sabato, Maggio 18, 2024
HomeBusinessGli esperti stranieri lodano la formazione di una nuova autorità per il...

Gli esperti stranieri lodano la formazione di una nuova autorità per il clima

Jacob Werksmen, consigliere principale della DG-CLIMA della Commissione europea, alla conferenza ClimateON.

Gli esperti internazionali hanno approvato la creazione dell’Autorità per l’Azione per il Clima come una mossa coraggiosa da parte di Malta per fare la sua parte nell’adattamento e nella mitigazione dei cambiamenti climatici, una delle sfide più urgenti del mondo.

L’esperto di cambiamenti climatici Brad Archer e Jacob Werksman, consigliere principale della DG-CLIMA della Commissione europea, sono stati i due relatori principali della conferenza ClimateON, organizzata dal Ministero dell’Ambiente, dell’Energia e della Rigenerazione del Porto Grande, durante la quale il Ministro Miriam Dalli ha invitato le parti interessate di diversi settori, tra cui accademici, scienziati, settore pubblico, settore privato, parti sociali, giovani e sindacati, a dire la loro sull’azione per il clima.

I due oratori stranieri hanno chiarito che le strategie climatiche efficaci devono essere attuate con urgenza sia su scala globale che locale. Hanno sottolineato il ruolo cruciale di nuove iniziative come l’Autorità per l’azione per il clima, senza lasciare dubbi sull’importanza di agire immediatamente per combattere il cambiamento climatico.

Brad Archer, amministratore delegato dell’Autorità australiana per il cambiamento climatico, ha sottolineato l’importante funzione dell’Autorità nel definire politiche governative informate e basate sulla scienza in materia di azione per il clima.

“Vorrei congratularmi con il Ministero per l’iniziativa di istituire l’Autorità per l’azione per il clima (…). Penso che il titolo che avete scelto per questa nuova importante istituzione, l’Autorità per l’azione per il clima, sia molto appropriato”, ha detto Archer, prima di addentrarsi nella realtà australiana.

Malta offre un modello molto importante per le altre piccole isole

Archer ha fatto riferimento alle sfide specifiche dell’Australia, grande esportatore di beni ad alte emissioni come il carbone e la carne bovina, sottolineando la necessità del Paese di adattarsi a un’economia a zero emissioni.

“Le autorità indipendenti per il clima sono fondamentali per garantire che i governi ricevano le prove necessarie per raggiungere gli impegni assunti nell’ambito dell’Accordo di Parigi”, ha dichiarato, sostenendo la necessità di decisioni libere da influenze politiche a breve termine e interessi acquisiti.

Minister Miriam Dalli invited stakeholders from different fields to have their say on climate action.Il ministro Miriam Dalli ha invitato le parti interessate di diversi settori a dire la loro sull’azione per il clima.

“Vogliamo che i nostri governi prendano decisioni sulla politica del cambiamento climatico con le migliori informazioni possibili. Le autorità competenti in materia di cambiamenti climatici controllano i pareri che rappresentano le informazioni scientifiche più recenti e tutte le altre prove, e lo fanno in modo libero da interessi acquisiti e da considerazioni politiche a breve termine, tenendo conto del contesto politico e degli obiettivi del governo del giorno”, ha spiegato Archer.

Werksmen ha fatto riferimento ai recenti momenti cruciali della politica climatica internazionale. Ha fatto riferimento a conferenze importanti, come l’ultima COP (Conferenza delle Parti) a Dubai e i prossimi eventi in Brasile e Azerbaigian, che sono fondamentali per verificare e portare avanti gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

“Questi incontri sono fondamentali per definire le nostre strategie di riduzione delle emissioni globali di gas serra e di transizione dai combustibili fossili”, ha dichiarato.

Werksmen ha anche approfondito il modo in cui Malta funge da modello per gli altri Stati nel modo in cui affronta il cambiamento climatico.

“Malta, in quanto piccolo Stato insulare, rappresenta un modello molto importante per le altre piccole isole di tutto il mondo, che operano a diversi livelli di sviluppo ma che devono affrontare sfide simili in termini di sicurezza energetica e di vulnerabilità agli impatti dei cambiamenti climatici. È qui che la leadership di Malta brillerà, in particolare, nel contesto della leadership europea in generale. È quindi su queste basi che l’UE continuerà a costruire la sua prossima generazione di politiche climatiche, il suo prossimo passo lungo il percorso verso lo zero netto che ci siamo impegnati a compiere nell’ambito dell’Accordo di Parigi”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE