sabato, Marzo 2, 2024
HomeBusinessGermania: l'"uomo stanco d'Europa

Germania: l'”uomo stanco d’Europa

Un trattore durante una protesta con i manichini del cancelliere tedesco Olaf Scholz, del ministro dell’Economia Robert Habeck e del ministro degli Esteri Annalena Baerbock e un cartello con scritto “Il flagello del nostro Paese”. Foto: Odd Andersen/AFP

Per decenni, il modello economico tedesco è stato considerato da molti economisti come uno dei più solidi e resistenti. La riunificazione del Paese, avvenuta senza problemi nel 1990, è stata un successo grazie a una leadership politica di trasformazione che non ha eguali nelle democrazie occidentali.

Nell’ultimo decennio, qualcosa è andato storto nel funzionamento dell’economia tedesca. La potenza continentale dell’Europa è in fase di stallo; quando ciò accade, tutti gli europei devono preoccuparsi. Il ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner ha affermato che il Paese è diventato “l’uomo stanco” dell’Europa, poiché perde competitività.

Gli attuali problemi economici della Germania sono un esempio da manuale di come il successo possa presto trasformarsi in sofferenza. Quando i leader politici non capiscono la necessità di impegnarsi in un esame di coscienza per determinare come aggiornare la loro economia in circostanze mutevoli, rischiano invariabilmente un atterraggio duro dell’economia che guidano.

L’ex cancelliere tedesco Angela Merkel era considerata uno dei leader più affidabili dell’UE. Nei suoi 16 anni di mandato, era famosa per aver preferito aspettare che le cose andassero avanti piuttosto che agire con fermezza. Credeva fermamente nella politica della continuità, basata sul principio “se non è rotto, non aggiustarlo”. Eppure, le crepe nella macchina industriale tedesca c’erano, se solo i leader economici e politici fossero stati disposti a essere realistici nell’analisi dei rischi. Hanno preferito rimanere nella loro zona di comfort.

Oggi, lo sciopero dei macchinisti, la rabbia degli agricoltori, la perdita di consensi da parte di un governo di coalizione e l’impennata del partito di estrema destra nei sondaggi di gradimento mettono i brividi ai leader politici europei.

La continuità politica prolungata, come quella praticata dalla Merkel, è una falsità, anche se alcuni politici tradizionali credono ancora che sia la strategia politica più conveniente.

Le importazioni di energia russa a basso costo hanno in parte alimentato il passato successo economico della Germania. Quando l’esercito di Putin ha invaso l’Ucraina, la vulnerabilità della Germania all’energia a basso costo è stata crudelmente esposta come il tallone d’Achille del Paese. Lo shock energetico ha distrutto la base industriale tedesca, facendo lievitare i costi e colpendo la produzione delle fabbriche.

Oggi, lo sciopero dei macchinisti, la rabbia degli agricoltori, la perdita di consensi da parte di un governo di coalizione e l’impennata di un partito di estrema destra nei sondaggi di gradimento mettono i brividi ai leader politici europei

Invece di esportare auto di lusso in Cina, i tedeschi importano flotte di veicoli elettrici cinesi a basso costo. L’anno scorso l’economia tedesca si è ridotta dello 0,3% e l’ufficio statistico nazionale tedesco ha attribuito la colpa a “molteplici crisi”, tra cui l’aumento del costo della vita.

Il governo tedesco si trova di fronte al difficile compito di tappare un buco nel bilancio, mentre l’economia vacilla sull’orlo di una recessione prolungata e gli aumenti dei prezzi di energia e cibo incidono sul tenore di vita di gran parte della società.

Quest’anno non promette risultati migliori, con gli analisti che prevedono una “continuazione della stagnazione economica e una recessione poco profonda”.

In queste circostanze, gli aumenti delle tasse e i tagli ai sussidi sono considerati da molti come un’imposizione politica totale e inaccettabile. Molti tedeschi si sentono stanchi e soffrono in silenzio. Molti altri sono furiosi con il governo.

Gli agricoltori che devono affrontare i tagli ai sussidi sono particolarmente arrabbiati. Bloccano autostrade e incroci, entrano in città con i loro trattori e bloccano il traffico. La giusta indignazione della gente è spesso una forza di cambiamento inarrestabile.

Fino a pochi anni fa, secondo un sondaggio di YouGov sugli Stati dell’UE, i tedeschi sembravano essere i meno ricettivi alle politiche populiste. La situazione sta cambiando rapidamente. Le persone si stanno spostando ai margini dello spettro politico e le tendenze si stanno evolvendo verso una maggiore divisione e dissoluzione sociale. Il consenso e il dibattito costruttivo vengono ignorati, mentre aumentano gli scontri e la retorica politica divisiva.

Le politiche forgiate nelle sterili sale riunioni della Commissione europea a Bruxelles spesso non riconoscono l’impatto delle direttive ecologiche con scadenze rigide sulla vita della gente comune. Gli agricoltori tedeschi sostengono di non essere in grado di gestire il ritmo delle riforme e delle nuove normative in materia di ambiente e protezione degli animali.

La guerra contro i combustibili fossili è stata programmata per finire rapidamente. La maggior parte delle persone capisce che le cose devono cambiare un po’. Ma non era previsto che lo sentissero così direttamente nelle loro borse e nei loro portafogli. Così, molti vedono lo Stato come invadente e preferiscono sostenere i populisti che promettono di invertire le politiche dolorose una volta al potere.

La società sta cambiando. I partiti tradizionali di centro-destra e centro-sinistra non sono riusciti a entrare in sintonia con le persone che si preoccupano veramente dell’evoluzione delle loro vite. La tolleranza della destra radicale tra le élite, i lavoratori e il pubblico in generale sta aumentando. I confini e i consensi politici di lunga data si stanno rompendo.

Il voto anti-establishment continuerà a crescere, mentre rischi geopolitici senza precedenti per la Germania e l’UE influenzano il panorama politico. La rabbia e la frustrazione dei cittadini, si spera, cambieranno la percezione e la gestione della politica da parte dei leader dei partiti.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE