linea di discendenza, cioè da una generazione all’altra.

Nell’era della genetica, gli scienziati hanno scoperto che l’idea di Darwin dell'”albero genealogico della vita” è sbagliata. L’evoluzione non può essere rappresentata come un albero, ma al massimo come una rete complessa.

La ricerca ha poi stabilito – tra innumerevoli altre contraddizioni – che Darwin, in quanto sessista, ignorava l’importanza delle strategie femminili o del desiderio nei processi sessuali e sopravvalutava la bellezza come forza trainante nella scelta del compagno. Questa visione unidimensionale ha fatto sì che Darwin preferisse nascondere sotto il tappeto i comportamenti animali che non rientravano nelle sue preferenze.

La concorrenza stimola gli affari

Una delle teorie fondamentali nel mondo degli affari è che “la concorrenza stimola gli affari”. In un contesto sano, questo è indubbiamente il caso. Tuttavia, la concezione odierna della concorrenza ha seguito da tempo il principio darwiniano della “sopravvivenza del più adatto”. È disastroso che le teorie di Darwin abbiano dichiarato la guerra uno stato permanente della natura e quindi il modello standard. È un’assurdità assoluta.

Bisogna essere il più adatto perché solo così si sopravvive, solo così si prevale. Gli altri, beh, non ce la faranno; saranno sconfitti, estromessi, distrutti, spariranno dal mercato e saranno sfortunati. Non basta essere impegnati e in forma. Bisogna essere “il più in forma”, “il più forte” e “il migliore” di tutti, in cima alla piramide. Solo allora la vita vi darà il diritto di esistere. Il fine giustifica tutti i mezzi nell’ardua lotta per la sopravvivenza.

La teoria di Darwin è pericolosa perché distrugge le basi della vita umana e della sua dignità. Porta a una comprensione del tutto errata del potere umano e a un comportamento rovinoso.

Il vincitore prende tutto

Gli effetti estremi della teoria di Darwin sono sempre più frequenti nel mondo degli affari digitalizzato. Vediamo apparire dal nulla “perturbatori” aggressivi, quasi bellicosi, che dominano rapidamente nuovi mercati o che portano alla rovina i top dog di lunga data con modelli di business radicali e privi di esperienza nel settore.

L’attrattiva di una piattaforma digitale aumenta con il numero di utenti. Una volta raggiunto un numero significativo di utenti, la piattaforma diventa sempre più attraente per gli utenti grazie al cosiddetto “effetto rete” dell’economia neoclassica. A questo punto non rimane quasi più spazio per i potenziali concorrenti che possono farsi strada con un’offerta alternativa. Nemmeno se fossero tecnologicamente migliori, più facili da usare, più sicure o comunque più adatte e quindi più “adatte”.

La “sopravvivenza del più adatto” di Darwin culmina sempre più spesso in una spietata concentrazione del mercato da parte di pochi attori dominanti a livello globale, “chi vince prende tutto”, spesso più potenti di Stati sovrani.

Giustificazione della concorrenza brutale

Il principio della “sopravvivenza del più adatto” giustifica ingiustificatamente la naturalezza della concorrenza brutale. Tuttavia, almeno tre realtà inconfutabili si oppongono a questa tesi:

In primo luogo, a prima vista, la natura può assomigliare in alcuni punti a un teatro di guerra. Ma un secondo sguardo più attento mostra che la natura è innanzitutto un sistema simbiotico! Tutto è interconnesso perché tutto è collegato a tutto il resto: ogni animale e pianta influenza anche tutte le altre specie e generi. Flora e fauna non competono semplicemente per l’habitat. Al contrario, si aiutano e si sostengono a vicenda, garantendo l’equilibrio secondo il principio “insieme siamo forti”.

In secondo luogo, in natura esiste anche la competizione. Il maschio più forte sconfigge il rivale. C’è una prova di forza, ci sono lotte di potere e di territorio. E sì, a volte anche fino alla morte. Ma è un gioco con delle regole che usa “solo la violenza necessaria e la minore possibile”.

Stiamo sperimentando gli effetti estremi della teoria di Darwin con maggiore frequenza

Il cervo superiore non insegue quello inferiore finché non lo ha ucciso. È superiore e questo gli basta. Il cervo inferiore lo accetta, si sposta e si sviluppa altrove perché ci sono abbastanza alternative e abbastanza spazio. La questione è chiusa, il conflitto è finito. Vendicarsi, distruggere spietatamente l’altro, questo non esiste in natura.

In terzo luogo, il dogma di Darwin contraddice completamente la percezione umana. Se la teoria di Darwin fosse corretta, la guerra come stato normale sarebbe un fattore di benessere. Ma nessuno si sente a proprio agio in guerra. Non viene vissuta come uno stato armonioso e naturale, ma come uno sconvolgimento dell’ordine, distruttivo e terribile.

La rabbia di Darwin contro Dio

Più si studia il darwinismo, più ci si chiede come il colto Charles Darwin abbia potuto creare le sue teorie con così tante contraddizioni, errori di ragionamento e incoerenze. Dopo tutto, il darwinismo non è coerente; ci vogliono tutti i tipi di colpi di scena per tenerlo in piedi.

La risposta a questa domanda cruciale si trova nel suo curriculum. Con la moglie Emma ebbe 10 figli. Il grande colpo del destino arrivò nel 1851, quando la figlia Anne, di 10 anni, morì di tubercolosi. Tutte le preghiere e le speranze di una cura furono vane. Darwin era sconvolto e scrisse nei suoi appunti: “Abbiamo perso la gioia della casa e il conforto della nostra vecchiaia”. La morte di Anne aveva anche annunciato la fine del mio cristianesimo”.

Fino a quel momento, il teologo di Cambridge si era visto come un cristiano devoto, non profondamente religioso, ma saldamente radicato nella teologia.

Da quel momento in poi, Darwin litigò con Dio e non riuscì a perdonargli di non aver salvato il suo bambino preferito. Di conseguenza, nella sua rabbia verso Dio, divenne ossessionato dall’idea che ci dovessero essere spiegazioni per tutto nella vita, nell’universo, senza Dio, senza un’autorità spirituale. Questo si può vedere anche nella biografia Annie’s Box, che è stata trasformata in un film nel 2009 con il titolo Creation ed è stata scritta dal pronipote di Darwin, Randal Keynes (1948), sulla base di vecchi documenti originali.

Non è necessario credere in Dio per vedere le incongruenze di Darwin. È sufficiente porsi il problema di un ordine nelle condizioni elementari e nell’universo. Come le leggi della natura, la fisica o l’argomento teleologico dell’analogia dell’orologiaio, secondo William Paley (1743-1805), che anche altri ricercatori hanno sostenuto fin dai tempi della rivoluzione scientifica, tra cui Sir Isaac Newton (1642-1726).

Il darwinismo è superato

Le teorie di Darwin non sono né conclusive né completamente dimostrabili. La teoria darwiniana dell’evoluzione non ha affatto portato a una comprensione definitiva del mondo e della natura. È vero il contrario. La teoria di Darwin non si applica alla natura, né è adatta come motto generale per l’imprenditoria e l’economia.

Le teorie di Darwin non sono la verità definitiva, anche se ancora oggi ci vengono portate.

Dovrebbero essere bandite dai libri di testo scolastici, come hanno fatto la Turchia nel 2017 e l’India nel 2023.

Il fascino della simbiosi: il modello del futuro

Dobbiamo adottare una nuova visione del mondo, del “vivere e lasciar vivere”, del “insieme siamo forti”. Abbiamo bisogno di un modello di cooperazione, una simbiosi intelligente, che richieda regole eque nella competizione. Attraverso milioni di anni di evoluzione, la natura ci dà l’esempio.

Dovremmo abbandonare la mania del “più forte”. Dovremmo abbandonare l’avidità di denaro veloce e la massimizzazione sfrenata dei profitti che ignora molti danni collaterali. Inoltre, dovremmo abbandonare l’eccessivo pensiero competitivo, lo sforzo permanente ed eccessivo di superare o eliminare i concorrenti con ogni mezzo necessario.

Oggi l’obiettivo non è vincere, ma raggiungere l’equilibrio! Abbiamo bisogno di una nuova cultura aziendale ed economica, post-darwiniana, basata su un sistema simbiotico. Questa cultura dovrebbe concentrarsi sul successo sostenibile, sulla lungimiranza, sulla prudenza e sulla considerazione, allineandosi al principio della sostenibilità: “il più possibile e il meno possibile”. Dovrebbe mirare a garantire la sopravvivenza del maggior numero possibile di persone, idealmente di tutti. I meccanismi del Keiretsu giapponese offrono molti spunti in tal senso.

Il fatto più incredibile della simbiosi naturale è che il nostro pianeta non ha una discarica dichiarata. In natura, tutto va in circolo. Nulla rimane in avanzo, nulla è inutile o privo di valore. Tutto si ricicla, si riusa e si riutilizza.

Non c’è altro modo che regole più severe

La mentalità egoistica della “sopravvivenza del più adatto” conduce il mondo in un abisso. Alla fine, non si tratta di “sopravvivenza del più adatto”, ma di “vittoria del più forte, del più spietato”.

Il dominio del “chi vince prende tutto” e del valore per gli azionisti minaccia in ultima analisi la nostra sicurezza, libertà e prosperità.

Le conseguenze sono una dittatura (economica), lo sfruttamento a spese della maggioranza e dell’ambiente e un’immensa ricchezza solo per la cleptocrazia o l’oligarchia, i primi 10.000.

Edzard Reuter, amministratore delegato di Daimler-Benz dal 1987 al 1995, ha riassunto perfettamente la situazione in un’intervista del 2023 alla rivista economica tedesca “Brand Eins”: “Regole più severe sono l’unica strada da percorrere. È insopportabile che le aziende perseguano solo la massimizzazione del profitto, senza tenere conto dei dipendenti, dell’ambiente, del clima o della giustizia fiscale”.

Anche Peter F. Drucker, il fondatore del management moderno, aveva capito: “Nessuna delle nostre istituzioni esiste da sola ed è fine a se stessa. Ognuna è un organo della società ed esiste per il bene della società. Le imprese non fanno eccezione. Le imprese libere non possono essere giustificate come un bene per gli affari. Possono essere giustificate solo come un bene per la società”.

fRSA, è un evangelista dell’imprenditorialità e delle start-up, presidente multiplo (ad esempio di AP Valletta), filosofo aziendale, imprenditore, autore, docente universitario e connettore della Royal Society for Arts, Manufactures and Commerce (RSA) per Malta e l’Austria. Questo articolo è una sintesi di un sottocapitolo del suo libro Wahre Werte statt schnelles Geld (I veri valori al posto del denaro veloce), pubblicato da GABAL Verlag, Germania, 2023.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

Il premio NOMA 2024 a Manuela Tesse e Michele Marcolini

Sliema, Malta - 13 febbraio 2024 Il prestigioso Premio Noma 2024 sarà conferito a Manuela Tesse e Michele Marcolini, allenatori delle nazionali maltesi di...