martedì, Maggio 28, 2024
HomeBusinessESG: "Un modo migliore di fare le cose

ESG: “Un modo migliore di fare le cose

Il ministro Miriam Dalli (seconda da destra) durante una visita alla sede di Vivian a Marsa.

Investire per ridurre le emissioni di anidride carbonica, generare più energia attraverso tecnologie alternative, investire in veicoli aziendali elettrici, raddoppiare l’attuale impianto fotovoltaico e fare educazione continua sulla conservazione dell’energia sono tra le priorità di Vivian per diventare più sostenibile.

Joanna Gatt, direttrice di Vivian e responsabile del nuovo Comitato per la sostenibilità dell’azienda, ha condiviso questi dettagli durante una visita di cortesia di Miriam Dalli, ministro dell’Ambiente, dell’Energia e della Rigenerazione del Porto Grande, all’azienda sanitaria con sede a Marsa.

Gatt ha sottolineato come il Comitato per la sostenibilità di Vivian sia in linea con l’impegno e la responsabilità dell’azienda verso una maggiore sostenibilità a Malta.

“Quando otto mesi fa ci siamo trasferiti nella nuova sede di Marsa, è stata un’opportunità per ripartire da zero e iniziare a fare le cose meglio. Siamo un’azienda sanitaria specializzata e, come tutte le aziende, riconosciamo la necessità di operare costantemente in linea con i valori ESG. E soprattutto, questo viaggio deve essere intrapreso da tutti all’interno dell’azienda”, ha dichiarato.

Presentando il team del Comitato per la sostenibilità di Vivian, Denise Borg Manché, amministratore delegato di Vivian, ha spiegato come questa iniziativa sia stata accuratamente curata per essere rappresentativa dell’intera organizzazione e per possedere le competenze necessarie.

“Crediamo che tutti abbiano un ruolo da svolgere in questo obiettivo di operazioni più sostenibili. Oggi, dopo mesi di formazione e addestramento costanti su come operare meglio, tutti noi di Vivian sappiamo che impegnarsi in pratiche più sostenibili significa semplicemente assicurarsi di trovare un modo migliore di fare le cose, insieme”.

Dalli ha lodato l’impegno di Vivian per la sostenibilità.

“Le aziende hanno un ruolo cruciale nel realizzare la visione del nostro Paese di raggiungere un modo più sostenibile di operare e fare le cose. Inoltre, le aziende possono essere un potente motore di cambiamento positivo non solo per i loro dipendenti, ma anche per gli stakeholder, le comunità e la società in generale.

“Il modo in cui Vivian ha scelto di dare l’esempio istituendo un Comitato per la Sostenibilità composto dai dipendenti è encomiabile, poiché favorisce un approccio più collaborativo e inclusivo, fondamentale per raggiungere gli obiettivi del nostro Paese”, ha dichiarato.

Il Comitato per la sostenibilità gestisce una casella di controllo della conformità che comprende iniziative come la gestione delle e-mail per ridurre l’impronta di carbonio, il risparmio energetico, la riduzione del rumore per migliorare la tranquillità all’interno dello spazio di lavoro, la raccolta differenziata dei rifiuti, la riduzione dell’uso della carta e la digitalizzazione. La formazione dei dipendenti assicura che tutta la forza lavoro sia ben informata sulle pratiche ESG e di sostenibilità.

L’impegno di Vivian per la sostenibilità va oltre le pratiche interne e ha già avviato un dialogo con diverse parti interessate oltre ai colleghi, come gruppi di pazienti, fornitori e clienti, la Camera di Malta e la comunità locale di Marsa.

Alla fine, l’azienda si sottoporrà anche a un’accurata valutazione della materialità per identificare le aree chiave comuni di maggiore rilevanza sia per gli stakeholder che per l’azienda.

“Le nostre priorità principali sono continuare a garantire l’etica aziendale, adoperarci per un accesso equo al mercato di trattamenti e diagnostici innovativi, alla sicurezza dei pazienti, alla diversità, all’equità e all’inclusione, e ridurre le nostre emissioni di carbonio per migliorare la qualità della vita della popolazione maltese”, ha aggiunto Gatt.

Vivian ha anche richiesto e ottenuto una sovvenzione a sostegno del suo esercizio di rendicontazione dopo che il governo ha lanciato sovvenzioni di 5.000 euro per sostenere le PMI che desiderano iniziare a rendicontare le loro misure di sostenibilità. È in corso anche la ricerca di altre possibili sovvenzioni.

“In qualità di PMI, non siamo ancora obbligati a redigere un bilancio ESG, ma crediamo nel fatto di dare l’esempio e ora la nostra rendicontazione sulla Malta ESG Platform ci preparerà per quando dovremo allinearci ai futuri requisiti normativi, come la Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) dell’Unione Europea”, ha proseguito Gatt.

“Riteniamo che questo approccio renda il nostro lavoro e la nostra visione molto più significativi”.

RELATED ARTICLES

ULTIME NOTIZIE

‘Questa non è una serie TV’ – Muscat si dichiara non colpevole tra drammi in tribunale e fuori

Centinaia di persone hanno manifestato fuori dal tribunale a sostegno di Muscat e dei suoi collaboratori. Foto: Matteo MirabelliJoseph Muscat si è dichiarato non...